Debito scaduto, debitore inadempiente e decreto ingiuntivo a carico del fideiussore

Quando un fideiussore viene intimato a pagare tramite decreto ingiuntivo è da quel momento che si può considerare come debito scaduto?

Se per l'adempimento (tipicamente il rimborso di un prestito) è fissato una scadenza, se non diversamente specificato, essa si intende a favore del debitore: nel senso che il creditore non può pretendere l'adempimento prima della scadenza mentre il debitore può, prima della scadenza fissata, adempiere o mettere in mora il creditore che rifiuti il rimborso integrale (articolo 1184 del codice civile).

Pertanto, un debito si definisce scaduto il giorno successivo a quello concordato per la scadenza fra creditore e debitore.

Una volta che il debito è scaduto ed il debitore è risultato inadempiente alla scadenza, il debito diventa esigibile ed escutibile: e quindi può essere preteso dal fideiussore. Se anche il fideiussore non adempie, il creditore può rivolgersi al giudice per ottenere un decreto ingiuntivo a carico del fideiussore.

10 agosto 2018 · Ludmilla Karadzic

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Fideiussione plurima - ciascun fideiussore risponde solo delle spese sostenute dal creditore per escutere il debitore principale
Il debitore principale non adempie alle proprie obbligazioni. Il creditore di conseguenza escute i due fideiussori F1 e F2 , ottenendo nei loro confronti un decreto ingiuntivo. Solo il fideiussore F1 si oppone al decreto ingiuntivo. Il creditore pretende dal fideiussore F2 le spese legali sostenute per contrastare l'opposizione del ...
Opposizione tardiva a decreto ingiuntivo - In caso di notifica viziata del provvedimento, Il debitore ha 40 giorni di tempo decorrenti dalla data in cui dimostra di aver avuto conoscenza effettiva del decreto ingiuntivo
Ai fini della legittimità dell'opposizione tardiva a decreto ingiuntivo, non è sufficiente l'accertamento dell'irregolarità della notifica del provvedimento, ma occorre anche la prova (il cui onere incombe sul debitore) che a causa del vizio di notifica egli, nella qualità di ingiunto, non abbia avuto tempestiva conoscenza del decreto ingiuntivo e ...
Da quando decorre la prescrizione di un decreto ingiuntivo?
Un decreto ingiuntivo ha prescrizione decennale, non ci piove, ma ci si chiede da quale momento la prescrizione decennale decorra. La prescrizione decennale di un decreto ingiuntivo, prevista dall'articolo 2953 del codice civile, decorre non dal giorno in cui sia possibile l'esecuzione della sentenza, né da quello della sua pubblicazione, ...
Prima di procedere con opposizione a decreto ingiuntivo il debitore deve effettuare un tentativo di mediazione
La normativa vigente, attraverso il meccanismo della mediazione obbligatoria, mira a rendere il processo la estrema ratio: cioè l'ultima possibilità dopo che le altre possibilità sono risultate precluse. Quindi l'onere di esperire il tentativo di mediazione deve allocarsi presso la parte che ha interesse al processo e ha il potere ...
Suscettibile di azione revocatoria il fondo patrimoniale costituito dal fideiussore dopo l'apertura di credito e prima che il debitore principale effettui un prelievo
Può accadere che un soggetto presti fideiussione per un'apertura di credito: la banca concede l'apertura di credito e mette a disposizione l'importo garantito dal fideiussore. Successivamente all'apertura di credito, e prima che il debitore principale effettui un qualsiasi prelievo delle somme messe a disposizione della banca, il fideiussore costituisce un ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca