Cosa può succedere se il chiamato all’eredità non effettua formale rinuncia e lascia inutilmente decorrere il termine di prescrizione decennale per esercitare il diritto di accettare

Qualche giorno io e mio fratello (potenziali eredi diretti) abbiamo ricevuto dal legale dell’impresa di pompe funebri che ha gestito il funerale di mio padre (su mandato dei suoi parenti con cui non avevamo alcun rapporto), morto il 10 novembre 2009 quasi dieci anni fa, una diffida di pagamento entro 7 giorni (con minaccia di riscossione coattiva) per il servizio funebre reso all’epoca, con l’adduzione (giusta) che le spese funerarie rientrano nei pesi ereditari e, in quanto tali, gravano in capo agli eredi.

Premesso che saremmo ancora in tempo per far la rinuncia formale all’eredità (sono riuscito a prenotare appuntamento in cancelleria 3 giorni prima della decadenza dei 10 anni), un amico commercialista e un avvocato mi hanno consigliato di lasciare semplicemente decorrere il tempo di prescrizione per avere un effetto identico alla rinuncia senza perdita di tempo e denaro.

Abbiamo già risposto al legale evidenziando il fatto che non abbiamo mai dato mandato all’impresa o a terzi per il funerale, che non abbiamo a tutt’oggi mai ricevuto alcun documento o fattura relativo al suddetto funerale e che non abbiamo mai esercitato il diritto di accettazione dell’eredità e neppure compiuto atti di accettazione tacita o di disposizione su beni e/o rapporti del defunto; sembra inoltre, in via informale, che ci sia un libretto postale bloccato che coprirebbe circa il 90% di quanto da loro richiesto.

In sostanza abbiamo concluso che noi intendiamo lasciar decorrere il termine decennale per l’accettazione dell’eredità senza esercitare il relativo diritto, facendo in modo che lo stesso si prescriva il prossimo 10 novembre 2019, con il conseguente venir meno di ogni qualifica di eredi e/o potenziali eredi e, mancando la qualità di erede, non potremo essere chiamati a far fronte al pagamento dei pesi ereditari reclamati.

E’ corretto non fare la rinuncia formale e decadere ugualmente dalla qualità di erede nei termini esposti? Perché da qualche parte leggo che la rinuncia, a differenza dell’accettazione, deve sempre essere espressa e questo mi fa venire dei dubbi.

Forse avrà appreso che la rinuncia, a differenza dell’accettazione, deve sempre essere espressa, leggendo il codice civile: in particolare, infatti, l’articolo l’articolo 519 riporta che la rinunzia all’eredità deve farsi con dichiarazione, ricevuta da un notaio o dal cancelliere del tribunale del circondario in cui si è aperta la successione, e inserita nel registro delle successioni.

In pratica l’erede che non esprime formale rinuncia all’eredità è da considerarsi ancora un chiamato all’eredità.

Ciò sembrerebbe non spostare di una virgola il problema, dal momento che, se il legale rappresentante dell’impresa di pompe funebri, che rivendica il pagamento delle spese funerarie sostenute per le esequie del defunto, decidesse di portare avanti la questione, potrebbe chiedere al giudice di fissare un termine entro il quale il chiamato fosse costretto, per legge, a sciogliere la riserva. Infatti, l’articolo 481 del codice civile consente a chiunque vi abbia interesse di chiedere che l’autorità giudiziaria fissi un termine entro il quale il chiamato dichiari se accetta o rinunzia all’eredità: trascorso questo termine senza che abbia fatto la dichiarazione, il chiamato perde il diritto di accettare. E quindi è come se avesse rinunciato, anche considerando che il diritto di accettare l’eredità si prescrive in dieci anni.

A cosa serve, allora, effettuare la rinuncia? Il fatto è che, nella situazione esposta, il legale rappresentante dell’impresa di pompe funebri, dopo la rituale diffida ad adempiere, potrebbe anche ricorrere per decreto ingiuntivo nei confronti del chiamato all’eredità (che potrebbe presupporre erede tacitamente accettante, non trovando riscontri alla rinuncia nel registro pubblico delle successioni, come dovrebbe essere): l’opposizione a decreto ingiuntivo verrebbe sicuramente accolta con l’esibizione dell’atto formale di rinuncia (rinuncia valida anche se effettuata dopo la notifica del decreto ingiuntivo) oppure eccependo l’intervenuta prescrizione decennale del dritto di accettare. Ma comporterebbe, inevitabilmente, spese legali aggiuntive.

Allora, tanto varrebbe troncare la cosa sul nascere, trasmettendo subito e direttamente al legale dell’impresa di pompe funebri l’atto di rinuncia all’eredità. In più, l’inserimento nel pubblico registro delle successioni della rinuncia esercitata dal chiamato, eviterebbe, ex nunc qualsiasi ulteriore pretesa al chiamato stesso (che abbia formalmente rinunciato) per il rimborso di debiti del de cuius (magari con pretese notificate al chiamato per compiuta giacenza prima del compiersi della prescrizione decennale) o, comunque, di spese poste, dall’ordinamento, a carico dell’erede (come nella fattispecie).

27 Ottobre 2019 · Carla Benvenuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Quando il chiamato rinuncia all'eredità o perde il diritto di accettare
Come ben sanno i creditori, la legge mette a disposizione uno strumento molto efficace a loro tutela nel caso in cui vi sia accettazione dell'eredità con beneficio di inventario. Lo scopo della tutela è quello di abbreviare il termine decennale per l'accettazione. L'articolo 481 del codice civile, infatti, può prevedere la fissazione di un termine perentorio per l'accettazione, più breve di quello decennale. Chiunque vi abbia interesse, può chiedere che l'autorità giudiziaria fissi un termine più breve entro il quale il chiamato deve dichiarare se accetta o rinuncia all'eredità (actio interrogatoria). Legittimati a proporre l'azione sono i chiamati ulteriori, cioè ...

Vendita del bene ereditario dopo la rinuncia del chiamato debitore - Evizione per il terzo compratore
Un padre rinuncia all'eredità della madre perchè indebitato e il figlio accetta per rappresentazione: il figlio poi vende a terzi un bene dell'eredità il quale trascrive la vendita. In un secondo momento i creditori del padre impugnano la rinuncia all'eredità, il terzo che aveva acquistato il bene rischia di vederselo levare dai questi creditori? ...

Il diritto di accettare l'eredità si prescrive in dieci anni - Ma i cointeressati possono chiedere al giudice di fissare un termine più breve
Mio padre è morto 01/01/2019: ho fatto sapere ai miei Coeredi di avvalermi della facoltà di decidere entro i dieci anni consentiti (articolo 480 del codice civile). Notaio incaricato dai coeredi mi dice che è pronta la successione e che deve essere versato contributo pro-quota di euro mille. Se pago il Notaio (palesemente Non Informato dai coeredi della mia volontà di sospendere la decisione di accettare l'eredità) si Configura come accettazione? con tutto quel che ne consegue? Il Compenso Notaio ed Imposte Pro-Quota le Pagherò, Retroattivamente, al Momento della mia Decisione di Accettazione dell'Eredità . ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Cosa può succedere se il chiamato all’eredità non effettua formale rinuncia e lascia inutilmente decorrere il termine di prescrizione decennale per esercitare il diritto di accettare