Prestito negato » Ci sono gli estremi per eccepire la responsabilità precontrattuale della finanziaria?

In seguito ad una domanda di finanziamento ad Agos Ducato vengo liquidato con la seguente letterina:

Gentile Cliente, La informiamo che la richiesta in oggetto è stata rifiutata a seguito di una valutazione complessiva dei dati da lei forniti. Da tale valutazione è emerso che le caratteristiche della pratica non rispettavano i criteri stabiliti dalle nostre procedure di valutazione del merito creditizio. Desideriamo ricordarle che l'esercizio della discrezionalità connessa alla valutazione delle richieste di finanziamento è prerogativa insindacabile dell'ente cui la domanda è proposta ed è dovuto a principi di prudenza di erogazione del credito cui le nostre società devono attenersi, anche in osservanza delle normative di settore. Con l'occasione porgiamo i nostri più cordiali saluti.

Questo non cozza con la sentenza dell'Arbitro Bancario Finanziario 2464/13?

Anche in una più recente decisione (11476/2016) l'Arbitro Bancario Finanziario è intervenuto asserendo che è da ritenere indiscutibile l'attuale sussistenza di un diritto del cliente a ricevere indicazioni, anche se di carattere generale (in quanto applicazione di criteri elaborati per la generalità della clientela), ma pur sempre adeguatamente rapportate alle concrete circostanze individuali, circa le ragioni dell'eventuale diniego di credito.

Nel contenzioso sottoposto a decisione, l'informativa prodotta dalla banca/finanziaria in sede di reclamo era stata ritenuta adeguata dall'Arbitro, avendo, in quella sede, l'intermediario precisato che la valutazione negativa era stata assunta avuto riguardo ad elementi di tipo reddituale, occupazionale, nonché correlati al grado di indebitamento ed alla puntualità nei pagamenti. del richiedente il prestito

Può quindi presentare reclamo con raccomandata A/R alla Agos Ducato, chiedendo che le motivazioni del rifiuto oppostole siano più specifiche e non limitate ad una formula di rito.

Decorsi trenta giorni dalla data di ricevimento del reclamo, in mancanza di una risposta soddisfacente, potrà adire l'Arbitro Bancario Finanziario per le determinazioni del caso.

3 settembre 2018 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

prestito negato

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Prestito negato e responsabilità precontrattuale della banca
La concessione di un prestito da parte di una banca o di una finanziaria comporta una valutazione del merito creditizio del richiedente, che costituisce prerogativa dell'istituto erogante. Tuttavia, l'inesistenza dell'obbligo di far credito non esclude la possibilità di riconoscere che, in determinate ipotesi, il mancato accoglimento della richiesta di credito ...
Credito negato senza motivo - alla banca può essere addebitata la responsabilità precontrattuale
La concessione del credito comporta una valutazione del così detto "merito creditizio" del soggetto richiedente da parte della banca o della finanziaria. Si tratta di una prerogativa dell'istituto erogante, fondata sulla libertà negoziale con conseguente insindacabile scelta di perfezionare, o meno, la conclusione dell'accordo. Non esiste, per le banche e ...
Prestito negato e merito creditizio - La banca deve fornire motivazioni al cliente a cui nega il finanziamento
Qualora la banca, nell'ambito della propria autonomia gestionale, decida di non accettare una richiesta di finanziamento, è necessario che fornisca riscontro con sollecitudine al cliente; nell'occasione, anche al fine di salvaguardare la relazione con il cliente, andrà verificata la possibilità di fornire indicazioni generali sulle valutazioni che hanno indotto a ...
Phishing » Le responsabilità della Banca sono limitate
Phishing informatico: nei casi di attacchi su conti correnti online; non sempre corrisponde una tutela del cliente da parte dell'istituto di credito. Le banche, infatti, non risarciscono così facilmente per questo tipo di truffe, poiché richiedono al proprio cliente un minimo di accuratezza e prevenzione. Cadere nella trappola non è ...
L'eventuale stato di difficoltà finanziaria dell'azienda non libera il sostituto d'imposta dalle responsabilità penali connesse all'omesso versamento delle ritenute previdenziali ed assistenziali
Il sostituto di imposta deve adempiere all'obbligo retributivo e a quello contributivo: in caso di difficoltà finanziarie, il soggetto interessato è tenuto a ripartire le risorse esistenti all'atto dell'erogazione degli emolumenti in modo da potere assolvere al debito verso l'erario e l'istituto previdenziale, anche se ciò comporti la impossibilità di ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca