Definitiva idoneità all’esecuzione forzata

Argomenti correlati:

Dopo un decreto ingiuntivo, emesso nel 2001 a favore mio e di miei altri 4 colleghi dal Giudice del lavoro, il debitore (ente locale) ha proposto ricorso in appello.

Dopo varie rimesse nei termini per motivi attribuibili alla controparte opponente, il giudice nel 2006 dichiara inammissibile il ricorso e dispone la definitiva idoneità all’esecuzione forzata del Decreto ingiuntivo con condanna dell’opponente alle spese legali.

La controparte opponente però eccepisce nel dispositivo ultimo del giudice un vizio di forma circa la data di notificazione del ricorso da cui è scaturita la inammissibilità del ricorso stesso, riproponendo quindi la riammissione nei termini per il ricorso in appello, senza tuttavia dare corso all’esecutività.

A tutt’oggi (Giugno 2012) abbiamo avuto solo rinvii delle udienze. Il nostro avvocato si oppone alla procedura dell’esecuzione forzata prima della sentenza definitiva della Corte di Appello perchè, secondo lui, potremmo incorrere in una futura restituzione della somma riscossa, in seguito alla eventuale sorte negativa del caso con l’aggravio degli interessi maturati nel tempo.

E’ Giusto aspettare? Possibile che il giudice abbia sbagliato il calcolo delle date? Oppure è la conseguente decisione dopo le varie possibilità date dal giudice all’opponente di riammissione nei termini?

Mi limito a rispondere alla prima domanda, perchè non ho elementi per affrontare la questione della remissione in termini.

In situazioni simili, anche io preferisco consigliare ai miei clienti, come ha fatto il suo avvocato, una strategia processuale improntata alla prudenza.

Passare da escussore ad escusso non è un’esperienza piacevole.

12 Giugno 2012 · Loredana Pavolini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

definitiva idoneità all'esecuzione forzata
Mi limito a rispondere alla prima domanda, perchè non ho elementi per affrontare la questione della remissione in termini. In situazioni simili, anche io preferisco consigliare ai miei clienti, come ha fatto il suo avvocato, una strategia processuale improntata alla prudenza. Passare da escussore ad escusso non è un'esperienza piacevole. ...

Giudice competente sentenza favorevole al proprietario di un terreno conteso e ricorso - Si può chiedere ad altro giudice l'esecuzione provvisoria?
Mi permane il quesito: è consentito o meno inoltrare richiesta affinché la controparte rilasci gli immobili prima della sentenza d'appello, ovvero è necessario attendere la sentenza per poter agire? L'istanza di provvisoria esecuzione della sentenza favorevole può essere presentata al giudice competente, quindi non in altra sede rispetto a quella in cui è incardinato il ricorso: il giudice, consapevole che sulla questione pende già il ricorso della controparte soccombente, deciderà nel merito se riterrà verificati i requisiti di urgenza e indifferibilità della provvisoria esecuzione. ...

Esecuzione forzata Equitalia chi sono i coobbligati
Per debiti Iva relativi all'anno 2000 di una società di cui ho poi ceduto la mia quota nel 2001, ho ricevuto oggi avviso di messa in mora ed esecuzione forzata se non pago entro 5 giorni da Equitalia. Il debito sarebbe andato in prescrizione il 02/11/2014, io non possiedo immobili attualmente lavoro con un part time a tempo determinato e sono residente in casa di proprietà di mia madre. Leggendo alcuni articoli su internet si parla di esecuzione forzata anche sui coobbligati. I genitori sono coobbligati del debitore, anche non avendo niente a che fare con la suddetta società? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Definitiva idoneità all’esecuzione forzata