Di una raccomandata fa fede la data di arrivo o di partenza?

Sono un cittadino del piemonte, so che qui la decorrenza per la prescrizione di un bollo auto è di anni cinque.

In data 02/01/2012 la gec mi contesta il mancato pagamento del bollo 2006 e alle mie lamentele che il suddetto sia prescritto mi dicono che l'oro l'hanno spedito il 05/12/2011 quindi in tempo utile.

Ma della raccomandata fa fede la data in cui io firmo la ricevuta di ritorno o quella in cui la gec l'ha spedita?

La Cassazione nella sentenza 13970/2004 ha precisato che deve ritenersi operante nell'ordinamento vigente un principio generale secondo il quale, qualunque sia la modalità di trasmissione, la notifica di un atto processuale, almeno quando debba compiersi entro un determinato termine, si intende perfezionata, dal lato del richiedente, al momento dell'affidamento dell'atto all'ufficiale giudiziario che funge da tramite necessario del notificante nel relativo procedimento vincolato.

In altre parole al fine del rispetto di un termine pendente a carico del notificante, è sufficiente che l'atto sia tempestivamente consegnato all'ufficiale giudiziario (o al messo o alle poste). Mentre i termini per la tutela in giudizio del destinatario vengono fatti decorrere dal momento in cui è concreta la conoscibilità dell'atto a lui notificato, ovvero con il ricevimento dell'atto (o, comunque, decorsi dieci giorni dalla relativa spedizione nel caso di irreperibilità).

2 febbraio 2012 · Simone di Saintjust

Approfondimenti e integrazioni dal blog

L'assegno bancario privo di data di emissione è nullo
L'assegno bancario, o postale, privo di data di emissione è nullo, nel senso che vale solo come mera promessa di pagamento: l'eventualità che il portatore metta in circolazione il titolo nonostante la mancanza di data, può essere fonte di pregiudizi per il traente, dato che agli effetti della validità dell'assegno ...
Notifica diretta (semplificata) a mezzo posta di avvisi di accertamento e cartelle esattoriali - Se l'atto è consegnato al portiere non è necessaria la raccomandata informativa da spedire all'effettivo destinatario
Gli uffici dell'amministrazione finanziaria (Agenzia delle entrate) ed il concessionario della riscossione (Equitalia) possono procedere alla notifica a mezzo posta ed in modo diretto degli avvisi e degli atti che per legge vanno notificati al contribuente. Ne consegue che, quando l'ufficio dell'amministrazione finanziaria, o il concessionario si sia avvalso di ...
Equitalia » Cartella notificata con raccomandata valida anche senza identificazione ricevente
Sono valide le notifiche delle cartelle esattoriali di Equitalia fatte tramite posta raccomandata. In questi casi non è neanche necessaria l'identificazione del ricevente sulla relata di notifica. La cartella esattoriale può essere notificata, ai sensi dell'articolo 26 del dpr 29 settembre 1973, numero 602, anche direttamente da parte del Concessionario ...
Vacanze estive in arrivo » Occhio agli spostamenti sui traghetti
Ci siamo: le ferie sono, molto, vicine. Molti Italiani sceglieranno di trascorrere la villeggiatura in qualche isola per trovare un pò di relax. Naturalmente, utilizzeranno i traghetti per muoversi verso queste oasi di pace. Ecco, allora, qualche suggerimento per evitare brutte sorprese e trascorrere un periodo lontano dallo stress. Le ...
Per interrompere la prescrizione basta una raccomandata semplice - Non serve l'avviso di ricevimento
Una lettera raccomandata semplice, anche in mancanza di avviso di ricevimento, può costituire prova certa della spedizione di una comunicazione interruttiva dei termini di prescrizione da parte del creditore. E' sufficiente produrre la relativa ricevuta. Dalla ricevuta consegue la presunzione di consegna al debitore e di conoscenza dell'atto: vanno considerate, ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca