Dichiarante, convivente con minore. Assegni familiari.

Sono celibe e convivo con persona separata legalmente e con minore di anni 15 assegnato a lei dal giudice, viviamo e siamo residenti nella stessa casa, quindi la nostra famiglia è formata da: dichiarante e convivente con minore. Volevo sapere se la nostra può essere considerata una famiglia anagrafica, se sia la mia compagna che suo figlio minore possono essere a mio carico e se mi spettano gli assegni familiari per il minore. Il padre lavora solo 4 mesi l'anno.

La composizione della famiglia anagrafica può essere individuata richiedendo uno stato di famiglia. Potrà così verificare se nella stessa unità abitativa convivono due famiglie anagrafiche o ne è stata costituita una sola.

La circostanza dipende dalle dichiarazioni che sono state rese in sede di variazione di residenza (esistenza di vincoli affettivi o di parentela fra i conviventi).

A parte questo aspetto conoscitivo, tuttavia, l'eventuale inclusione in una medesima famiglia anagrafica non le consentirà di poter fruire delle detrazioni fiscali che sono riservate solo a coniugi, figli ed altri familiari del dipendente (anche se non facenti parte della medesima famiglia anagrafica).

5 aprile 2012 · Tullio Solinas

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

assegni per il nucleo familiare e assegni familiari

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Quando l'abuso dei mezzi di disciplina e correzione nei riguardi del figlio minore sfocia nel reato di maltrattamenti in famiglia
Il minore è ormai considerato un soggetto titolare di specifici diritti e non più, come in passato, semplice oggetto di protezione: anche la dignità del minore è tutelata dall'ordinamento. Pertanto, non può ritenersi mezzo di correzione o disciplina l'uso abituale della violenza a scopi educativi, anche perché non può perseguirsi ...
Affidamento condiviso figli - inidoneità del padre che non paga il mantenimento.
E' quanto affermato dalla Corte di Cassazione con sentenza numero 26587 del 17 dicembre 2009. In particolare la Suprema Corte ha respinto il ricorso di un padre che si opponeva all'affidamento esclusivo dei figli alla ex moglie, pur non avendo mai versato loro l'assegno di mantenimento. La Cassazione ha motivato ...
Incostituzionale la norma che limita l'erogazione dell'indennità di maternità alle madri libere professioniste che abbiano adottato un minore con meno di sei anni di età
Il congedo di maternità è il periodo di astensione obbligatoria dal lavoro riconosciuto alla lavoratrice, dipendente o alla professionista iscritta alla gestione separata, durante il periodo di gravidanza e puerperio. Durante il periodo di assenza obbligatoria dal lavoro la lavoratrice percepisce un'indennità economica, erogata dall'INPS, in sostituzione della retribuzione. Il ...
Separazione » Animale domestico deve vivere con figlio minore
I nostri compagni a quattro zampe stanno acquistando un ruolo di sempre maggiore importanza nelle cause tra coniugi, infatti spesso il Giudice nelle sentenze di divorzio o separazione si pronuncia anche sulla sorte dell'animale. Ma a chi spetta l'affidamento del cane o del gatto quando le coppie scoppiano? Facciamo un ...
Separazione personale ed affidamento figli » Nel procedimento il minore va ascoltato come parte
Separazione personale ed affidamento: il minore non è stato sentito? La sentenza di riconoscimento è da rifare. In materia di affidamento è necessario ascoltare anche il minore in quanto portatore di interessi sicuramente differenti da quelli dei genitori ed è qualificabile come parte in senso sostanziale. E' quanto emerge dalla ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca