Debito bancario non censito nella Centrale Rischi di Intermediazione Finanziaria (CRIF)


Nell’anno 2011 ho avuto accesso ad un prestito BNL di euro 20 mila di cui ho potuto pagare solamente la prima rata: Dopo alcune lettere di sollecito, avviso di messa in mora e decadenza del beneficio del termine ricevute ormai anni fa, non ho più ricevuto alcuna comunicazione e la CRIF risulta completamente pulita, nel senso che non risultano dati riferibil” a mio nome.

Mi chiedo pertanto se il prestito non saldato e peraltro scadente nel 2021 (tra 2 anni) può essere stato portato in perdita, visto che all’epoca mi fecero sottoscrivere una assicurazione (cardif)

L’unica cosa certa che possiamo dedurre da quanto riportato nel quesito è che sono scaduti i termini per la visualizzazione della posizione eventualmente censita, dietro segnalazione del creditore aderente, nella Centrale Rischi di Intermediazione Finanziaria, secondo quanto previsto dal codice di deontologia e di buona condotta per i sistemi informativi gestiti da soggetti privati in tema di crediti al consumo, affidabilità e puntualità nei pagamenti.

30 Maggio 2019 · Ornella De Bellis



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Debito bancario non censito nella Centrale Rischi di Intermediazione Finanziaria (CRIF)