Debito con banca Deutsche Bank

Ho un debito di 2000 euro con la Deutsche Bank effettuato dopo che ho fatto andare il conto in rosso.

Questo è successo nel 2007 purtroppo non sono riuscito a rimborsare tale spesa. All'inizio c'è stato un accordo direttamente con la banca per ripagare a rate ma non sono riuscito per mancanza di lavoro a restituire comunque il debito.

In seguito mi hanno comunicato che avrebbero passato la pratica all'ufficio contenzioso. Nel frattempo sono andato all'estero. Ora sono ritornato in Italia e vorrei aprire un'attività in proprio con Partita Iva.

Se faccio la dichiarazione dei redditi cosa succede? Dopo 5 anni senza nessun contatto se faccio la dichiarazione dei redditi potrebbero ricontattarmi?

La presentazione della dichiarazione dei redditi non è correlata in alcun modo ad una eventuale "risveglio" del creditore.

L'eventualità di un nuovo contatto potrebbe relazionarsi, ad esempio, ad una cessione del credito ed al lavoro puntiglioso di un funzionario zelante, che riesce a rintracciarla dopo una ricerca anagrafica, partendo dall'ultimo indirizzo conosciuto.

Si tratta, e glielo riferisco per tranquillizzarla, di una possibilità remota: una recente legge non consente più di eludere il pagamento dell'imposta di bollo per le richieste di certificazioni di residenza o emigrazione agli uffici anagrafici per rintraccio finalizzato al recupero crediti.

I "padroncini" non scucivano prima le sole spese postali del francobollo, figuriamoci se si "dissanguano" adesso che occorre pagare anche 14 euro/certificato.

Ad ogni modo, lei deve presentare la dichiarazione dei redditi. Se non lo facesse si ritroverebbe subito alle calcagna anche Agenzia delle Entrate ed Equitalia. Mastini che non mollano la presa. Altro che Deutsche Bank!

3 febbraio 2012 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

dichiarazione redditi

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cartella esattoriale originata da dichiarazione dei redditi - può essere impugnata dal contribuente che abbia commesso errori a suo danno
Il contribuente che abbia commesso un errore, a suo danno, nella compilazione della dichiarazione dei redditi, può correggerlo anche in sede di impugnazione di una cartella esattoriale emessa in base alla dichiarazione. E' questo il principio sancito dalla Corte di Cassazione con la sentenza numero 10647 del 7 maggio 2013. ...
Chiusura del conto corrente - la banca non può condizionarla alla restituzione di un debito del cliente
Può accadere che la banca opponga rifiuto alla richiesta di chiusura del conto formulata dal cliente, giustificando tale rifiuto con il mancato rimborso di somme indebitamente versate al correntista a titolo di stipendio e tredicesima mensilità. Può accadere anche che, dopo il rifiuto di chiudere il conto corrente, trascorrano degli ...
Errori ed omissioni nella dichiarazione dei redditi - Termini per rimborsi e ravvedimenti
Le dichiarazioni dei redditi, dell'imposta regionale sulle attività produttive e dei sostituti di imposta possono essere integrate dai contribuenti per correggere errori od omissioni (in danno del contribuente) che abbiano determinato l'indicazione di un maggior reddito o, comunque, di un maggior debito d'imposta o di un minor credito, mediante dichiarazione ...
Segnalazione alla Centrale Rischi Bankitalia - Illegittima se effettuata per mero ritardo nel pagamento del debito
E' certamente illegittima la segnalazione alla Centrale Rischi della Banca d'Italia, quando è stata effettuata a sofferenza per un mero ritardo nel pagamento del debito. Come si trae dalle relative istruzioni emanate al riguardo dalla Banca d'Italia, nella categoria di censimento sofferenze va ricondotta l'intera esposizione per cassa nei confronti ...
Dichiarazione dei redditi – presentazione in ritardo
Se la dichiarazione è presentata con ritardo non superiore a novanta giorni, la violazione può essere regolarizzata eseguendo spontaneamente, entro lo stesso termine, il pagamento di una sanzione di 32 euro, pari ad 1/8 di 258 euro, ferma restando l'applicazione delle sanzioni relative alle eventuali violazioni riguardanti il pagamento dei ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca