Ho diritto all’assegno sociale?

Ho 74 anni, dai 66 ai 68 anni ho percepito un assegno sociale poi, in seguito a un eredità, non ne ho avuto più diritto. Sei anni fa ho quindi comprato una modesta casa di due locali (valore acquisto 135 mila euro). Due anni fa mi sono sposato con persona che non percepisce alcun reddito e quindi sono coniugato. Io non lavoro. I miei fondi bancari sono ora scesi a venti mila euro.

Posso quindi richiedere l’assegno, o devo aspettare a non avere più niente in banca?

L’assegno sociale spetta ai cittadini italiani e stranieri (questi ultimi con particolari requisiti) con età superiore a 66 anni e 7 mesi: i beneficiari devono percepire un reddito al di sotto delle soglie stabilite annualmente dalla legge.

L’importo base dell’assegno sociale è pari a 453 euro per tredici mensilità: dal compimento dei 70 anni in poi si ha diritto ad una maggiorazione (qualche euro in più al mese).

L’assegno sociale spetta in misura intera ai soggetti non coniugati che non possiedono alcun reddito e ai soggetti coniugati che hanno un reddito familiare inferiore al totale annuo dell’assegno.

Hanno diritto all’assegno in misura ridotta i soggetti non coniugati che hanno un reddito inferiore all’importo annuo dell’assegno e i soggetti coniugati che hanno un reddito familiare compreso tra l’ammontare annuo dell’assegno e il doppio dell’importo annuo dell’assegno.

Per l’anno 2018 il limite di reddito è pari a 5.889,91 euro annui per il soggetto non coniugati e 11.778 euro, se il soggetto è coniugato.

Ricapitolando, se il richiedente percepisce un reddito lordo annuo che cumulato a quello percepito dal coniuge supera 11.778 euro, il richiedente non ha diritto all’assegno sociale. Se, invece, il richiedente ed il coniuge percepiscono un reddito complessivo lordo annuo compreso fra 5.889,91 e 11.778 euro, il richiedente potrà presentare domanda per un assegno in misura ridotta (decrescente rispetto all’importo base, in misura inversamente proporzionale al reddito percepito). Se la coppia percepisce reddito complessivo annuo inferiore ai 5.889,91 euro annui il richiedente potrà presentare domanda per l’assegno sociale in misura intera.

Se il richiedente ha 70 anni, o più, riceverà, in caso di accoglimento dell’istanza, una maggiorazione sull’importo dell’assegno sociale a cui avrebbe diritto se avesse meno di 70 anni.

Quando si parla di reddito percepito ci si riferisce al reddito annuo lordo IRPEF: la casa acquistata influisce sul reddito IRPEF solo con la rendita catastale (ma solo se è adibita ad abitazione del richiedente assegno sociale). La liquidità in conto corrente influirebbe sul reddito IRPEF esclusivamente per gli interessi attivi remunerati annualmente dalla banca, al netto dell’imposta di bollo (si tratta, infatti, di redditi soggetti a imposta sostitutiva – ma, sappiamo che, al momento, il tasso attivo creditore per i conti correnti è pressoché nullo, se non negativo). Le eredità, le vincite al lotto, eccetera, influiscono sul reddito annuo IRPEF esclusivamente per il periodo di imposta in cui si verificano, a meno che non siano effettuati investimenti, anche mobiliari, che generano reddito negli anni successivi. Questo per quanto attiene il requisito relativo alle soglie di reddito.

Naturalmente, però, sia la casa di proprietà che la giacenza media annuale in conto corrente, influiscono sulla determinazione dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) che viene calcolato dall’INPS, per valutare lo stato di bisogno del richiedente, in base alla Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) da allegare alla domanda di assegno sociale.

Il suggerimento è quello di recarsi al più vicino Centro di Assistenza Fiscale (CAF) per presentare, comunque, l’istanza. Al massimo, se dovesse andar male, le comunicheranno un diniego motivato.

16 Novembre 2018 · Tullio Solinas

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Maggiorazione dell'assegno sociale - Vorrei sapere se mia madre ne ha diritto
Vi scrivo per avere chiarimenti riguardo alla possibilità di ottenere l'assegno sociale per mia madre: lei ha 70 anni compiuti, reddito da assegno divorzile di 6000 euro l'anno e nessun altro reddito. Precedentemente non ha chiesto l'assegno perché non ne aveva titolo visto che il suo reddito superava la soglia prevista. Dopo i 70 anni l'assegno sociale dovrebbe ammontare a circa 8000 euro l'anno, mia madre averebbe titolo per chiedere l'assegno sociale parziale? Ovvero i 2000 euro di differenza? Fino ad ora ha ottenuto risposte contrastanti (ha chiamato l'inps e dicono di sì, al patronato dicono di no perché non ...

Assegno sociale anche per il coniuge separato senza reddito indipendentemente dal reddito dell'altro coniuge
Ho compiuto da poco 67 anni, vivo da sola, sono separata da mio marito con provvedimento giudiziale e non percepisco alcun reddito: non ho potuto beneficiare della pensione di cittadinanza avendo una giacenza media in conto corrente superiore ai diecimila euro. Si tratta di soldi lasciatimi in eredità da mia madre con i quali pago mensilmente l'affitto e faccio fronte alle spese di salute. Il coniuge separato è titolare di pensione ma non è obbligato ad assegno di mantenimento a mio favore. La mia domanda è: ho diritto all'assegno sociale anche se il coniuge separato percepisce una pensione di vecchiaia? ...

Domanda assegno sociale - A quanto avrei diritto?
Sono arrivato a 67 anni e vorrei fare domanda per l'assegno sociale: non posseggo immobili, non ho un lavoro e quindi sono senza redditi, vivo in un piccolo alloggio presso un mio parente. Ho investito, da diverso tempo, una somma che mi rende circa il 2% annuo. Allo stato attuale ho 20 euro investiti che mi rendono circa 400€ all'anno. Periodicamente faccio dei prelievi per poter andare avanti. Con questi requisiti posso sperare che la mia domanda di assegno sociale possa essere accolta? ...

Dove mi trovo?