Difesa per pignoramento Equitalia presso la residenza del debitore: a chi intestare i beni mobili?

Mio marito era amministratore di una sas che negli anni ha accumulato diverse centinaia di migliaia di euro in debiti IVA, IRAP e attualmente, avendo ricevuto visita da Equitalia è stato costretto a chiudere l’attività. Un verbale di pignoramento dei beni dell’azienda è stato già notificato, mentre un verbale di pignoramento dei beni personali è in arrivo.

Noi siamo sposati in separazione dei beni, l’unica casa è intestata a me così come le due auto. Alcuni mobili della casa sono stati acquistati da me oltre 10 anni fa, altri mobili ci sono stati regalati (oltre 10 anni fa). Poi ovviamente ci sono altri beni (tv, mobili , etc) che sono stati acquistati successivamente.

Ho letto che l’obbligo di conservare la fatture e i titoli d’acquisto è valido per 10 anni, posso quindi esimermi dal disporre dei titoli d’acquisto se il medesimo è avvenuto oltre 10 anni fa?

Per gli altri beni era nostra intenzione, prima che ci venga notificato il verbale di pignoramento dei beni personali, di fare redigere un documento da registrare poi all’agenzia delle entrate.

Ho letto che dovrei redigere un “comodato d’uso gratuito” per mio marito dei beni che io dichiarerò come miei, ma un mio parente laureato in giurisprudenza (ma non ancora avvvocato nè praticante) mi ha consigliato di redigere un documento dove indico mia sorella come proprietaria di tutti i beni (elencati e descritti uno per uno) e io comodataria, senza citare neppure mio marito.

Secondo il vostro parere è corretto? In caso negativo, per quale motivo ?

Vi prego consigliatemi voi, non vorrei commettere un errore in un frangente così delicato.

Raramente l’agente della riscossione (Equitalia fino al primo luglio 2017 e da tale data l’agenzia delle entrate-riscossione) procede al pignoramento presso la residenza del debitore, a meno che non vi siano validi presupposti per ritenere di poter espropriare, nel corso dell’azione esecutiva, oggetti di valore ovvero, mobili d’antiquariato, quadri e sculture d’autore, gioielli, orologi di marca, metalli preziosi, arredi e complementi di pregio, impianti di servizio e/o di intrattenimento tecnologicamente avanzati.

Infatti, il pignoramento presso la residenza di un debitore comune rappresenta, il più delle volte, un’azione esecutiva inefficace (e generalmente poco vantaggiosa economicamente): il rischio che il corre il creditore (per il quale agisce l’agenzia delle entrate-riscossione) è quello di dover far fronte ad altri oneri per poi rientrare, con un’eventuale vendita all’asta di mobili usati, neanche delle spese anticipate.

Tanto premesso, va sempre, ed innanzitutto, ricordato che anche un contratto di comodato gratuito sottoscritto dal debitore ed esibito all’ufficiale giudiziario in occasione dell’accesso presso la sua residenza, potrebbe non evitare il pignoramento dei beni mobili rinvenuti.

Infatti, secondo giurisprudenza consolidata, non è compito dell’ufficiale giudiziario valutare l’efficacia e la legittimità della documentazione prodotta dal debitore: l’ufficiale giudiziario, pertanto, dovrebbe limitarsi ad eseguire il pignoramento dei beni rinvenuti (che si presumono legalmente essere di proprietà del debitore) con esclusione di quelli tassativamente indicati dall’articolo 514 del codice di procedura civile (l’anello nuziale, i vestiti, la biancheria, i letti, i tavoli per la consumazione dei pasti con le relative sedie, gli armadi guardaroba, i cassettoni, il frigorifero, le stufe ed i fornelli di cucina anche se a gas o elettrici, la lavatrice, gli utensili di casa e di cucina unitamente ad un mobile idoneo a contenerli, in quanto indispensabili al debitore ed alle persone della sua famiglia con lui conviventi, gli animali d’affezione).

L’effettivo proprietario dei beni pignorati (nella fattispecie il comodante) ha poi facoltà di rivolgersi, con l’indispensabile supporto tecnico di un avvocato, al giudice dell’esecuzione del Tribunale territorialmente competente per chiedere la liberazione dei beni pignorati dall’ufficiale giudiziario, dietro esibizione di idonea documentazione.

Lei scrive Ho letto che l’obbligo di conservare la fatture e i titoli d’acquisto è valido per 10 anni, posso quindi esimermi dal disporre dei titoli d’acquisto se il medesimo è avvenuto oltre 10 anni fa?

Ammesso pure che il riferimento all’obbligo da lei citato sia coerente con la questione affrontata in questa sede, ci troveremmo, comunque, a risolvere il dilemma classico se sia nato prima l’uovo o la gallina: si dovrebbe, in altre parole, dimostrare che l’acquisto dei beni indicati nel contratto di comodato fosse avvenuto più di dieci anni fa.

E comunque, se c’è un contratto di comodato sottoscritto fra il coniuge del debitore ed un terzo, il terzo non è tenuto anche a produrre le fatture d’acquisto: la ratio è che il giudice dell’esecuzione deve limitarsi a stabilire se la documentazione prodotta sia sufficiente ad escludere l’attribuzione della proprietà dei beni pignorati in capo al debitore esecutato e non deve certo estendersi ad un’indagine finalizzata ad appurare che i beni indicati nel contratto di comodato siano effettivamente di proprietà del contraente non debitore (il comodante).

Il consiglio che le è stato fornito dal suo parente è quindi ottimo, a condizione che sua sorella (affine del debitore) venga messa al corrente della possibilità, nella malaugurata ipotesi di un pignoramento, di dover poi impiegare parte del proprio tempo a girare per aule di tribunale insieme ad un avvocato (che si suppone, inutile aggiungerlo, esser stato pagato dal debitore).

17 Agosto 2017 · Lilla De Angelis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Contratto di comodato di beni mobili e pignoramento presso la residenza o il domicilio del debitore
Ho ricevuto una cartella esattoriale da Equitalia e non ho possibilità di pagarla: abito in una casa e ho un contratto di comodato esclusivamente di una cucina arredata al pianoterra, bagno arredato al secondo, camera arredata al terzo, registrato all'Agenzia delle Entrate. Dovrei effettuare il pagamento entro 5 giorni dalla notifica, trascorso questo tempo procederanno ad esecuzione forzata. La mia domanda è: il Comodante rischia che i suoi mobili e oggetti delle restanti parti dell'immobile siano pignorate? ...

Per evitare il pignoramento dei beni o cambia residenza il debitore o cambiano casa i mobili
Va premesso che, trattandosi come lei riferisce, di un "avviso di procedura stragiudiziale" c'è da ritenere che il creditore voglia solo invitare il debitore a raggiungere un accordo bonario, tipicamente di saldo e stralcio. Va anche detto che, nel caso in cui tutte le trattative stragiudiziali dovessero arenarsi, difficilmente il creditore decide di ricorrere alle vie legali, con la richiesta di un decreto ingiuntivo, se il solo mezzo per ottenere il recupero vantato appare quello del pignoramento presso la residenza del debitore. A meno che il debitore non risieda in una residenza di lusso, adeguatamente arredata. Di norma vengono preferite ...

Contratto di comodato d'uso di mobili a favore di mio marito debitore - Possono pignorare i miei mobili?
Ho registrato presso l'agenzia delle entrate circa un anno fa un contratto di comodato d'uso dei mobili in favore di mio marito che possiede il diritto di abitazione nella mia casa. A causa della precaria situazione economica mio marito smetterà di pagare un prestito personale, possono pignorare i miei mobili anche in presenza del suddetto comodato registrato un anno fa e con il pagamento regolare di tutte le rate a tutt'oggi. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Difesa per pignoramento Equitalia presso la residenza del debitore: a chi intestare i beni mobili?