Debito di tremila euro con carta di credito - Banca scatena Agenzia di recupero

Ho un debito da tremila euro, accumulato utilizzando esclusivamente una carta di credito: la Banca, nonostante abbia avvisato per A/R di voler saldare quanto prima la mia posizione (al momento sono disoccupato e percepisco solo un modesto reddito da locazione), ha avviato azione di recupero crediti stragiudiziale.

LA DOMANDA: sarebbe mio diritto reclamare una trattativa, un accordo diretto, un qualche piano di rientro diretto con la Banca creditrice anziché subire l'aggressione dell'agenzia recupero crediti?
Come comportarmi?
Converrebbe non rispondere a niente ed andare in Tribunale?

La banca ha il sacrosanto diritto di riscuotere il credito vantato, nelle forme e con le modalità che ritiene più opportune, anche cedendo il credito, o affidandone la riscossione, a terzi (e nonostante la comunicazione A/R del debitore di non volersi sottrarre agli obblighi assunti): lei non può accampare altri diritti, se non quelli di non dare alcun riscontro alle richieste di adempimento e di continuare a non adempiere, avendone la possibilità.

Al momento, essendo lei disoccupato l'unico problema a cui potrebbe andare incontro è rappresentato da un eventuale pignoramento delle pigioni presso il suo inquilino. Ma non è da escludere l'iscrizione di ipoteca sull'immobile affittato.

29 ottobre 2018 · Roberto Petrella

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Il recupero crediti - dalla fase stragiudiziale al pignoramento
Il recupero crediti è un'attività che mira ad ottenere il pagamento di un credito (totale o parziale), sia quando il debitore rifiuta di onorarlo, sia quando si trova in una situazione di momentanea difficoltà ad adempiere la propria obbligazione. In ogni caso, prima di intraprendere la via giudiziaria (causa in ...
Centrale Rischi » E' illegittima la segnalazione dopo l'accettazione del piano di rientro da parte della banca
E' illegittima la segnalazione alla Centrale Rischi dopo l'accettazione del piano di rientro da parte della banca La segnalazione di una posizione in sofferenza presso la Centrale Rischi, infatti, richiede la valutazione della complessiva situazione finanziaria del cliente, e non può quindi scaturire dal mero ritardo nel pagamento del debito ...
Come avviene il recupero del credito scaduto per le forniture di energia elettrica e gas
Le procedure di recupero del credito scaduto sono sostanzialmente identiche per le forniture di energia elettrica e gas: all'invio di un sollecito (phone collection per importi medio-bassi o con raccomandata per importi superiori a 150 euro) segue l'inoltro della raccomandata di costituzione in mora con preavviso di sospensione della fornitura ...
Recupero crediti e classificazione dei debitori
Le società di recupero crediti classificano i debitori in quattro categorie: I debitori morosi "istituzionali" o "bidonisti". I crediti vantati nell'ambito di questa categoria sono generalmente irrecuperabili. Non hanno nulla da perdere; si muovono con frequenza cercando di far perdere le proprie tracce. Unico mezzo per evitare incagli è la ...
Cambializzazione dei debiti – accettarla significa preparare il cappio al boia
All'accordo transattivo si aggiunge, non di rado, un piano di rientro del debito basato su una rimodulazione degli importi e delle scadenze convenute nel contratto originario. Si tratta, in pratica, di un piano di rateazione tipico di una operazione di consolidamento dell'esposizione debitoria: rate di importo più contenuto a fronte ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca