Demansionamento e riduzione ore per riorganizzazione reparto - Come opporsi?

A causa della riorganizzazione del reparto propongono al responsabile un demansionamento al ruolo di coordinatore e riduzione di ore da 40 a 30 ma nello stesso reparto. In alternativa un ricollocamento in altra azienda, novemila euro lordi in meno rispetto a prima. Volevo sapere se il tutto è lecito e come poter controbattere.

Bisognerebbe comprendere se le esigenze di riorganizzazione siano oggettive o fittizie, semplicemente finalizzate ad un contenimento dei costi del lavoro. In questo senso, il ruolo di controparte dovrebbe essere assunto dal sindacato che come sappiamo, di questi tempi latita, ed è quasi sempre allineato con le scelte padronali.

In ogni caso, in uno scenario come quello prospettato, il singolo lavoratore non può, e non deve, contestare le scelte imposte dal datore di lavoro, rischiando il licenziamento. Una volta subito il demansionamento, il lavoratore potrà sempre adire il giudice, al riparo, così, da azioni ritorsive, mettendo eventualmente in discussione, con dati di fatto, le esigenze con cui è stato motivato il nuovo assetto organizzativo e chiedendo un adeguato risarcimento danni.

29 dicembre 2017 · Tullio Solinas

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

lavoro - demansionamento

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Il datore di lavoro ha l'onere di provare l'insussistenza di qualsiasi demansionamento denunciato dal proprio dipendente
Quando il lavoratore denuncia demansionamento o dequalifcazione, ha l'onere di allegare gli elementi di fatto significativi circa l'inesatto adempimento dell'obbligo di adibizione a mansioni corrispondenti alla categoria e qualifica di appartenenza o a mansioni equivalenti alle ultime effettivamente svolte. Al datore di lavoro incombe invece l'onere di dimostrare l'esatto adempimento ...
Dequalificazione e demansionamento del lavoratore
Ai fini della verifica della legittimità dello spostamento del lavoratore da una sede all'altra con assegnazione a diverse mansioni, operata dal datore di lavoro, deve essere valutata la omogeneità tra le mansioni successivamente attribuite e quelle di originaria appartenenza, sotto il profilo della loro equivalenza in concreto rispetto alla competenza ...
Legittimo il demansionamento del lavoratore se l'alternativa è il licenziamento per giustificato motivo oggettivo
E' valido il patto di demansionamento che, ai soli fini di evitare un licenziamento, attribuisca al lavoratore mansioni, e conseguente retribuzione, inferiori a quelle per le quali era stato assunto o che aveva successivamente acquisito, prevalendo in tal caso l'interesse del lavoratore a mantenere il posto di lavoro. Tale patto ...
Legittimo il demansionamento del lavoratore in seguito a ristrutturazione aziendale
La disciplina delle mansioni e sul divieto di declassamento va interpretata alla stregua del bilanciamento del diritto del datore di lavoro a perseguire un'organizzazione aziendale produttiva ed efficiente e quello del lavoratore al mantenimento del posto, con la conseguenza che, nei casi di sopravvenute e legittime scelte imprenditoriali, comportanti, tra ...
Le prove del demansionamento e della dequalificazione del lavoratore
In tema di demansionamento e di dequalificazione, il riconoscimento del diritto del lavoratore al risarcimento del danno professionale, biologico o esistenziale, che asseritamente ne deriva, non ricorrendo automaticamente in tutti i casi di inadempimento datoriale, non può prescindere da una specifica allegazione sulla natura e sulle caratteristiche del pregiudizio medesimo. ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca