Debito Irpef risultante dalla dichiarazione dei redditi non versato - Cosa succede adesso?

Mia figlia, quando ha presentato il modello 730 lo scorso anno, è risultata a debito Irpef di circa 500 euro: purtroppo ancora non è riuscita a pagare, in quanto lavora saltuariamente e poco purtroppo.

Non correrà il rischio che venga fatto un pignoramento del conto corrente da parte dell'agenzia delle Entrate, o dovrà comunque prima ricevere una comunicazione con la quale le verrà chiesto in modo bonario il pagamento?

In tal caso potrà rivolgersi all'Agenzia delle Entrate per chiedere, magari, la rateizzazione dell'importo totale, che presumo sarà ora aumentato per via del ritardo di pagamento?

Solitamente quanto tempo passa prima che l'Agenzia delle Entrate invii una comunicazione per reclamare l'importo dovuto?

L'articolo 36 bis del DPR 600/1973 stabilisce che l'Agenzia delle Entrate deve controllare la rispondenza con la dichiarazione e la tempestività dei versamenti delle imposte, dei contributi e dei premi dovuti a titolo di acconto e di saldo entro l'inizio del periodo di presentazione delle dichiarazioni relative all'anno successivo.

Non è previsto l'invio di un avviso bonario di invito al pagamento qualora non emergano errori nella determinazione dell'imposta dovuta. Entro il 31 dicembre del terzo anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione Agenzia Entrate Riscossione notifica una cartella esattoriale per il recupero delle tasse dovute e non versate.

Decorsi 60 giorni dalla notifica della cartella esattoriale, in caso di inadempimento, Agenzia delle Entrate Riscossione potrà procedere ad avviare azioni esecutive (pignoramento ed espropriazione) o cautelari (fermo amministrativo, ipoteca) sui beni di proprietà del debitore inadempiente.

I versamenti non effettuati risultanti dalla dichiarazione dei redditi possono essere regolarizzati, prima dell'emissione della cartella di pagamento, eseguendo spontaneamente il pagamento dell'imposta dovuta, degli interessi, calcolati al tasso legale annuo dal giorno in cui il versamento avrebbe dovuto essere effettuato a quello in cui viene effettivamente eseguito, della sanzione in misura ridotta. Basta rivolgersi ad un commercialista.

9 aprile 2018 · Giorgio Valli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

dichiarazione redditi

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Comunicazione di irregolarità – cosa fare se è relativa alla dichiarazione dei redditi
Il contribuente che riceve una comunicazione di irregolarità, relativa alla dichiarazione dei redditi, deve anzitutto verificare la fondatezza della pretesa tributaria. Se il contribuente riconosce la validità della contestazione può regolarizzare la propria posizione mediante il pagamento di una sanzione ridotta, oltre all'imposta oggetto della rettifica e ai relativi interessi. ...
Dichiarazione dei redditi precompilata - Come il familiare fiscalmente a carico può evitare che i dati sensibili sul proprio stato di salute vengano resi disponibili all'Agenzia delle entrate e quindi al dichiarante
Come è noto, in fase di accesso alla dichiarazione precompilata, il contribuente visualizza, nell'elenco delle informazioni ad essa attinenti, i dati relativi alle spese sanitarie sostenute anche dai familiari fiscalmente a carico. Se il familiare risulta a carico di più contribuenti, le spese sanitarie vengono inserite nelle dichiarazioni precompilate in ...
Dichiarazione dei redditi - La comunicazione di irregolarità è un atto impugnabile
Secondo giurisprudenza, è impugnabile un qualsiasi atto tributario che porti a conoscenza del contribuente una ben individuata pretesa, con l'esplicitazione delle concrete ragioni (fattuali e giuridiche) che la sorreggono. Non è dunque necessario attendere, per impugnare l'atto innanzi al giudice tributario, che tale pretesa si vesta della forma di uno ...
Dichiarazione dei redditi - IMU IRPEF e principio di sostituzione
Con la circolare 5/E, l'Agenzia delle Entrate, d'intesa con il Dipartimento delle finanze, fornisce alcuni chiarimenti sugli effetti sull'IRPEF e sulle relative addizionali derivanti dall'applicazione dell'IMU sperimentale per gli anni 2012-2014. In particolare, l'Agenzia delle Entrate ed il Dipartimento delle Finanze precisano che l'esclusione dell'IMU dalla base imponibile IRPEF ha ...
Controlli automatici e formali della dichiarazione dei redditi » Rateazione e decadenza dal beneficio
Il versamento delle somme dovute in seguito ai controlli automatici e ai controlli formali delle dichiarazioni dei redditi può essere rateizzato. Le rate sono trimestrali, di pari importo o di importo decrescente. Sulle rate successive alla prima sono dovuti gli interessi al tasso del 3,5% annuo. Per comunicazioni di irregolarità ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca