Dichiarazione 730 con Sostituto d’Imposta diverso

Attenzione » il contenuto di questa discussione è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Ho presentato il 730 relativo ovviamente all’anno 2019: a Gennaio 2020 c’è stato un trasferimento di ramo d’azienda e quindi il Sostituto d’Imposta è cambiato (da società x a società y). In caso di rimborso su busta paga ci dovrà fare un bonifico il vecchio sostituto d’Imposta oppure ci rimborserà il nuovo in busta paga e poi si regoleranno tra di loro? Grazie mille.

Il rimborso lo farà il nuovo datore di lavoro e poi compenserà quanto erogato con le ritenute d’acconto che deve versare mensilmente allo Stato.

21 Maggio 2020 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dichiarazione dei redditi e credito IRPEF di importo superiore ai 4 mila euro - L'agenzia delle Entrate potrebbe effettuare controlli preventivi e posticipare il rimborso di solito accreditato dal sostituto d'imposta con la retribuzione di competenza del mese di luglio
Ho letto che per il recupero delle detrazioni sopra i 4000€ la procedura di recupero è differente (non dal sostituto d'imposta ma direttamente dall'agenzia con diversi mesi di ritardo). Inoltre l'agenzia opera controlli più stringenti, di cosa si tratta? ...

Dichiarazione dei redditi con modello 730 - come correggerla dopo la presentazione
Chi ha utilizzato il modello 730 per dichiarare i propri redditi deve controllare attentamente il prospetto di liquidazione delle imposte (modello 730/3) ricevuto dal sostituto d'imposta (datore di lavoro o ente previdenziale) o dall'intermediario (Caf, professionista), allo scopo di verificare che non ci siano errori di compilazione o di calcolo. Qualora si riscontrassero errori, bisogna rivolgersi al più presto a chi ha prestato l'assistenza affinché provveda a sanarli e a redigere un modello 730 "rettificativo" in tempo utile per effettuare i conguagli nella busta paga o nel rateo di pensione. Quando il modello è stato compilato in modo corretto, ma ...

L'eventuale stato di difficoltà finanziaria dell'azienda non libera il sostituto d'imposta dalle responsabilità penali connesse all'omesso versamento delle ritenute previdenziali ed assistenziali
Il sostituto di imposta deve adempiere all'obbligo retributivo e a quello contributivo: in caso di difficoltà finanziarie, il soggetto interessato è tenuto a ripartire le risorse esistenti all'atto dell'erogazione degli emolumenti in modo da potere assolvere al debito verso l'erario e l'istituto previdenziale, anche se ciò comporti la impossibilità di pagare i compensi nel loro intero ammontare. Il principio richiamato vale sia se a fallire sia soltanto la società, che anche l'imprenditore; nella prima ipotesi, peraltro, ove non dichiarato fallito personalmente colui che era il rappresentante legale della società, lo stesso è tenuto al pagamento delle ritenute con le personali ...