Decadenza della cartella di pagamento per debiti IRPEF che emergono dalla dichiarazione dei redditi

Relativamente alle imposte sui redditi, la cartella di pagamento va notificata, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del terzo anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione, in caso di liquidazione automatica.

Dunque, se prendo a riferimento l’ultima dichiarazione Modello Redditi 2019, dal 1 gennaio 2020 scatta il timer che arriva fino al 31 dicembre 2022, termine oltre il quale scatterebbe la decadenza. Fin qui ok.

Poi leggo: ogni cartella di pagamento contiene l’indicazione della data di iscrizione a ruolo del tributo. Da tale data, quindi, si può far partire il conteggio dei giorni per verificare se si è compiuta la decadenza. Ma se l’iscrizione a ruolo avviene molto tardi, si sposta tutto in avanti oltre il 31 dicembre 2022?

Mi sfugge dove sia il problema, dal momento che lo start del timer si ha rispetto all’anno in cui è presentata la dichiarazione dei redditi: quindi, il decorso dei termini di decadenza della cartella esattoriale è indipendente dalla iscrizione a ruolo. Se la Pubblica Amministrazione tarda a scrivere a ruolo il debito, tanto peggio per lei.

27 Novembre 2019 · Paolo Rastelli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Chiarimento su decadenza della cartella di pagamento - Differenza con la decadenza degli avvisi di accertamento
Io so che la cartella di pagamento deve essere notificata al contribuente entro il 31 dicembre del terzo anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione (articolo 25 DPR 602/1973): quindi se l'Agenzia scopre un errore nella dichiarazione dei redditi presentata nel 2017, può chiedere il pagamento al contribuente entro il 31 dicembre del 2020. Dopo tale data non potrà più chiedere nulla al contribuente. Ho letto un articolo qualche giorno fa dove c'è scritto che l'ADE ha anche il potere di notificare avvisi accertamento entro il quinto anno successivo a quello della dichiarazione irregolare. Quindi, vorrei capire, la questione ...

Addebiti Irpef - Tempi di notifica della cartella esattoriale e termini di decadenza dopo l'iscrizione a ruolo
Sono andato a ritirare la cartella che riguarda l'IRPEF: non mi ricordo di aver fatto infrazioni, sono dipendente pubblico. A parte questo, c'è scritto che l'hanno messo a ruolo il 2013 ma l'infrazione è stata fatta nel 2008. Vicino alla voce "notifica" non c'è una data ma 00.00.0000. E' nulla? ...

Controlli automatici e formali della dichiarazione dei redditi » Rateazione e decadenza dal beneficio
Il versamento delle somme dovute in seguito ai controlli automatici e ai controlli formali delle dichiarazioni dei redditi può essere rateizzato. Le rate sono trimestrali, di pari importo o di importo decrescente. Sulle rate successive alla prima sono dovuti gli interessi al tasso del 3,5% annuo. Per comunicazioni di irregolarità notificate dopo il 28 dicembre 2011, il beneficio della rateazione si perde nei casi di mancato pagamento: della prima rata entro i 30 giorni dal ricevimento della comunicazione di irregolarità; di una rata (diversa dalla prima) entro il termine di pagamento di quella successiva. Il pagamento tardivo di una rata ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Decadenza della cartella di pagamento per debiti IRPEF che emergono dalla dichiarazione dei redditi