Dimissioni dal rapporto di lavoro dipendente in corso di svolgimento Reddito di Cittadinanza (RdC) e indennità di disoccupazione


Per poter aver diritto alla NASpI e/o al RdC le dimissioni del lavoratore dipendente devono essere motivate da una giusta causa

Sono stato percettore di reddito di cittadinanza, successivamente assunto tramite il mio navigator, solo che ad oggi sto avendo problemi alle volte anche seri e sempre più frequenti con il mio principale. Se chiedo le dimissioni, potrò richiedere nuovamente il reddito?

Per poter aver diritto all’indennità di disoccupazione e/o al reddito di cittadinanza le dimissioni del lavoratore dipendente devono essere motivate da una giusta causa: inoltre, le dimissioni non si chiedono, ma si presentano.

Le causali di dimissioni per giusta causa individuate, ad oggi, dalla giurisprudenza sono:

– mancato o ritardato pagamento della retribuzione
– omesso versamento dei contributi (purché non sia stato a lungo tollerato dal lavoratore)
– comportamento ingiurioso del superiore gerarchico verso il dipendente
– pretesa del datore di lavoro di prestazioni illecite da parte del lavoratore
– mobbing
– aver subito molestie sessuali nei luoghi di lavoro
– modificazioni peggiorative delle mansioni lavorative
– spostamento del lavoratore da una sede all’altra senza che vi siano comprovate ragioni tecniche organizzative e produttive come richiesto dall’articolo 2103 del codice civile.

La procedura di dimissioni per giusta causa può essere attivata autonomamente da un lavoratore oppure con l’assistenza di un patronato o di un’ organizzazioni sindacale.

Il datore di lavoro potrebbe tuttavia opporsi, contestando la giusta causa ed in concreto non versando all’INPS il ticket di licenziamento che dà diritto al lavoratore dimessosi per giusta causa di poter fruire dell’indennità di disoccupazione e del reddito di cittadinanza.

In questo scenario, la vertenza dovrebbe necessariamente essere portata, con la citazione della controparte datoriale, all’esame del giudice del lavoro competente.

Una sentenza avversa al lavoratore dimessosi per motivi ritenuti costituire una giusta causa, una volta passata in giudicato, potrebbe comportare l’obbligo alla restituzione di tutti i benefici statali fruiti nel frattempo in seguito alla presunta classificazione unilaterale delle dimissioni presentate per giusta causa ma non giudicate tali in sede giurisdizionale.

2 Luglio 2022 · Annapaola Ferri

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 127 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni » Dimissioni dal rapporto di lavoro dipendente in corso di svolgimento Reddito di Cittadinanza (RdC) e indennità di disoccupazione. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.