Debito con fornitore per mancato pagamento ri.ba (decreto ingiuntivo)

Vi espongo una questione che mi da molti pensieri...a Gennaio dello scorso anno..non ho pagato una riba di 1500 euro a dei fornitori … per gravi problemi finanziari che ancora persistono.

Comunque a maggio con grandi sacrifici ho fatto un bonifico di 500 euro. Poi però non ho più potuto estinguere il debito rimanente di 1000 euro. Loro mi hanno richiamato un paio di volte intimandomi di saldare la rimanenza. A fine Novembre mi ha scritto (raccomandata con ricevuta) un loro avvocato intimandomi di pagare senza dilazione entro 8 giorni i 1000 euro rimanenti + interessi e spese in totale circa 1250 euro (in caso contrario l'avvocato mi dice che si riterrà libero di adire l'autorità giudiziaria competente per il recupero crediti con ulteriori aggravi di spese).

Io naturalmente non ho potuto pagare.. da allora che non ho più avuto nessuna notizia (né chiamate-né posta). Oggi ho avuto la brutta sorpresa di una raccomandata da uno studio di avvocati .. in alto dice - giudice di pace - e sotto- ricorso per ingiunzione di pagamento.. e poi via 4 pagine di premesse-chiede-ingiungere-a dirla breve mi chiedono di pagare 11OO EURO e che ho diritto di fare opposizione entro 40 giorni ... che poi il decreto diverrà definitivo.

Ora premesso che io non ho un centesimo (nemmeno per fare opposizione che mi dicono sia costosa), né possego case, macchine o altro … vivo in casa con i miei genitori. Ho solo un negozietto (ma in affitto) in cui le cose vanno malissimo e che penso di chiudere. Un conto corrente che piange miseria.

Non potrò estinguere mai mio il debito fornitori. Cosa possono fare? Cosa mi può succedere? Sinceramente sono parecchio in pensiero.

Non possono farle nulla, se non un pignoramento presso la sua residenza, che è poi quella dei genitori.

Se vuole evitare la remota possibilità che venga pignorato qualcosa a casa dei suoi genitori, basterà leggere qualche topic per capire come procedere.

13 luglio 2012 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

decreto ingiuntivo
opposizione a decreto ingiuntivo

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Notifica del decreto ingiuntivo e del precetto - irreperibilità del debitore e vizi di nullità
La notifica di un decreto ingiuntivo o di un precetto richiede che l'ufficiale giudiziario indichi specificamente le ragioni di difficoltà materiale per cui non ha potuto procedere, descrivendo, in particolare, le infruttuose ricerche del debitore nel luogo di residenza, dimora, o di domicilio, con conseguente illegittimità della notifica qualora la ...
Decreto ingiuntivo immediatamente esecutivo anche se c'è opposizione del debitore
Per ridurre i tempi di recupero dei crediti vengono adottati termini più brevi per la facoltà dei debitori di fare opposizione agli atti dell'esecuzione: il giudice deve disporre la provvisoria esecuzione di un decreto ingiuntivo per le somme non contestate, anche in presenza di una opposizione del debitore. Così stabilisce ...
Condominio » Valido il decreto ingiuntivo emesso venti giorni dopo la messa in mora
E' valido il decreto ingiuntivo contro il condomino, per le spese, emesso venti giorni dopo dalla preventiva costituzione in mora. È valido il decreto ingiuntivo contro il condomino, per le spese, emesso venti giorni dopo dalla preventiva costituzione in mora: l'opponente può formulare la domanda di annullamento dell'atto per il ...
Decreto ingiuntivo ed opposizione » Pillole
In questo blog, del decreto ingiuntivo e dell'opposizione ad esso, ne abbiamo parlato fino alla nausea. Ma si sa, repetita iuvant. Ecco perchè, oggi, vogliamo proporvi, in sintesi, alcuni suggerimenti su tutto quello che è fondamentale conoscere per districarsi nella giungla dei decreti ingiuntivi. Notifica, opposizione, termine di pagamento, esecuzione ...
Per contestare gli oneri condominiali posti a proprio carico, iInutile opporsi al decreto ingiuntivo, bisogna impugnare la delibera assembleare di approvazione e ripartizione della spesa
La delibera dell'assemblea di condominio che approva la spesa e la ripartisce tra i condomini costituisce titolo di credito del condominio e, di per sé, prova l'esistenza di tale credito e legittima non solo la concessione del decreto ingiuntivo, ma anche la condanna del condomino ricorrente a pagare le somme ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca