Demansionamento e riduzione ore per riorganizzazione reparto – Come opporsi?

Argomenti correlati:

A causa della riorganizzazione del reparto propongono al responsabile un demansionamento al ruolo di coordinatore e riduzione di ore da 40 a 30 ma nello stesso reparto. In alternativa un ricollocamento in altra azienda, novemila euro lordi in meno rispetto a prima. Volevo sapere se il tutto è lecito e come poter controbattere.

Bisognerebbe comprendere se le esigenze di riorganizzazione siano oggettive o fittizie, semplicemente finalizzate ad un contenimento dei costi del lavoro. In questo senso, il ruolo di controparte dovrebbe essere assunto dal sindacato che come sappiamo, di questi tempi latita, ed è quasi sempre allineato con le scelte padronali.

In ogni caso, in uno scenario come quello prospettato, il singolo lavoratore non può, e non deve, contestare le scelte imposte dal datore di lavoro, rischiando il licenziamento. Una volta subito il demansionamento, il lavoratore potrà sempre adire il giudice, al riparo, così, da azioni ritorsive, mettendo eventualmente in discussione, con dati di fatto, le esigenze con cui è stato motivato il nuovo assetto organizzativo e chiedendo un adeguato risarcimento danni.

29 Dicembre 2017 · Tullio Solinas

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Coronavirus e rincari: molti esercenti fanno spuntare la Tassa Covid in fattura - Come opporsi?
Sono stato recentemente, dopo la lunga sosta a causa della quarantena, a tagliarmi i capelli dal mio parrucchiere di fiducia e mi sono reso conto che il prezzo, però, è aumentato di ben due euro: alla mia domanda il titolare ha risposto che si tratta di un contributo obbligatorio per l'emergenza Coronavirus. Vorrei sapere se questo rincaro è lecito ed, in caso contrario, cosa fare per opporsi. ...

Cessione del quinto dello stipendio e riduzione della retribuzione superiore ad un terzo
Ho necessità di alcuni ragguagli relativamente alla notifica di contratti cqs/delegazione di pagamento stipulati da dipendenti quando in forza presso altra azienda e notificati alla nostra azienda con pretesa di effettuare le trattenute. Si precisa che la cessazione del rapporto di lavoro con l'altra azienda è avvenuta mediante regolare risoluzione del contratto e sottoscrizione di nuovo contratto di lavoro con l'attuale azienda. La quasi totalità dei contratti di cqs/delegazione di pagamento risultano al momento della notifica già scaduti – a titolo esemplificativo: un contratto stipulato nel 2006, 120 rate, notifica del contratto avvenuta agosto 2019. ...

Legittimo il demansionamento del lavoratore in seguito a ristrutturazione aziendale
La disciplina delle mansioni e sul divieto di declassamento va interpretata alla stregua del bilanciamento del diritto del datore di lavoro a perseguire un'organizzazione aziendale produttiva ed efficiente e quello del lavoratore al mantenimento del posto, con la conseguenza che, nei casi di sopravvenute e legittime scelte imprenditoriali, comportanti, tra l'altro, interventi di ristrutturazione aziendale, l'adibizione del lavoratore a mansioni diverse, ed anche inferiori, a quelle precedentemente svolte senza modifica del livello retributivo, non si pone in contrasto con il dettato del codice civile se essa rappresenti l'unica alternativa praticabile in luogo del licenziamento per giustificato motivo oggettivo. Tanto è ...

Dove mi trovo?