Detrazioni fiscali per il risparmio energetico - Posso fruirne essendo titolare di un comodato d'uso dell'immobile?

In riferimento al precedente quesito, stante questa situazione:
Moglie incapiente (disoccupata) residente e proprietà immobile ove verranno svolti lavori per il risparmio energetico;
- Coniuge vive con la moglie (medesimo nucleo familiare), ma residente in altro comune, e che effettua tutte le spese come previsto da regolamento.

Preso atto che tra i requisiti per usufruire delle agevolazioni occorre avere stipulato un contratto di comodato uso gratuito.

Chiedo: è sufficiente che sia di tipo verbale? Oppure è obbligatorio che sia scritto? Se scritto è obbligatorio che sia registrato? O è sufficiente che abbia data certa (timbro raccomandata senza busta o PEC a se stessi)?

Nulla è esplicitamente indicato dalla legge, a quanto ci risulta. Tuttavia, considerato che eventuali controlli sulla sussistenza dei requisiti per godere del beneficio sono effettuati dall'Agenzia delle entrate, il suggerimento è quello di registrare il contratto di comodato e successivamente procedere all'installazione delle tende.

12 maggio 2017 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

agevolazioni fiscali per ristrutturazioni edilizie e per il risparmio energetico

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Contratto di comodato di un immobile - Non è opponibile all'acquirente
Il contratto di comodato di un bene stipulato dall'alienante in epoca anteriore al rogito non è opponibile all'acquirente del bene stesso. L'acquirente a titolo particolare del bene concesso in precedenza dal venditore in comodato non può, quindi, risentire alcun pregiudizio dall'esistenza di tale comodato e ha, pertanto, il diritto di ...
Comodato d'uso di un immobile » il proprietario può risolvere il contratto se la destinazione del bene è dubbia
Il proprietario dell'immobile può risolvere il contratto di comodato d'uso se la destinazione del bene non è chiara. Con il contratto di comodato, il proprietario concede gratuitamente a terzi il diritto di uso del bene proprio e, quindi, soprattutto quando si tratti di un immobile, la sussistenza di una effettiva ...
Il comodato a tempo determinato, a tempo determinabile ed il comodato precario senza determinazione di durata
Il codice civile disciplina due forme del comodato, quello propriamente detto, regolato dagli articoli 1803 e 1809 e il cosiddetto comodato precario, al quale si riferisce l'articolo 1810 del codice civile, rubricato come comodato senza determinazione di durata. Nel caso di comodato precario, connotato dalla mancata pattuizione di un termine ...
Bene concesso in comodato - Quando il comodante può richiederne la restituzione
Il bene concesso in comodato d'uso deve essere restituito non appena il comodante lo richieda, a meno che: non stato pattuito espressamente un termine di durata; il termine di durata del comodato risulti dall'uso cui la cosa è destinata. La norma prevede dunque tre ipotesi: quella in cui al comodato ...
Contratto di comodato di immobile a favore di un nucleo familiare - Non cessa con l'eventuale crisi coniugale
Ove il comodato di un bene immobile sia stato stipulato senza limiti di durata in favore di un nucleo familiare, già formato o in via di formazione, si versa nell'ipotesi del comodato a tempo indeterminato, caratterizzato dalla non prevedibilità del momento in cui la destinazione del bene verrà a cessare. ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca