Ritardo prestito

Sono in ritardissimo di circa 6 rate di un prestito, e già sono stato contattato dal recupero crediti ... quindi di certo sono già stato iscritto alla centrale di rischio.

Come è possibile che sulla mia carta di credito (non collegata però al prestito) questo mese (me ne sono accorto dal conto on line, ancora non mi è arrivata nessuna comunicazione scritta) il fido mi sia stato aumentato da 1250 euro a 5000 mila euro?

L'articolo 8-bis del Decreto Sviluppo, convertito in legge in data 7 luglio 2011, prevede che eventuali segnalazioni di ritardo nel pagamenti fino a 5 rate mensili, debbano essere cancellate entro cinque giorni dalla regolarizzazione, a pena di sanzioni e risarcimento danni.

Cinque giorni sono davvero pochini, conoscendo le pastoie burocratiche da cui sono affette e con cui operano alcune Centrali Rischi, ancorché private.

Presumo, allora, che gli operatori abbiano preferito adottare un comportamento prudenziale per evitare rischi ulteriori. La segnalazione viene effettuata solo quando il debitore inadempie la sesta rata consecutiva. Così c'è più tempo per la cancellazione nel caso in cui venga poi rilevata una regolarizzazione dei pagamenti oggetto di ritardo.

Ecco perché lei non è stato ancora segnalato in Centrale Rischi e la banca le aumenta il plafond della carta di credito.

11 dicembre 2011 · Giorgio Valli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

centrale rischi

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Contratti di prestito - il prestito vitalizio ipotecario
Sono un pensionato che purtroppo si ritrova iscritto in CRIF come cattivo pagatore. Sono anche protestato. In CRIF mi ritrovo perchè sono tantissimo in ritardo con il mutuo e se non provvedo a sistemare la mia situazione debitoria con la banca, mi prendono la casa. Non posso fare la cessione ...
Apertura di credito in conto corrente - In caso di sconfinamento il tasso extra fido va applicato alla sola quota eccedente la disponibilità del fido
La clausola che prevede l'applicabilità del tasso extra fido a tutta la somma utilizzata (allora anche a quella intra fido) è nulla, risultando ingiustificatamente penalizzante e modificativo dell'equilibrio complessivo del contratto. Uno sconfinamento di modesta entità e durata non può provocare l'applicazione all'intera linea debitoria di un tasso differente rispetto ...
Ritardo nel rimborso delle rate di un prestito - Il creditore non ha diritto ad un ulteriore risarcimento se è stata convenuta la misura degli interessi moratori
Secondo quanto disposto dall'articolo 1224 del Codice civile, al creditore che dimostra di aver subito un danno per l'inadempimento del debitore, conseguente al ritardato rimborso rateale del prestito concesso, spetta un risarcimento che, tuttavia, non è dovuto se è stata convenuta contrattualmente la misura degli interessi moratori. Dunque, gli interessi ...
Dichiarazione IVA omessa o infedele - Quando non è punibile
La Corte costituzionale, con sentenza 80/14 ha dichiarato, l'illegittimità costituzionale della norma che, con riferimento ai fatti commessi sino al 17 settembre 2011, punisce l'omesso versamento dell'imposta sul valore aggiunto, dovuta in base alla relativa dichiarazione annuale, per importi non superiori, per ciascun periodo di imposta, ad Euro 103 mila. ...
Contratti di prestito - Il prestito delega
Il prestito delega (o delegazione di pagamento), è una forma di prestito personale di cui possono usufruire i lavoratori dipendenti. Tale forma di prestito è regolata dalla legge 180 del 05.01.1950 e dal DPR 895 del 28.07.1950 e successive modifiche. Per capire di cosa si tratta possiamo partire dalla cessione ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca