Due decreti ingiuntivi – Solo il primo dei due creditori procedenti potrà pignorare la pensione

Titolare di tre finanziamenti con tre diverse compagnie, regolarmente approvati e concessi in presenza degli altri finanziamenti,le rate venivano sempre regolarmente pagate.

Segue messa in vendita di immobili (terreni) con il cui ricavo dovevano essere saldati i prestiti, nasceva una problematica con gli acquirenti; per cui dal 2011 ad oggi è in atto un contenzioso.
le problematiche scaturite hanno comportato seri problemi economici: la prima finanziaria cede il credito alla ifis che procede con decreto ingiuntivo nel 2017 per euro poco più di 8.000 con relativa trattenuta di 1/5 sulla pensione.

All’inizio del corrente mese è stato notificato ulteriore decreto ingiuntivo da saphira spv s.r.l per euro 33.000.

Essendo monoreddito, 4 persone in famiglia, abitazione in locazione con euro 520 mensili, trattenuta obbligatoria sulla pensione di euro 215 (1/5) su euro 1.800 circa, non esiste condizione di fronteggiare il pagamento ingiunto.

Chiedo: non intendo fare opposizione (dato che il debito esiste) ma vorrei presentare al giudice (nei 40 gg previsti con scritto privato e senza legale) una documentazione comprovante l’impossibilità al pagamento. nel contempo menzionando il contenzioso e valore degli immobili di euro 190.000 comprovato con l’esistente perizia giurata; ossia qualora gli immobili vengano messi all’asta per recuperato il debito, è facoltà del creditore stabilire il prezzo e se il restante è versato al proprietario.
-consigli per affrontare la questione.
Si ringrazia

Purtroppo non potrà evitare la trattenuta sul rateo di pensione, che sarà pari al 20% della quota mensile, al netto delle tasse, eccedente il minimo vitale.

A partire da gennaio 2019, l’importo massimo dell’assegno sociale ammonta a 458 euro: trattandosi di una misura di sostegno al reddito ed essendo l’importo erogato necessariamente minore del minimo vitale (valorizzato come importo massimo dell’assegno sociale aumentato della metà), l’assegno sociale risulta assolutamente non pignorabile.

La pensione, dunque, potrà essere pignorata presso l’INPS, solo per l’importo eccedente 687 euro, dal momento che il minimo vitale è pari all’importo massimo dell’assegno sociale aumentato della metà.

In soldoni, tenendo conto che la parte della sua pensione eccedente il minimo vitale ammonta a 1113 euro, dovrà rinunciare ad ulteriori 223 euro circa al mese.

Il giudice, nell’assegnare la percentuale della pensione al creditore procedente non può, anche se lo volesse, tener conto della particolari situazioni economiche in cui versa il debitore sottoposto ad azione esecutiva (numero di persone del nucleo familiare a carico, importo del canone di locazione, precedente cessione del quinto), ma deve solo vigilare sul fatto che la somma dei prelievi per pignoramento, anche concorrenti, e della ritenuta per cessione del quinto, insieme non impegnino più della metà del rateo mensile percepito dal pensionato debitore.

Per chiudere definitivamente con le azioni esecutive delle tre finanziarie di cui è debitore, che prolungherebbero all’infinito la trattenuta sulla pensione, e si rifletterebbero anche sugli eredi in caso di premorienza del pensionato, può tentare la procedura di liquidazione del patrimonio prevista dalla legge 3/2012 per la composizione delle crisi da sovraindebitamento: in pratica, il giudice del sovraindebitamento nominerebbe un liquidatore per la vendita dei terreni di sua proprietà: nel frattempo non correrebbe il rischio di ipoteca o di espropriazione forzata (e conseguente vendita all’asta) da parte dei creditori.

Questo link consente di accedere al registro gestito dal Ministero della Giustizia dove è possibile reperire l’elenco degli organismi abilitati alla composizione della crisi da sovraindebitamento, nonché tutti i dati di contatto, per ottenere adeguata assistenza nella presentazione di piano del consumatore, con liquidazione volontaria dei beni del debitore, presso il Tribunale territorialmente competente.

11 Settembre 2019 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Debito Santander ceduto a banca IFIS - In che misura il nuovo creditore potrà pignorare la mia pensione?
il 26 ottobre mi è arrivato quanto in oggetto dal tribunale di Catanzaro per la somma di 22 mila e 609 euro: faccio presente che ero un ottimo pagatore ed era il secondo prestito che facevo con Santader. Poi la mia società (snc) causa grandi crisi economica è stata costretta al concordato in continuità con la garanzia della mia casa di proprietà che è stata messa all'asta. Ancora sono in concordato e non sto lavorando più, pur costretto a tenere la partita iva ancora aperta. Dall'anno scorso ho percepito la mia prima pensione per euro 1.250,00 con una cessione del ...

Indebitamento personale superiore a pensione e stipendio - Cosa fare?
Sto cercando di trovare una soluzione per i miei suoceri che hanno accumulato debiti nel tempo con somma mensile di rate da pagare superiore agli introiti mensili. In particolare hanno mutuo, carta revolving, fido bancario fuori soglia, prestiti vari per un totale rate di € 2.400 a fronte di stipendio e pensione di € 2.300. Sulla pensione è già attiva cessione del quinto e sullo stipendio cessione e prestito delega per 10 anni. L'unica cosa da fare è decidere consapevolmente di non pagare più qualcosa. Vorrei sapere se secondo voi è meglio non pagare definitivamente e del tutto alcuni prestiti ...

Legge 3/2012 (salva suicidi) - Come si perviene all'accordo con i creditori?
Vorrei avere delle delucidazioni sulla possibilità di usufruire della legge sul sovraindebitamento familiare, in quanto non mi sono chiare alcune cose. Io ho dei debiti che non riesco più a pagare e altri che sto regolarmente pagando. Illustro la mia disastrosa situazione: Banca 1 Mutuo ipotecario debito residuo 75.000 euro (Pag. regolare) Carta di credito 3000 euro (pag. sospeso) Fido bancario 2.500 (pag. sospeso) Banca 2 Prestito personale parzialmente pagato di originari 50.000 euro (pag. sospeso nel 2014) ora pare che sia diventato di 80.000 circa. Banca 3 cessione del quinto di 10.000 euro e prestito delega di 7.000 euro ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Due decreti ingiuntivi – Solo il primo dei due creditori procedenti potrà pignorare la pensione