Diritti del coniuge non debitore a seguito di espropriazione di in un bene in regime di comunione

Coniugi sposati in regime di comunione dei beni, uno solo dei due coniugi ha debiti verso il fisco per INPS e IRPEF dichiarati ma non pagati, i coniugi possiedono una casa, cointestata, acquistata dopo il matrimonio, la casa non è di residenza.

In caso di pignoramento di questa casa, tutta la casa va all'asta. Quesito 1: il coniuge non debitore ha diritto alla restituzione del 50% del ricavato della vendita all'asta?

Quesito 2: considerato che i debiti sono di natura tributaria (classificati quindi come debiti non personali ma di natura familiare), questo non inficia il diritto del coniuge (in comunione dei beni) non debitore ad ottenere la restituzione del 50% del ricavata dalla vendita all'asta?

Nella comunione legale, il coniuge debitore risponde con i propri beni alle obbligazioni assunte personalmente: qualora i beni di esclusiva proprietà del coniuge debitore risultassero insufficienti, il creditore può avviare azione sussidiaria sui beni della comunione legale, a meno che il coniuge non debitore non indichi al creditore procedente ulteriori eventuali beni di proprietà esclusiva del coniuge debitore, su cui soddisfare primariamente il debito. Qualora ciò non avvenisse, l'espropriazione, per crediti personali di uno solo dei coniugi, di un bene (o di più beni) rientranti nella comunione legale, avrebbe ad oggetto il bene nella sua interezza e non per la metà, con conseguente scioglimento della comunione legale, limitatamente al bene venduto coattivamente, e il diritto del coniuge non debitore a percepire metà della somma lorda ricavata dalla vendita del bene stesso (o del valore di questo, in caso di assegnazione) (Cassazione sentenza 8803/2017).

In tema di riscossione coattiva di tributi (imposte e tasse), la sussistenza di sopravvenute esigenze familiari va esclusa solo in relazione a debiti che il coniuge debitore riesce a dimostrare accumulati per finalità di natura voluttuaria o caratterizzate da interessi meramente speculativi.

Questo il principio di diritto che emerge dalla lettura della sentenza 25543/2017 della Corte di cassazione.

Se ne conclude che in ipotesi di debiti tributari, non sussiste il diritto del coniuge non debitore a percepire metà della somma lorda ricavata dalla vendita del bene espropriato facente parte della comunione. Il debito, quando non può essere classificato come personale di uno dei coniugi, viene escusso attraverso l'espropriazione del bene comune a soddisfazione dell'integrale esposizione azionata.

6 novembre 2018 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

beni in regime di comunione e di separazione
pignoramento beni indivisi o in comunione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Comunione legale » Che succede se il creditore espropria un bene ai coniugi?
In sede di comunione legale, nel caso di esecuzione forzata, come ad esempio un pignoramento, e vendita di uno dei beni divisi tra coniugi, il consorte non debitore ha diritto ad ottenere la metà della somma ricavata dalla vendita. I beni della comunione legale dei coniugi, infatti, possono essere espropriati ...
Debito personale di uno dei coniugi - Pignoramento ed espropriazione di beni ricadenti nella comunione
Esaminiamo la questione del creditore che voglia soddisfare un credito personale, cioè estraneo ai bisogni della famiglia, su beni appartenenti al coniuge debitore, ma ricadenti nella comunione legale con l'altro coniuge non debitore. La comunione legale tra i coniugi costituisce, nella interpretazione giurisprudenziale assolutamente prevalente una comunione senza quote, nella ...
Comunione legale fra coniugi e comunione ordinaria - Differenze
La comunione legale fra coniugi e la comunione ordinaria sono strutture normative molto differenti. Innanzitutto, la comunione ordinaria è una comunione per quote effettive, mentre la comunione legale è una comunione senza quote (o per quote solo virtuali del 50% ciascuna). Nella comunione ordinaria le quote sono oggetto di un ...
Debiti e regime di comunione dei beni – domande e risposte
Quali sono i beni personali che non rientrano nella comuni­one? a. I beni di proprietà del coniuge prima del matrimonio. b. I beni ricevuti dopo il matrimonio per donazione o eredità. c. I beni di uso strettamente personale di ciascun coniuge. d. I beni che servono all'esercizio della professione di ...
Comunione dei beni tra coniugi » limiti del pignoramento
In tema di pignoramento di immobili in regime di comunione legale, il coniuge non debitore ha diritto di intervenire nella procedura e chiedere la distribuzione del 50% del ricavato dalla vendita all'asta, ma non può opporsi al pignoramento dell'immobile nella sua interezza Gli immobili intestati ai coniugi in regime di ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca