Prestito negato » Ci sono gli estremi per eccepire la responsabilità precontrattuale della finanziaria?

Argomenti correlati:

In seguito ad una domanda di finanziamento ad Agos Ducato vengo liquidato con la seguente letterina:

Gentile Cliente, La informiamo che la richiesta in oggetto è stata rifiutata a seguito di una valutazione complessiva dei dati da lei forniti. Da tale valutazione è emerso che le caratteristiche della pratica non rispettavano i criteri stabiliti dalle nostre procedure di valutazione del merito creditizio. Desideriamo ricordarle che l’esercizio della discrezionalità connessa alla valutazione delle richieste di finanziamento è prerogativa insindacabile dell’ente cui la domanda è proposta ed è dovuto a principi di prudenza di erogazione del credito cui le nostre società devono attenersi, anche in osservanza delle normative di settore. Con l’occasione porgiamo i nostri più cordiali saluti.

Questo non cozza con la sentenza dell’Arbitro Bancario Finanziario 2464/13?

Anche in una più recente decisione (11476/2016) l’Arbitro Bancario Finanziario è intervenuto asserendo che è da ritenere indiscutibile l’attuale sussistenza di un diritto del cliente a ricevere indicazioni, anche se di carattere generale (in quanto applicazione di criteri elaborati per la generalità della clientela), ma pur sempre adeguatamente rapportate alle concrete circostanze individuali, circa le ragioni dell’eventuale diniego di credito.

Nel contenzioso sottoposto a decisione, l’informativa prodotta dalla banca/finanziaria in sede di reclamo era stata ritenuta adeguata dall’Arbitro, avendo, in quella sede, l’intermediario precisato che la valutazione negativa era stata assunta avuto riguardo ad elementi di tipo reddituale, occupazionale, nonché correlati al grado di indebitamento ed alla puntualità nei pagamenti. del richiedente il prestito

Può quindi presentare reclamo con raccomandata A/R alla Agos Ducato, chiedendo che le motivazioni del rifiuto oppostole siano più specifiche e non limitate ad una formula di rito.

Decorsi trenta giorni dalla data di ricevimento del reclamo, in mancanza di una risposta soddisfacente, potrà adire l’Arbitro Bancario Finanziario per le determinazioni del caso.

3 Settembre 2018 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Prestito negato e responsabilità precontrattuale della banca
La concessione di un prestito da parte di una banca o di una finanziaria comporta una valutazione del merito creditizio del richiedente, che costituisce prerogativa dell'istituto erogante. Tuttavia, l'inesistenza dell'obbligo di far credito non esclude la possibilità di riconoscere che, in determinate ipotesi, il mancato accoglimento della richiesta di credito possa essere fonte di responsabilità per banche e finanziarie. In particolare, la mancata erogazione del credito, senza alcun plausibile motivo, espone la banca a responsabilità precontrattuale. In pratica, perché possa ritenersi integrata la responsabilità precontrattuale, è necessario che tra le parti siano in corso trattative; che le trattative siano giunte ...

Credito negato senza motivo - alla banca può essere addebitata la responsabilità precontrattuale
La concessione del credito comporta una valutazione del così detto "merito creditizio" del soggetto richiedente da parte della banca o della finanziaria. Si tratta di una prerogativa dell'istituto erogante, fondata sulla libertà negoziale con conseguente insindacabile scelta di perfezionare, o meno, la conclusione dell'accordo. Non esiste, per le banche e per le finanziarie un obbligo generale di far credito; l'attività di tali imprese deve ispirarsi ai principi di una sana e prudente gestione delle disponibilità e deve essere esercitata avendo riguardo alla stabilità complessiva, all'efficienza e alla competitività del sistema finanziario. D’altra parte, l'inesistenza di un obbligo di far credito ...

Prestito negato per segnalazione nella Centrale Rischi di Intermediazione Finanziaria (CRIF) - Sto pagando le rate di un piano di rientro scaturito da un accordo transattivo con il creditore
Vorrei alcune informazioni riguardo un finanziamento da me stipulato 3 anni fa: sebbene avessi un altro già aperto con la stessa società finanziaria il primo pagato in conto corrente in tale data di scadenza corretto il secondo non riuscivo a pagarlo e cinque/sei rate sono state insolute sebbene io giustificassi il cattivo pagamento del secondo finanziamento la società di recupero crediti non mi aiutava ad incorporare il secondo finanziamento nel primo dopo avermi segnalato alla CRIF di Bologna mi hanno fatto un piano di rientro adesso dopo un anno da questo piano di rientro volevo fare un altro finanziamento per ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Prestito negato » Ci sono gli estremi per eccepire la responsabilità precontrattuale della finanziaria?