Ho un debito AMEX che non riesco a rimborsare - Come conviene procedere?

Circa 5 anni fa ho ottenuto una carta di credito American Express, fornitami da uno stand promozionale in aeroporto senza che mi venisse richiesto alcun tipo di garanzia o prova di reddito.

Ho utilizzato la carta con costanza e rispettando sempre le scadenze per i pagamenti, ma a seguito di un periodo difficile nell'ultimo paio d'anni ho accumulato un debito complessivo di circa 6 mila euro. Questo perché (molto stupidamente devo ammettere) ripagavo parte del debito con la carta stessa, nella speranza di riuscire a rimediare se le cose si fossero messe per il verso giusto.

Fatto sta che la carta mi è stata recentemente bloccata e mi è stato dato un ultimatum di 10 giorni per pagare il mio debito, cosa che al momento mi è impossibile.

Sono ancora residente in Italia, ma domiciliato in Francia almeno fino a fine anno (vivo con la mia compagna che lavora qui). Non ho alcun bene di proprietà o reddito fisso. In questo momento, dispongo in totale di circa 2 mila euro divisi in diversi conti bancari e online (stile Paypal) che uso per le spese quotidiane, ma niente più.

Siccome questa situazione è nata da un mio errore, ho chiesto la possibilità di pagare in piccole rate ma l'unica opzione che mi è stata concessa è dividere il pagamento in 2 parti da pagare nel giro di 1 mese.

La mia domanda è: cosa posso aspettarmi a questo punto? Come mi conviene procedere? La mia intenzione è quella di ripagare il debito, ma mi servirebbe più tempo di quello che hanno intenzione di fornirmi.

Per ora il consiglio è quello di trasferire tutta le liquidità, di cui dispone in conto corrente, su un rapporto (anche nuovo) esclusivamente intestato alla sua compagna, riservandosi delega a disporre ed operare: si tratta di una misura forse eccessiva, ma serve se non si vogliono correre rischi di alcun genere.

Un conto corrente a lei intestato deve essere utilizzato solo per ospitare, sempre temporaneamente, eventuali accrediti (datore di lavoro, ad esempio), il cui disponente esiga l'identificazione del beneficiario.

Inutile chiedere sconti o dilazioni all'attuale creditore: più in là la posizione sarà ceduta ad una società di recupero crediti ed allora deciderà come procedere: se la sua situazione economico finanziaria e reddituale sarà mutata in positivo, potrà eventualmente perfezionare un accordo transattivo a saldo stralcio con il futuro cessionario del credito.

15 ottobre 2017 · Carla Benvenuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

carte revolving
ho debiti ma sono nullatenente

Approfondimenti e integrazioni dal blog

REI - reddito di inclusione » Un assegno mensile fino a 485 euro per le famiglie con reddito complessivo ISEE non superiore ai seimila euro
Il Reddito d'inclusione (ReI), è uno strumento di contrasto alla povertà che sostituisce sia il Sostegno all'Inclusione Attiva (SIA) che l'Asdi (Assegno Sociale di DIsoccupazione) e gli aventi diritto potranno beneficiarne a partire dal primo gennaio 2018. La misura consiste in un assegno mensile di importo variabile dai 190 fino ...
Il fideiussore è liberato anche se il debitore principale estingue il debito per cui la garanzia è stata concessa con un ulteriore prestito di ristrutturazione erogato dal creditore garantito
In difetto di diversa specificazione nel contenuto contrattuale, che il creditore garantito è tenuto a documentare adeguatamente, non rileva che il formale pagamento con cui l'obbligazione è stata estinta dal debitore principale sia dovuto alla messa a disposizione di altre liquidità o disponibilità da parte dello stesso creditore originario, il ...
Debito di valore e debito di valuta
Il debito è di valuta se l'oggetto della prestazione è una somma di denaro determinata o determinabile mediante una mera operazione aritmetica; ed è di valore se, per contro, non ha ad oggetto una somma liquida o agevolmente liquidabile, perché per individuare l'obbligazione che il debitore deve adempiere è necessaria ...
Ipoteca esattoriale ed espropriazione immobiliare - limiti di importo e condizioni per procedere
In tema di iscrizione di ipoteca esattoriale ed espropriazione immobiliare, la legge numero 16/2012 (approvata il 2 marzo 2012) è intervenuta per fissare gli importi minimi dei debiti tributari per ipoteca ed espropriazione immobiliare. Iscrizione di ipoteca esattoriale L'ipoteca è una misura cautelare che garantisce il credito, attribuendo all'ente creditore ...
Debito solidale e coobbligati - Rinuncia del creditore alla solidarietà verso uno dei condebitori con o senza remissione
Come sappiamo, il debito è in solido quando più debitori (condebitori) sono tutti obbligati al rimborso, in modo che ciascuno può essere costretto all'adempimento per la totalità del debito (o parte di esso) e l'adempimento di uno libera gli altri. Analizziamo, adesso, le differenze fra rinuncia alla solidarietà a favore ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca