Decadenza potere accertamento TARSU e notifica via posta

Ricevo in data 7 febbraio 2015 avvisi di pagamento della Società SOGET per TARSU degli anni 2008 e 2009.

Ritengo che valga la prescrizione quinquennale ma la SOGET dice che non è così. Chi ha ragione? Si può fare un ricorso in autotutela?

Inoltre vale la data di ricezione della raccomandata o quella che asserisce la SOGET che dichiara di aver consegnato alle poste le raccomandata il 31 dicembre 2014? Con il numero della raccomandata sul sito di Poste Italiane alla voce “dove quando” risulta che le raccomandata sono state accettate in data 3 gennaio 2015. Chi ha ragione?

Certo che vale la prescrizione (rectius decadenza) quinquennale per il potere di accertamento dell'insufficiente versamento della tassa sui rifiuti solidi urbani. Tuttavia, quando è omessa la dichiarazione (non si è mai pagato perché non si è mai denunciato al Comune, ai fini TARSU, l'occupazione di un appartamento e la fruizione dei servizi di smaltimento) la PA dispone di un anno in più per notificare l'avviso di accertamento.

Dunque, nel caso di dichiarazione omessa, per la TARSU 2008 il Comune poteva procedere alla notifica entro il 31 dicembre 2014.

Qual è la data che vale per il creditore? Purtroppo, quella di consegna della comunicazione all'ufficio postale (non è rilevante la data di notifica dell'avviso nelle mani del debitore o di un soggetto abilitato a riceverla per lui). Il principio risponde all'esigenza di non far pesare sul creditore ritardi nello smaltimento della corrispondenza riconducibili all'ufficio postale.

Tuttavia, senza giocare su termini ambigui (data di consegna e/o data di accettazione) il Comune deve essere in grado di esibire un attestato di Poste Italiane da cui si deve evincere che la data in cui è stato affidato l'avviso di accertamento è anteriore al 31 dicembre 2014. In assenza si espone al ricorso vincente, in autotutela o giudiziale, da parte del debitore.

19 marzo 2015 · Giorgio Valli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

avviso di accertamento
cartella esattoriale o ingiunzione fiscale per TARSU TARI o TIA
prescrizione e decadenza dei tributi locali - IUC TASI TARI TARES IMU TARSU TIA ICI
prescrizione tassa rifiuti
TARSU TARI TIA - prescrizione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Schemi decadenza accertamento AdE
Nella tabella che segue vengono riepilogati i termini di decadenza dal potere di accertamento in relazione agli ultimi anni. Per quanto attiene l'IRPEF e per l'IVA, gli avvisi di accertamento devono essere inoltrati al contribuente entro il 31 dicembre del quarto anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione. Ad ...
Notifica diretta della cartella esattoriale - Se effettuata in busta chiusa il destinatario può sempre eccepire un vizio di notifica
Com'è noto, la cartella esattoriale può essere notificata con raccomandata A/R tramite invio diretto effettuato da Equitalia (o da un qualsiasi concessionario della riscossione in ambito locale). Se la cartella esattoriale viene inserita in una busta chiusa, tuttavia, la ricevuta di ritorno attesta solo che la busta è stata consegnata ...
Prescrizione e decadenza IRPEF » Termini di decadenza per la notifica degli avvisi di accertamento
Nella tabella che segue vengono riepilogati i termini di decadenza dal potere di accertamento, qualora sia stata presentata la dichiarazione dei redditi. Per gli anni di imposta fino al 31 dicembre 2015, per le imposte sul reddito,  gli avvisi di accertamento devono essere notificati entro il 31 dicembre del quarto ...
IRPEF - Prescrizione e decadenza degli avvisi di accertamento d'ufficio
Gli avvisi di accertamento d'ufficio IRPEF per i periodi d'imposta a partire dal primo gennaio 2016, potranno essere notificati, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione. Nei casi di omessa presentazione della dichiarazione o di presentazione ...
Notifica diretta a mezzo posta - ancora una sentenza che ne conferma la legittimità
In tema di notifica a mezzo posta, la disciplina relativa alla raccomandata con avviso di ricevimento, mediante la quale può essere notificato l'avviso di liquidazione o di accertamento senza intermediazione dell'ufficiale giudiziario, è quella dettata dalle disposizioni concernenti il servizio postale ordinario per la consegna dei plichi raccomandati, in quanto ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca