Ritardo nel pagamento di tre rate di un prestito sottoscritto con Consumit

Sono indietro con il pagamento di tre rate della consumit (300 euro cad). Ho perso il lavoro sei mesi fa ed ora ho ricominciato lentamente a lavorare. ho inoltre deciso di mettermi in proprio ed aprire una attività di artigianato. Inizialmente la consumit mi chiamava tutti i giorni ed ora non più.

A questo proposito ho letto della legge sulla ristrutturazione del debito. Può essere uno strumento utile nel mio caso? Potrei invece provare a congelare il debito per qualche mese, quali sono le possibilità a riguardo? Tendenzialmente vorrei pagare il debito ma non posso neppure strozzarmi in un momento nel quale sto cercando di reinvestire la mia professionalità.

Ps. faccio la restauratrice ed il mercato è ancora in crisi per noi.

Inutile chiedere ristrutturazioni o sospensioni del rimborso del debito: le finanziarie fanno orecchie da mercante da questo punto di vista.

Se proprio dovesse trovarsi in difficoltà, può smettere di pagare. A questo punto gli scenari possibili sono due.

La Consumit preferisce mettere a perdita il suo credito, lo cede ad una società di recupero crediti (se non lo ha già fatto) e lei avrà, fra qualche tempo, la possibilità di chiudere la posizione con un accordo a saldo stralcio, con una notevole riduzione dell'importo capitale e degli interessi dovuti.

La Consumit decide di procedere giudizialmente, attenderà un suo impiego di una certa stabilità ed avvierà il pignoramento dello stipendio presso il datore di lavoro nella misura del 20%.

La prima ipotesi è quella che quasi sempre si verifica.

22 febbraio 2015 · Lilla De Angelis

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Sospensione del pagamento delle rate di un prestito » Le possibili conseguenze
Quali sono le possibili conseguenze per il debitore, quando si sceglie di sospendere il pagamento delle rate dopo la stipula di un contratto di prestito? A cosa va incontro? Cosa sono la decadenza dal beneficio del termine, il decreto ingiuntivo e il pignoramento? Analizziamo queste fasi nel prosieguo dell'articolo Cosa ...
Rc auto e ritardo nel pagamento delle rate della polizza
Qualche mese fa, sono stato coinvolto in un incidente stradale in cui avevo torto e la mia assicurazione avrebbe dovuto risarcire la controparte. Purtroppo, però, non avevo pagato la seconda rata dell'Rc auto e per questo la compagnia assicurativa non vuole coprire. Premetto che erano passati diciassette giorni dalla scadenza ...
Ritardo nel rimborso delle rate di un prestito - Il creditore non ha diritto ad un ulteriore risarcimento se è stata convenuta la misura degli interessi moratori
Secondo quanto disposto dall'articolo 1224 del Codice civile, al creditore che dimostra di aver subito un danno per l'inadempimento del debitore, conseguente al ritardato rimborso rateale del prestito concesso, spetta un risarcimento che, tuttavia, non è dovuto se è stata convenuta contrattualmente la misura degli interessi moratori. Dunque, gli interessi ...
Legittima la segnalazione in Centrale Rischi se dopo il pagamento in ritardo delle rate pregresse il debitore rifiuta di regolare l'adempimento delle rate in scadenza tramite Rapporto Interbancario Diretto
L'appostazione a sofferenza di una posizione debitoria implica una valutazione da parte della banca inerente la complessiva situazione finanziaria del cliente e non può scaturire automaticamente da un mero ritardo di quest’ultimo nel pagamento del debito. Tanto premesso, ai fini della segnalazione alla centrale dei rischi, la nozione di insolvenza ...
Rate del mutuo e di un prestito pagate in ritardo – obbligo di aggiornamento dei dati relativi ai cattivi pagatori
In tema di ritardato pagamento delle rate del mutuo o di un prestito, la legge 106/2011 (approvata il 7 luglio) – è intervenuta, con l'articolo 8 bis, sulle modalità di aggiornamento nelle banche dati dei cattivi pagatori, qualora il ritardo si riferisca ad un numero di rate mensili inferiore a ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca