Debitore proprietario di una quota di immobile - Come disfarsene?

Nel 2005 ho stipulato un contratto di mutuo variabile con la banca, con ratei accessibili e quantificabili sui 400 euro che man mano sono aumentati a 880 euro. Ratei non più sostenibili per la sopravvivenza della mia famiglia, con figli minori a carico.

Ho provato in quel tempo a contrattare con la banca, chiedendo anche la sospensione delle rate temporaneamente al verificarsi anche della disoccupazione improvvisa che ebbi nel 2007. La banca disse di no, che non c'erano i presupposti e diede mandato ad agenzia di recupero crediti, con minacce propinate telefonicamente.

Dopodichè, non ho potuto più pagare, sia per l'esosità della cifra ritenuta, a mio parere a tasso usurante, sia per le condizioni di far mangiare e pagare le bollette alla mia famiglia.

Inoltre, pagai i primi ratei dell'agenzia di credito, ma poi decisi di sopravvivere! La casa nel 2010 è andata all'asta e tutt'ora adesso non è ancora stata venduta. La mia domanda è: nel 2009 muore mio padre ed eredito insieme ad i miei fratelli una quota della casa di proprietà di mio padre. Cosa posso fare, per dare la quota a mia sorella? Quale atto è idoneo affinchè la quota non venga intaccata da questa mia situazione personale? La donazione è consigliabile?

L'unico modo sicuro per non rischiare una revocatoria dell'atto di trasferimento di proprietà della quota di cui è titolare il debitore è quello di vendere a terzi (non parenti od affini) l'intero appartamento a prezzo di mercato, con trasferimento tracciabile dell'importo della compravendita. Meglio se chi compra adibisce l'immobile acquisito a residenza familiare.

8 dicembre 2015 · Carla Benvenuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

donazione
revocatoria di atti dispositivi del debitore (alienazione immobile donazione costituzione fondo patrimoniale)

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Famiglia di fatto » Il proprietario dell'immobile non può cambiare la serratura per mandare via la compagna del comodatario
Novità sul riconoscimento della famiglia di fatto: il proprietario dell'immobile non può cambiare la serratura per mandare via la compagna del comodatario. Infatti, il proprietario della casa data in comodato a un parente non può cambiare la serratura mentre questo è in ospedale privando la sua compagna del possesso dell'immobile ...
Eredità di un immobile - Se il defunto lascia al debitore il diritto di abitazione il creditore non può esperire azione revocatoria della rinuncia alla riduzione della quota di legittima
Supponiamo che il debitore accetti il diritto di abitazione, a lui destinato nel testamento, e rinunci a promuovere nei confronti dei coeredi testamentari dello stesso immobile caduto in successione, ogni azione di riduzione per lesione della quota di legittima. In questo modo, il debitore preclude al creditore la possibilità di ...
Agevolazioni fiscali prima casa - In regime di comunione dei beni, per fruire del beneficio, è sufficiente che uno solo dei due coniugi trasferisca la residenza nel Comune in cui è ubicato l'immobile acquistato
In tema di agevolazioni fiscali per l'acquisto della prima casa, l'acquirente si obbliga a trasferire la propria residenza entro diciotto mesi dal rogito notarile nel Comune in cui l'immobile è ubicato. Tuttavia, come hanno ribadito i giudici della Corte di cassazione (sentenza 1494/16) il requisito della residenza, nel caso di ...
Agevolazione fiscale prima casa » Si è ammessi al bonus anche se si è comproprietari di un altro immobile
Coniugi comproprietari di un immobile: valida l'agevolazione fiscale prima casa per il nuovo acquisto. L'agevolazione fiscale per la prima casa non può essere revocata se il contribuente sia proprietario di una quota di altro immobile. Se due coniugi sono comproprietari di una casa ( acquistata senza agevolazione “prima casa”), uno ...
In alcuni casi l'immobile indivisibile caduto in comunione ereditaria può essere assegnato con criterio diverso da quello della maggior quota
In tema di divisione ereditaria, nel caso in cui uno o più immobili non risultino comodamente divisibili, il giudice ha il potere discrezionale di derogare al criterio della preferenziale assegnazione al condividente titolare della quota maggiore, purché assolva all'obbligo di fornire adeguata e logica motivazione della diversa valutazione di opportunità ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca