Dichiarazione dei redditi e compensazione

A decorrere dal 1 gennaio 2011 sono in vigore le nuove regole di compensazione dei crediti erariali in presenza di debiti iscritti a ruolo e scaduti.

Si chiede di conoscere se le nuove regole in tema di compensazione trovano applicazione nell'ipotesi in cui il contribuente presenti il Mod. 730 dal quale risulti un credito di addizionale (regionale o comunale) e un debito IRPEF.

L'articolo 31 del decreto legge 78/2010 introduce, a partire dal 1° gennaio 2011, il divieto di effettuare la compensazione nel modello F24 dei crediti relativi alle imposte erariali, nell'ipotesi in cui il contribuente sia debitore di imposte erariali di importo superiore a mille e 500 euro, iscritte a ruolo e per le quali sia scaduto il termine di pagamento.

Qualora il contribuente presenti il Mod. 730 dal quale risulti un credito/debito di addizionale e un debito/credito IRPEF, trovano applicazione le specifiche regole previste in tema di liquidazione del 730 di cui al d.m. 31 maggio 1999, n. 164, e non le nuove regole introdotte dall'articolo 31 del d.l. 78 del 2010.

3 marzo 2012 · Piero Ciottoli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

730 istruzioni
compensazione
dichiarazione redditi

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Compensazione dei crediti tributari in presenza di debiti della PA accertati giudizialmente
Nel giudizio di ottemperanza con cui un cittadino richiede nei confronti della pubblica amministrazione il pagamento di un credito accertato giudizialmente l'amministrazione medesima non può eccepire l'esistenza di un proprio credito e, quindi, invocare la compensazione. È, infatti, stato confermato il principio espresso con la sentenza della stessa Suprema Corte ...
Errori ed omissioni nella dichiarazione dei redditi - Termini per rimborsi e ravvedimenti
Le dichiarazioni dei redditi, dell'imposta regionale sulle attività produttive e dei sostituti di imposta possono essere integrate dai contribuenti per correggere errori od omissioni (in danno del contribuente) che abbiano determinato l'indicazione di un maggior reddito o, comunque, di un maggior debito d'imposta o di un minor credito, mediante dichiarazione ...
Dichiarazione dei redditi – chi non è obbligato a presentare la dichiarazione dei redditi
...
Dichiarazione dei redditi - IMU IRPEF e principio di sostituzione
Con la circolare 5/E, l'Agenzia delle Entrate, d'intesa con il Dipartimento delle finanze, fornisce alcuni chiarimenti sugli effetti sull'IRPEF e sulle relative addizionali derivanti dall'applicazione dell'IMU sperimentale per gli anni 2012-2014. In particolare, l'Agenzia delle Entrate ed il Dipartimento delle Finanze precisano che l'esclusione dell'IMU dalla base imponibile IRPEF ha ...
Cartella esattoriale - sempre impugnabile anche se emessa in base alla dichiarazione dei redditi
Il contribuente può contestare una pretesa tributaria anche in sede di impugnazione della cartella emessa sulla base delle sue dichiarazioni: purché ovviamente tale cartella costituisca il primo atto con cui la pretesa viene portata a conoscenza dei contribuente. E non è affatto necessario che il contribuente versi quanto chiesto in ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca