Decreto ingiuntivo creditore privato ed ipoteca giudiziale – Esistono limiti di importo a debito per l’iscrizione ipotecaria?

Argomenti correlati:

Mi è stato notificato un Decreto ingiuntivo per euro 2 mila e 546,82 e sono un po’ preoccupato di trovarmi la casa ipotecata: però leggevo in giro che esistono dei limiti di debito al di sotto dei quali non si può iscrivere ipoteca, ma non ho capito bene se questi limiti valgono solo per l’Agenzia delle Entrate Riscossione (ex Equitalia), oppure anche per i creditori privati.

Se il creditore è privato, esiste un limite al di sotto del quale non è possibile iscrivere ipoteca sull’immobile del debitore?
Potreste fornirmi cortesemente un riferimento normativo sia in caso affermativo che in caso negativo?

L’articolo 77 (iscrizione di ipoteca), comma 1 bis del Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) 602/1973 (disposizioni sulla riscossione delle imposte sul reddito) stabilisce che l’agente della riscossione, anche al solo fine di assicurare la tutela del credito da riscuotere, può iscrivere la garanzia ipotecaria, purché l’importo complessivo del credito per cui si procede non sia inferiore complessivamente a ventimila euro.

Si tratta di un limite che vale per Agenzia delle Entrate Riscossione (ex Equitalia) trattandosi di una norma contenuta in un dispositivo di legge specifico, finalizzato a regolare la riscossione di crediti tributari da parte dell’agente esattoriale.

Il codice civile, invece, che enuncia regole rivolte alla totalità dei cittadini italiani, non prevede alcun riferimento a limiti di importo per l’iscrizione di ipoteca: in particolare l’articolo 2839 dispone che per eseguire l’iscrizione il creditore deve presentare un nota in conservatoria contenente, fra l’altro, l’indicazione del titolo esecutivo (il decreto ingiuntivo) e l’importo della somma per la quale l’iscrizione è effettuata.

Tuttavia, l’iscrizione ipotecaria ha dei costi che il creditore deve comunque anticipare e che non assicura tempi brevi di riscossione del dovuto: se l’intenzione è quella di riscuotere il credito in tempi brevi, l’iscrizione ipotecaria non è la migliore soluzione (il creditore dovrà attendere la vendita dell’immobile ipotecato da parte del debitore o dovrà procedere per espropriazione, sostenendo altri costi che verranno ricompensati in tempi mediamente lunghi).

Pertanto, se l’importo non è rilevante, il creditore preferirà tentare la soluzione della controversia con un accordo stragiudiziale oppure, procederà legalmente nei confronti del debitore con pignoramento dello stipendio o del conto corrente, piuttosto che con l’iscrizione ipotecaria sul bene immobile di proprietà del debitore.

6 Gennaio 2020 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Ipoteca esattoriale ed espropriazione immobiliare - limiti di importo e condizioni per procedere
In tema di iscrizione di ipoteca esattoriale ed espropriazione immobiliare, la legge numero 16/2012 (approvata il 2 marzo 2012) è intervenuta per fissare gli importi minimi dei debiti tributari per ipoteca ed espropriazione immobiliare. Iscrizione di ipoteca esattoriale L'ipoteca è una misura cautelare che garantisce il credito, attribuendo all'ente creditore il diritto di essere soddisfatto con preferenza nel caso di espropriazione. L'ipoteca può riguardare beni del debitore o del coobbligato (ipoteca legale) o di un terzo (ipoteca volontaria). Si costituisce mediante iscrizione nei registri immobiliari. Dal 13 luglio 2011, prima di iscrivere ipoteca, Equitalia è tenuta a notificare al proprietario ...

Equitalia: pignoramento immobiliare ed ipoteca sulla casa » Limiti analogie e differenze
Pignoramento immobiliare ed iscrizione di ipoteca da parte di Equitalia: quali sono i limiti? E le differenze? Scopriamolo nel prosieguo dell'articolo. Per cominciare, va detto che i due concetti sono completamente differenti: l'ipoteca è una cosa completamente diversa dal pignoramento immobiliare e l'una non comporta, ne esclude, per forza l'altro. L'ipoteca, infatti, garantisce al creditore la certezza di soddisfarsi sull'eventuale ricavato dalla vendita forzata, in via preventiva rispetto a tutti gli altri creditori intervenuti nel pignoramento immobiliare. In termini più semplici, il ricavato dell'asta viene prima utilizzato per estinguere il credito del creditore ipotecario e poi quello degli altri: dunque, ...

Precetto diverso da debito iniziale, omessa opposizione a decreto ingiuntivo, prescrizione presuntiva e limiti di importo di pagamenti effettuati in contanti
Nel luglio 2015 il giudice liquida ad un CTU euro 3 mila e 500: pago il ctu in contanti fino alla somma di euro 3 mila e chiedo ricevuta per versare i restanti 500, lui non fa fattura e ho comunque messaggi dove discutevamo del credito anche con mia domanda del tipo: ti porto i mille euro finali e lui mi da ok. Qualche mese fa però nonostante i miei solleciti di chiedere ricevuta non la fa e continua a tartassarmi di telefonate dove vuole questi 500 euro e non glieli do: mi fa scrivere da un suo legale dove ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Decreto ingiuntivo creditore privato ed ipoteca giudiziale – Esistono limiti di importo a debito per l’iscrizione ipotecaria?