Debito con Plusvalore di 37 mila euro - Pensate che accetteranno un saldo stralcio a novemila?

Vorrei un vostro consiglio su quale cifra potrei proporre un saldo e stralcio al recupero crediti per un debito contratto nel 2004 con Plusvalore di € 15 mila e ad oggi divenuto con interessi e spese legali € 37 mila. Il 5 Dicembre 2017 ho ricevuto atto di precetto ho proposto un rientro del debito a 350 euro mensili non accettato dalla finanziaria. Tenendo presente che il precetto scade il 5/6 marzo 2018, dal loro rifiuto non ho saputo più niente. Ad oggi ho messo insieme tra parenti ed amici 9,000 euro. Potrei proporre tale cifra per chiudere il tutto? Cosa ne pensate?

Ci sembrava di averle già risposto qui: se la società è effettivamente in liquidazione, una volta rimasto inadempiuto il precetto, difficilmente potrebbe essere avviata nei suoi confronti un'azione esecutiva finalizzata al recupero del credito in un arco temporale di lungo termine, come il pignoramento dello stipendio.

Piuttosto il creditore potrebbe provare con un pignoramento del conto corrente.

Difficile dare il consiglio giusto in queste situazioni: posso solo dire che al suo posto attenderei gli eventi confidando in una cessione del credito con una soluzione a saldo stralcio più conveniente di quella che lei vorrebbe proporre adesso.

Tuttavia, se proprio ci tiene a mettere una pietra tombale sul contenzioso, può provare a chiudere proponendo i novemila euro: stia solo attento a consegnarli solo dopo aver avuto le garanzie che quel denaro non sia considerato solo un anticipo del rimborso dovuto.

11 febbraio 2018 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

accordo transattivo a saldo stralcio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Debito solidale e transazione a saldo stralcio di uno dei condebitori
Facciamo l'esempio di un credito verso tre condebitori solidali, d'importo pari a 90, e ipotizziamo che la transazione a saldo stralcio sulla quota di uno dei debitori abbia determinato il pagamento di 20. La domanda: gli altri due condebitore restano obbligati per una cifra pari a 70? Non è così, ...
Iscrizione di ipoteca esattoriale – istanza di cancellazione delle ipoteche per debiti inferiori ad 8 mila euro
Dal 22 febbraio 2010 blocco delle iscrizioni ipotecarie sotto gli 8 mila euro: e per chi si trova nella situazione di avere un'ipoteca per debiti inferiori agli 8 mila euro, Equitalia ha messo a disposizione la modulistica con cui presentare l'istanza di cancellazione «che sarà effettuata», spiega Marco Cuccagna, direttore ...
Iscrizione di ipoteca esattoriale – la Cassazione conferma il divieto per debiti inferiori ad 8 mila euro
Il 22 febbraio 2010 la Corte di Cassazione a Sezioni Unite, con sentenza numero 4077 del 2010 ha dichiarato illegittime le ipoteche iscritte sugli immobili da Equitalia per i debiti di importo inferiore agli 8000 euro. La Suprema Corte ha così sancito il principio secondo cui l'iscrizione di ipoteca immobiliare ...
Limitazioni all'uso del contante e dei titoli al portatore - La soglia sale a 3 mila euro
Dal 1° gennaio 2016 è vietato il trasferimento di denaro contante o di libretti di deposito bancari o postali al portatore o di titoli al portatore in euro o in valuta estera, effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, quando il valore oggetto di trasferimento è complessivamente pari o superiore ...
Ipoteca esattoriale per debiti inferiori ad 8 mila euro - illegittima anche se iscritta prima del 26/5/10
Con sentenza del 10 aprile 2012, numero 5771 la Cassazione a Sezioni Unite ha annullato l'iscrizione di ipoteca esattoriale dell'Agente della Riscossione in quanto relativa ad un debito inferiore ad 8 mila euro. E questo anche se si trattava di ipoteca iscritta prima del  26 maggio 2010, data di 'entrata ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca