Detrazioni per coniuge a carico

Sarebbe possibile per un pensionato con un reddito complessivo di € 13 mila e 500 (di cui mille e 500 di redditi fondiari e 12 mila da pensione) portare a carico il proprio coniuge che percepisce una pensione di € 7 mila e 500 euro (ed ha unicamente redditi di fabbricati per circa 350 euro) potendo conseguire in tal modo le detrazioni per coniuge a carico?

No, purtroppo non è possibile: infatti, sono considerati familiari fiscalmente a carico coniugi e figli (anche non conviventi) ed altri familiari conviventi che, nell'anno d'imposta a cui si riferisce la dichiarazione dei redditi, hanno posseduto un reddito complessivo uguale o inferiore a 2 mila, 840 euro e 51 centesimi, al lordo degli oneri deducibili.

13 aprile 2012 · Andrea Ricciardi

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Dichiarazione dei redditi - la detrazione per coniuge a carico
E' considerato fiscalmente a carico, il coniuge, non legalmente ed effettivamente separato, che nell'anno di imposta oggetto della dichiarazione ha percepito un reddito complessivo uguale o inferiore a 2.840,51 euro, al lordo degli oneri deducibili. Nel limite di reddito di 2.840,51 euro che il coniuge non deve superare per essere ...
Dichiarazione dei redditi – detrazioni per i familiari a carico
PRESUPPOSTI E PRINCIPALI REGOLE PER IL RICONOSCIMENTO DELLA DETRAZIONE PER I FAMILIARI A CARICO Dal 1º gennaio 2007, i contribuenti che hanno familiari a carico usufruiscono, in luogo delle vecchie deduzioni dal reddito, di detrazioni d'imposta, nella misura indicata dall'articolo 12 del Testo Unico delle Imposte sui Redditi (TUIR). Sono ...
Dichiarazione dei redditi - le detrazioni per figli a carico
E' considerato fiscalmente a carico, il figlio che nell'anno di imposta oggetto della dichiarazione ha percepito un reddito complessivo uguale o inferiore a 2 mila e 840,51 euro, al lordo degli oneri deducibili. Può essere considerato fiscalmente a carico il figlio che non convive con il contribuente o risulta residente ...
La pensione di reversibilità va ripartita fra la vedova e il coniuge divorziato
Le norme inerenti la pensione di reversibilità, si interpretano nel senso che per titolarità dell'assegno deve intendersi l'avvenuto riconoscimento di esso da parte del Tribunale. Tale riconoscimento è intervenuto, essendo in corso il giudizio per la determinazione dell'assegno alla morte del pensionato, e il Tribunale ha dichiarato il diritto del ...
Assegno a carico degli eredi dell'ex coniuge defunto a beneficio del coniuge divorziato superstite - Quando può essere richiesto
All'ex coniuge, titolare del diritto di corresponsione periodica di un assegno di divorzio, qualora versi in stato di bisogno, il tribunale, dopo il decesso dell'obbligato, può attribuire un assegno periodico a carico dell'eredità tenendo conto dell'importo di quelle somme, della entità del bisogno, dell'eventuale pensione di reversibilità, delle sostanze ereditarie, ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca