Difesa da pignoramento su conto corrente

Sono pensionato inpdap con assegno di 1700 euro circa mensili di cui 500 già prelevati da una finanziaria per un prestito. Avendo problemi con altra finanziaria per evitare pignoramenti potrei separarmi consensualmente da mia moglie e riconoscerle un assegno di 1200 euro con prelievo alla fonte?

Ottima soluzione, se ci riesce. A mio giudizio difficilmente il giudice omologherà un accordo, pur consensuale, in cui al coniuge separato obbligato residua un importo inferiore al minimo vitale.

Tenga tuttavia presente che, in base a nuove disposizioni in materia di pignoramento del conto corrente sul quale viene accreditata la pensione (in vigore dal 27 giugno 2015) quando l'accredito ha luogo in data anteriore al pignoramento, l'importo accreditato dall'INPS può essere pignorato solo per quanto eccede il triplo dell'assegno sociale.

In altre parole, al pensionato deve essere lasciato, a scopo di sopravvivenza, un importo triplo dell'assegno sociale.

Da aggiungere, infine, che la soluzione congegnata, ove attuabile (separazione consensuale omologata con assegno di mantenimento pari a 1.200 euro e prelievo alla fonte) potrebbe rappresentare una soluzione in caso di pignoramento del conto corrente (comunque superata dall'entrata in vigore della nuova norma a cui si è fatto riferimento in apertura del topic); ma certamente non la salverebbe da un pignoramento della pensione presso l'INPS.

Infatti, qualora ciò accadesse, la disposizione del pensionato di dirottare 1.200 euro al coniuge separato verrebbe comunque posposta all'ordine giudiziale di prelevare il 20% della quota pignorabile della pensione e consegnarlo al creditore procedente.

17 luglio 2015 · Ludmilla Karadzic

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Separazione personale » Per la determinazione dell'assegno di mantenimento conta la durata del matrimonio
Nell'ambito di una separazione personale, per la determinazione degli importi da corrispondere nell'assegno di mantenimento incide la durata del matrimonio. La durata breve del matrimonio può incidere sulla determinazione dell'assegno divorzile ben potendo non essere osservati tutti i criteri indicati dall'art. 5, comma 6, l. n. 898/1970 e potendo alcuni ...
Conto corrente e obbligo di accredito dello stipendio » E' incostituzionale?
A causa dell'articolo 12 del decreto Salva Italia, è previsto l'obbligo di aprire un conto corrente per accreditare lo stipendio e pensione. E' incostituzionale questa norma? Discutiamo, su questo tema, nel prosieguo dell'articolo. L'idea del governo dei tecnici era quella di poter tracciare tutti i movimenti di denaro e dare ...
Pignoramento del conto corrente bancario o postale sul quale vengono accreditati stipendi e pensioni del debitore - Esempi pratici
Per quanto attiene i crediti di natura esattoriale (in pratica quelli vantati dalla Pubblica Amministrazione per la quale agisce Equitalia o un Concessionario locale della riscossione) il pignoramento del conto corrente del debitore può essere effettuato sulle somme depositate, ma senza includere l'ultimo stipendio o pensione che deve restare sempre ...
Pignoramento stipendi e pensioni depositati su conto corrente » Equitalia non può farlo su ultimi accrediti
Equitalia non può effettuare il pignoramento dell'ultimo stipendio o pensione » Il decreto del fare L'ultimo emolumento del rapporto di lavoro o di pensione non può essere congelato dall'agente di riscossione dello Stato (equitalia) con il pignoramento presso terzi. Lo stop ai pignoramenti di Equitalia riguarda solo le somme depositate ...
Prelievi su conto corrente: arrivano nuovi tetto limite » Multe e controlli ad hoc per chi sgarra
Sono previsti nuovi limiti di tetto per chi effettua prelievi in contanti dal conto corrente attraverso il bancomat: chi li sfora, deve, purtroppo, aspettarsi multe salate ed accertamenti da parte del fisco. Occhio al bancomat, ci sono nuovi limiti sui prelievi in contanti dal conto corrente. Chi li sfora rischia ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca