Debito verso negozio dettaglio con cambiali

Ho contratto diversi debiti verso un negozio al dettaglio, e gli ho firmato delle cambiali per un totale di circa 2500 euro. (senza data di scadenza, solo data di emissione 2007). Ora (2015) mi è arrivata una lettera da un legale, dove mi si chiede una soluzione bonaria del debito (riferito a scontrini fiscali) altrimenti inizieranno "procedure legali". Possono emettere, ormai quelle cambiali (inserendoci solo la scadenza)? Potrei oppormi adducendo al fatto che quelle cambiali sono molto vecchie, ecc...

Si deve presumere, sebbene lei non precisi la circostanza, che le cambiali non siano mai state presentate all'incasso. E che, nella fattispecie, si tratti di cambiali cosiddette a vista.

L'azione cambiaria diretta nei suoi confronti si prescrive in tre anni a decorrere dalla data della scadenza, che non può essere superiore a un anno dalla data di emissione.

Non è pertanto possibile (neanche se venisse contraffatta la data di emissione, dal momento che da qualche anno sono fuori corso i vecchi foglietti bollati e le relative marche da bollo) presentare le cambiali all'incasso con la semplice integrazione della data di scadenza, certificare gli inadempimenti, notificarle il precetto sulla base dei titoli esecutivi (le cambiali) rimasti impagati ed avviare un'azione esecutiva.

Tuttavia, il creditore potrà chiedere un decreto ingiuntivo al giudice, se è in grado di allegare alle cambiali la documentazione (nominativa, non gli scontrini fiscali) in grado di attestare il rapporto sottostante che giustifichi l'emissione dei titoli.

Altrimenti al creditore non resterà che intraprendere l'azione di arricchimento, una via più complessa, lunga e costosa (il creditore deve, naturalmente, anticipare le spese legali che poi ribalterà al debitore in caso di vittoria) dell'azione cambiaria diretta o del ricorso per decreto ingiuntivo, tramite un ordinario processo di cognizione (in pratica, un normale processo civile con il quale si chiama in giudizio il debitore, con richiesta al giudice di accertare il credito e, conseguentemente, condannare il debitore a pagare).

Per questo motivo, credo, l'avvocato sta puntando ad una composizione bonaria del contenzioso.

Il quadro dovrebbe esserle chiaro (questa è la speranza) e fornirle consapevolezza nelle decisioni che adotterà in risposta all'offerta che le è stata avanzata dalla controparte.

7 aprile 2015 · Chiara Nicolai

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cambiali
cambiali – la cambiale tratta e il pagherò
precetto su cambiale
protesto cambiale

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Recupero crediti - schemi di procedure giudiziali
Per porre una domanda sulle procedure di recupero crediti giudiziale per i debiti in scadenza, sul decreto ingiuntivo, sul precetto, sul pignoramento mobiliare ed immobiliare, sulle cause di sovraindebitamento, sul come uscire da una situazione di sovraindebitamento, sui debiti e su tutti gli argomenti correlati, vai al forum. Di seguito, ...
Schemi di recupero crediti
Ai sensi dell'articolo 910 del codice civile il creditore, per conseguire quanto gli è dovuto, può fare espropriare i beni del debitore, secondo le regole stabilite dal codice di procedura civile. Il creditore può scegliere tra diverse procedure esecutive (pignoramento presso terzi, pignoramento mobiliare o immobiliare), dando inizio anche a ...
Il dipendente della banca che non protesta la cambiale impagata può incorrere nel reato di abuso d'ufficio
Il dipendente responsabile della cassa cambiali che inganna il notaio, non sottoponendogli le cambiali rimaste impagate emesse in favore di terze persone, inducendolo quindi a non protestarle, in modo da procurare al debitore l'ingiusto vantaggio patrimoniale di non essere sottoposto al protesto, commette il reato di abuso d'ufficio. Il giorno ...
Bolli e cambiali - il contrassegno telematico ha sostituito la marca da bollo
Il bollo sulla cambiale Il bollo sulla cambiale è pari al 12 per mille dell'importo facciale.  Il bollo va arrotondato ad euro 0,10 per difetto (se la frazione di bollo calcolato arriva fino a 0,05 euro) o per eccesso (negli altri casi). Il bollo minimo sulla cambiale è di Euro ...
Cancellazione protesto cambiali per pagamento entro 12 mesi dal protesto
Il debitore, che esegue il pagamento di un effetto (pagherò cambiario o tratta accettata), entro 12 mesi dalla levata del protesto, può chiedere la cancellazione definitiva dal Registro Informatico dei Protesti. A tale scopo deve presentare domanda al Presidente della Camera di Commercio, corredata di: titolo in originale con atto ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca