Decreto ingiuntivo e precetto

Mi è stato notificato sia il decreto ingiuntivo che il precetto sulla mia residenza precedente a casa dei miei genitori per cui avevo sia per la notifica del decreto che del precetto già variato indirizzo di residenza .
Procederanno al pignoramento su tale residenza in cui vivono i miei genitori?
Ora sono sposata, in regime di separazione, casa e beni mobili sono di mia marito, può tutelarsi con un contratto di comodato d' uso?
In quanto non dispongo di tale cifra c'è ancora la possibilità di fare una proposta di saldo e stralcio o è troppo tardi?
Il quinto del mio stipendio è già impegnato per una cessione possono comunque pignorarlo?

Il creditore può pignorare i beni che trova nella casa in cui ha residenza il debitore.

Se la sua residenza non è più presso i suoi genitori, l'ufficiale giudiziario commette un errore se procede al pignoramento.

Un contratto di comodato d'uso fra coniugi non verrà ritenuto idoneo per evitare il pignoramento.

Purtroppo,nonostante la cessione del quinto in corso, il suo stipendio è ancora pignorabile.

Non credo che, a questo punto, il creditore possa accettare una proposta di concordato. A mio parere il creditore sa di poterle pignorare lo stipendio.

16 febbraio 2012 · Marzia Ciunfrini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

accordo bonario nel recupero crediti
cessione del quinto
che cosa è un accordo a saldo stralcio
come funziona il saldo stralcio
decreto ingiuntivo
pignoramento stipendio
precetto

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Notifica del decreto ingiuntivo e del precetto - irreperibilità del debitore e vizi di nullità
La notifica di un decreto ingiuntivo o di un precetto richiede che l'ufficiale giudiziario indichi specificamente le ragioni di difficoltà materiale per cui non ha potuto procedere, descrivendo, in particolare, le infruttuose ricerche del debitore nel luogo di residenza, dimora, o di domicilio, con conseguente illegittimità della notifica qualora la ...
Riscossione coattiva dei crediti – Decreto ingiuntivo e precetto
Il decreto ingiuntivo, così come la cartella esattoriale, l'assegno o la cambiale, sono titoli esecutivi. Dopo la notifica del decreto ingiuntivo si hanno a disposizione 40 giorni per impugnarlo. In assenza di opposizione, verrà notificato un precetto con il termine ultimativo di 10 giorni per il pagamento. Decorso tale termine, ...
Emissione decreto ingiuntivo - Le spese legali sostenute successivamente non possono essere intimate tramite precetto
Qualora il debitore abbia pagato per intero la somma indicata nel titolo esecutivo, comprensiva delle spese processuali ivi liquidate, il creditore non può, successivamente a tale pagamento, intimare precetto, sulla base dello stesso titolo, per il pagamento delle spese processuali sostenute dopo l'emissione di quest’ultimo e necessarie per la sua ...
Notifica del precetto - nulla e non sanabile se non viene rispettata rigorosamente la procedura
La notifica dell'atto di precetto deve rispettare l'ordine dei luoghi fissato dalla legge a pena di nullità. La notifica deve essere effettuata nel comune di residenza del destinatario: di norma la residenza viene individuata basandosi sull'effettiva ed abituale presenza del soggetto in un determinato luogo, dal momento che l'iscrizione anagrafica ...
Pignoramento » Il precetto non deve essere rinnovato per più procedure di esecuzione forzata
Qualora fosse in atto più di un pignoramento, il creditore può utilizzare lo stesso precetto fino a che ha ottenuto il risanamento del debito: se non sono scaduti i 90 giorni, infatti, il precetto in rinnovazione è un atto che non ha alcuna utilità. Come chiarito in diversi interventi sul ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca