Debito Agos di mio padre defunto - Posso pagare solo la metà e rimandare il creditore, per il resto, a mia madre che è l'altra erede?

Mio Padre è deceduto anni fa: e adesso stanno arrivando i debiti che aveva insieme a mia madre, la quale è ancora in vita, ma con lei non ho più nessun rapporto visto che se ne sta fregando della situazione in cui mi sta mettendo e si rifiuta di pagare.

Io, purtroppo, non posso più rinunciare all'eredità di mio padre.

Vi è un debito sottoscritto da mio padre per una carta di credito Revolving (senza assicurazione) di 2400 euro.

L'Agos ha scritto una lettera (senza raccomandata ma una lettera Nexive) dove chiede il pagamento della cifra entro 10 giorni. Io vorrei pagare per evitare di finire in Centrale Rischi o altri problemi visto che per adesso sono "pulito".

Adesso però ho dei dubbi:

1) Perchè hanno scritto solo a me e non anche a mia madre o agli Eredi??
2) Posso pagare solo il 50 per cento della cifra e dire ad Agos l'altro 50 per cento vedetevelo con mia madre.

Se facessi così io cosa rischio? Sapendo che mia madre non pagherà mai.

Lei è tenuto pagare solo la metà del debito lasciato da suo padre: infatti, l'articolo 752 del codice civile dispone, in modo inequivocabile, che i coeredi contribuiscono tra loro al pagamento dei debiti del defunto in ragione delle loro quote ereditarie.

Quindi è nel suo pieno diritto saldare il dovuto e comunicare al creditore che lei ha pagato solo la metà della pretesa dal momento che al restante 50% deve provvedere l'altra coerede, precisando (è importante) le generalità di sua madre.

Attenzione però: qualora al momento della morte del marito la coniuge non si trovava in possesso di beni ereditari; se non si sono verificati i presupposti per poter presumere una sua accettazione tacita dell'eredità; se non sono passati dieci anni dal decesso; sua madre è sempre in tempo a rinunciare all'eredità, nel qual caso anche la restante metà del debito del defunto potrebbe essere successivamente chiesta a lei, figlio, in qualità di unico erede del de cuius.

Comunque, in mancanza di un atto di rinuncia del coerede, laddove ancora possibile, lei è tenuto a soddisfare la richiesta di Agos solo nella misura del 50%.

9 novembre 2017 · Rosaria Proietti

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

debiti ed eredita
eredità e successione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

In mezzo ad una strada per i debiti di mio padre
Trovandomi nel bel mezzo di una procedura di pignoramento immobiliare complicata da tortuose vicende familiari frammiste a quelle aziendali del comproprietario, avviata tramite citofonata e successivo deposito di lettera nella mia cassetta postale, devo esporre il mio caso per chiedere lumi agli esperti del forum. In sostanza, la casa con ...
Il defunto aveva emesso un assegno di cui il beneficiario non riesce a motivare la causa - L'erede chiede ed ottiene la restituzione dell'importo facciale
Caio adiva il Tribunale territorialmente competente nella qualità di erede del de cuius, asserendo che quest’ultimo aveva pagato a Tizio, senza titolo, un'ingente somma di denaro a mezzo di assegno bancario. Chiedeva, pertanto, la condanna di Tizio alla restituzione di tale pagamento indebito. Tizio si costituiva in giudizio ribattendo che ...
Diritto di abitazione » Alla morte del padre la madre comproprietaria può far cacciare di casa il figlio che non contribuisce alle spese
Diritto di abitazione: morto il padre, la madre comproprietaria può far cacciare di casa la figlia che non contribuisce alle spese. In questi casi scatta, infatti, l'ordine di rilascio dell'immobile: se è intollerabile la convivenza, il diritto del coniuge superstite prevale sul compossesso della figlia che ha già redditi propri. ...
Eredità - Quando il chiamato debitore muore prima di accettare o rinunciare
Famiglia con madre padre e due fratelli: muore prima la madre e i figli diventano eredi, senza aver fatto la successione in quanto nel loro caso non necessaria, in quanto sono presenti poche migliaia di euro presenti su un conto in comune con la madre e basta, niente case ne ...
Mantenimento » Figlia vive sola? Madre perde assegno e casa familiare
In tema di separazione, nel caso il figlio affidato andasse a vivere da solo, la madre affidataria perderebbe l'ex casa familiare e il mantenimento della ragazza corrisposto dall'ex coniuge obbligato. Questo importante principio è stato stabilito dalla Corte di Cassazione la quale, con la pronuncia 24510/2013, ha stabilito che: L'avvenuta ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca