Decadenza termini per Unico 2001

Salve a tutti, venerdì scorso ho ricevuto una intimazione di pagamento per una cartella relativa all'anno imposta 2000, presentazione dichiarazione unico 2001.

Dall'intimazione si evince che, la cartella presupposta,che io non ho impugnato perchè non credo di averla mai ricevuta, è stata notificata il 24 marzo 2008. Ben 2 anni dopo la decadenza dei termini che consente appunto la notificazione della cartella da parte di equitalia.

Domanda: é sufficiente impugnare l'intimazione di pagamento, contestando l'atto presupposto per mancata notifica oppure devo indirizzare il ricorso in maniera diversa ?

Il dubbio mio è che se riescono a documentare la notifica della cartella presupposta, perdo la possibilità di avvalermi della decadenza della cartella stessa.

grazie per l'interessamento

Dovrebbe verificare presso l'Agenzia delle Entrate quando e come le è stato notificato l'avviso di accertamento il cui mancato pagamento ha dato origine all'iscrizione a ruolo della maggiore imposta dovuta e, dunque, alla cartella esattoriale notificata nel 2008.

31 marzo 2014 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

notifica

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Ricorso alla cartella esattoriale – giudice competente e termini per tipo di credito e natura del vizio
I termini sopra indicati sono previsti a pena di decadenza. Se la cartella esattoriale comprende una pluralità di crediti di diversa natura (tributi, sanzioni amministrative, crediti previdenziali, etc.) bisognerà proporre tante azioni quante sono le diverse Autorità competenti. Precisiamo ulteriormente: riguardo i vizi attinenti il merito del credito, è possibile ...
Difetto di notifica dell'atto presupposto - Implicazioni della scelta di impugnare il solo atto consequenziale o anche l'atto presupposto
Atteso che la correttezza del procedimento di formazione della pretesa tributaria é assicurata mediante il rispetto di una sequenza procedimentale di determinati atti, con le relative notifiche, allo scopo di rendere possibile un efficace esercizio del diritto di difesa del destinatario, l'omissione della notifica di un atto presupposto costituisce un ...
Riscossione coattiva esattoriale e pignoramento - Opposizione all'esecuzione e agli atti esecutivi
Nella riscossione coattiva esattoriale si può impugnare la cartella di pagamento, regolarmente notificata, al fine di contestare il diritto del creditore di procedere ad esecuzione forzata per vizi sostanziali. In pratica per: contestare la legittimità dell'iscrizione a ruolo del debito (omessa notifica dell'atto presupposto, cioè dell'avviso di addebito, del verbale ...
Notifica delle cartelle esattoriali per accertamenti dell'Agenzia delle Entrate – Termini di decadenza
In tema di accertamenti e controlli delle dichiarazioni tributarie ai sensi dell'articolo 36 bis del DPR 29.9.1973, numero 600, la legittimità della pretesa erariale è subordinata, alla luce dell'intervento legislativo realizzato con l'articolo 1, commi 5 bis e 5 ter, del DL 17.6.2005, numero 106 (convertito con modificazioni con la ...
Omessa notifica dell'avviso di accertamento - Una volta notificata la cartella esattoriale il contribuente può anche scegliere di contestare nel merito la pretesa dell'atto presupposto
In tema di riscossione a mezzo di cartella esattoriale, allorché il contribuente possa contestare sia la pretesa tributaria che la cartella come atto consequenziale, è rimessa al contribuente stesso la scelta di impugnare tale ultimo atto, deducendone ad esempio, la nullità per omessa notifica dell'atto presupposto, o contestando, in via ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca