Credito irpef in dichiarazione dei redditi – Come riscuoterlo?

Argomenti correlati:

Nella mia dichiarazione dei redditi, effettuata con 730 precompilato, è emerso un credito irpef vantato verso l’amministrazione finanziaria.

Come è possibile riscuotere il dovuto?

In quali tempistiche?

A partire dalla retribuzione di luglio, il datore di lavoro o l’ente pensionistico deve effettuare i rimborsi relativi all’Irpef e alla cedolare secca o trattenere le somme o le rate (se è stata richiesta la rateizzazione), dovute a titolo di saldo e primo acconto relativi all’Irpef e alla cedolare secca, di addizionali regionale e comunale all’Irpef, di acconto del 20% su taluni redditi soggetti a tassazione separata, di acconto all’addizionale comunale all’Irpef.

E’ quanto ricorda l’Agenzia delle Entrate nel promemoria di istruzioni allegato al modello 730/2018 che va presentato, anche per i contribuenti che si avvalgono dell’assistenza fiscale dei Caf e dei professionisti abilitati, entro il 23 luglio.

Dunque, se dalla dichiarazione presentata emerge un credito, il rimborso è eseguito direttamente dall’Amministrazione finanziaria.

Se il contribuente ha fornito all’Agenzia delle Entrate le coordinate del suo conto corrente bancario o postale (codice IBAN), il rimborso viene accreditato su quel conto.

La richiesta di accredito può essere effettuata online tramite la specifica applicazione disponibile sul sito internet (chi è già registrato ai servizi telematici può farlo attraverso il canale Fisconline) oppure presso qualsiasi ufficio dell’Agenzia delle Entrate.

Se non sono state fornite le coordinate del conto corrente, il rimborso è erogato con metodi diversi a seconda della somma da riscuotere.

Per importi inferiori a 1.000 euro, comprensivi di interessi, il contribuente riceve un invito a presentarsi in un qualsiasi ufficio postale dove potrà riscuotere il rimborso in contanti, mentre per importi pari o superiori a 1.000 euro il rimborso viene eseguito con l’emissione di un vaglia della Banca d’Italia.

22 Giugno 2018 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Presentazione di una dichiarazione dei redditi dopo 90 giorni dalla scadenza del termine ordinario (dichiarazione omessa) - Quali sanzioni?
Mio figlio l'anno scorso non ha presentato la dichiarazione dei redditi da lavoro dipendente (modello 730). Purtroppo ho visto nel sito dell'Agenzia delle Entrate che tale dichiarazione precompilata non è più modificabile. In tale dichiarazione risulta a debito Irpef di circa 1100 euro, mentre nella realtà, facendo i calcoli, risulta a credito di circa 400 euro, questo perchè nel modello precompilato non viene indicato il numero dei giorni in cui ha lavorato, e di conseguenza, non sono state fatte le ritenute da lavoro dipendente spettanti. Mi sono recata all'Agenzia delle entrate per chiedere come si può sanare la situazione, e ...

Dichiarazione dei redditi - Il bonus Renzi, con i suoi effetti indesiderati, colpisce ancora
Ho appena visto il mio 730 ma sono a debito pur essendo stato per metà 2019 con la naspi fino ad agosto e poi ancora disoccupato fino ad ora: ho tante spese sanitarie come il dentista, ed è molto strano che sono a debito non credete? Inoltre cosa vuol dire nel 730 precompilato 600 euro bonus IRPEF non dovuto? Prima me li danno nella Naspi e poi non è dovuto? ...

Decadenza della cartella di pagamento per debiti IRPEF che emergono dalla dichiarazione dei redditi
Relativamente alle imposte sui redditi, la cartella di pagamento va notificata, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del terzo anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione, in caso di liquidazione automatica. Dunque, se prendo a riferimento l'ultima dichiarazione Modello Redditi 2019, dal 1 gennaio 2020 scatta il timer che arriva fino al 31 dicembre 2022, termine oltre il quale scatterebbe la decadenza. Fin qui ok. Poi leggo: ogni cartella di pagamento contiene l'indicazione della data di iscrizione a ruolo del tributo. Da tale data, quindi, si può far partire il conteggio dei giorni per verificare se si ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Credito irpef in dichiarazione dei redditi – Come riscuoterlo?