Decoder pirata alias Pezzotto: Sky Netflix e Dazn a 15 euro al mese - Come funziona e cosa si rischia?

Ho visto in tv, nel programma LE IENE, il servizio che parla del famoso decoder pirata, o pezzotto, che permette di guardare Sky, Netflix, Dazn ed altro ad un prezzo irrisorio, più o meno sulle 15 euro al mese.

Sembrerebbe molto interessante dal punto di vista economico.

Ma nel dettaglio, utilizzandolo, cosa si rischia?

Del pezzotto se ne parlava, spesso, già prima della puntata dedicatogli dal programma LE IENE su Italia 1, ma adesso è diventato famoso anche nei più remoti angoli del nostro paese: parliamo del pezzotto, o più semplicemente un decoder pirata, che con costi contenutissimi, permette, illegalmente, di vedere diverse piattaforme satellitari o streaming.

Nell'"abbonamento", sarebbero compresi Sky, Dazn, Primafila (il servizio a pagamento di Sky), Sky on demand, Mediaset Premium e persino Netflix: più tutte le tv a pagamento non solo italiane ma anche estere.

L'idea nasce all'estero, ma è stata perfezionata molto bene a Napoli: per poter vedere tutto costa il prezzo è di 12 euro al mese, a fronte dei 10 solo per Dazn o delle diverse decine di euro mensili di Sky o Premium.

Un abbonamento da 12 euro al quale bisogna aggiungerne 60 per il decoder.

Quindi, molto, ma veramente tanto, conveniente per i consumatori.

Il sistema utilizza in origine abbonamenti regolari, ma si appoggia a server esteri: un giro da migliaia, se non milioni, di euro, che non coinvolge solo l'Italia (dove ci sono decine di installatori) ma anche altre nazioni.

Sembra tutto molto bello, ma c'è un però.

Il pezzotto è illegale a 360 gradi.

E che sarà mai, direte voi: se mi beccano, pago una multa, ma sicuramente è più conveniente che pagare sky e company tutti gli anni.

E no: non funziona così, perché si rischia il penale.

La pena va da 1 a 3 anni di reclusione.

Dunque, quello che vi consigliamo vivamente, è di non affidarvi a questi metodi di trasmissione illegale, in quanto potreste rischiare grosso, violando l'art. 171 riguardante la tutela del diritto di autore.

12 ottobre 2018 · Paolo Rastelli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

tutela consumatore - telefonia internet social e pay tv

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Bonus mamma domani - ottocento euro a chi è al settimo mese di gravidanza
La prestazione del bonus mamma domani pari ad 800 euro, può essere richiesta dalle donne al compimento del settimo mese di gravidanza o, in caso di parto antecedente all'inizio dell'ottavo mese di gravidanza. Il premio non concorre alla formazione del reddito complessivo IRPEF ed è concesso in un'unica soluzione. Le ...
Esenzione imposta di registro per cause di valore inferiore a 1033 euro - Non conta il giudice adito
Le cause e le attività conciliative in sede non contenziosa il cui valore non eccede la somma di euro 1.033 e gli atti e i provvedimenti ad esse relativi sono soggetti soltanto al pagamento del contributo unificato, indipendentemente dal grado di giudizio e dall'ufficio giudiziario adito. D'altra parte, la ratio ...
Bollo auto non pagato? » Si rischia la radiazione automatica del veicolo dal PRA
In caso di bollo auto, o tassa automobilistica, non pagato, gli automobilisti rischiano la radiazione automatica del proprio veicolo dal PRA (pubblico registro automobilistico). Guai in arrivo per chi non ha pagato il bollo auto. A rischio 420 mila vetture. Infatti, coloro che persistono a non pagare il bollo auto ...
Centrale dei rischi Banca d'Italia (CR) » Cos'è a cosa serve e come funziona: guida per debitori
Abbiamo spesso sentito parlare di una centrale dei rischi gestita dalla Banca d'Italia, ovvero la cosiddetta CR: ma, nel dettaglio, cos'è, di cosa si occupa e come funziona? Scopriamolo nel prosieguo dell'articolo. La Centrale dei Rischi è la banca dati pubblica, gestita da Banca d'Italia ed istituita nell'anno 1962. La ...
Vendita con riserva di proprietà » Come acquistare la prima casa senza mutuo
Acquistare casa senza mutuo è possibile, con la vendita con riserva di proprietà: questo particolare espediente permette di prendere subito possesso della casa, per il semplice fatto che la proprietà resta al venditore fino alla fine dei pagamenti. Ma vediamo come funziona nel dettaglio. Vendita con riserva di proprietà » ...

Dove mi trovo?



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca