Debiti di una società SAS - Può essere aggredito il mio patrimonio personale?

Nel 2015 io ed un mio vecchio amico abbiamo aperto un solarium a Milano ed abbiamo costituito una SAS (Società in accomandita semplice): le quote di partecipazione sono di 60-40% con io in difetto e lui amministratore (accomandatario).

Nella società, per far fronte alle spese iniziali, abbiamo conferito rispettivamente 70.000 euro (lui) e 40.000 euro (io) di capitale iniziale.

Nell'atto costitutivo io compaio come socio accomandante.

Io praticamente non mi sono mai occupato degli affari, serviva solo la mia partecipazione economica.

Ora, le lampade e le attrezzature sono state acquistate in noleggio (simil leasing).

Purtroppo, in zona, ha aperto un grande centro estetico (catena franchising) e gli affari non sono mai decollati.

Non siamo riusciti, dunque, a pagare i fornitori ed abbiamo accumulato debiti per 150.000 euro.

Essendo io proprietario di una piccola barca e di un SUV, oltre alla casa in comunione dei beni con mia moglie, voglio sapere se rischio di perderli per le azioni dei creditori.

La sas, società in accomandita semplice, è caratterizzata dall'esistenza di due categorie di soci che si differenziano a seconda del grado di responsabilità: ovvero, illimitata per i soci accomandatari, mentre limitata alla quota conferita per i soci accomandanti.

Dunque, nel suo caso, essendo un socio accomandante, lei è aggredibile dai creditori esclusivamente per la sua quota conferita nella società (40.000 euro).

Pertanto, i fornitori, per far fronte al debito di 150.000 euro, si rivarranno per prima cosa sul capitale della società (70.000+40.000 = 110.000 euro).

Dopidiché, andranno ad aggredire i beni del suo ex socio, qualunque essi siano, per la quota mancante di 40.000.

Dunque, lei non rischia niente, per quanto riguarda i suoi beni, a meno che, tenendo fede alla sua dichiarazione, non abbia agito per conto della società come amministratore.

Infatti, l'articolo 2320 del codice civile disciplina le attività delle quali è fatto divieto al socio accomandante, individuate nel compimento di atti di amministrazione, trattazione o conclusione di affari in nome della società.

Il socio accomandante assume responsabilità illimitata per le obbligazioni sociali ove contravvenga al divieto di compiere atti di amministrazione, intesi questi ultimi quali atti di gestione, aventi influenza decisiva o almeno rilevante sull'amministrazione della società, (non già di atti di mero ordine o esecutivi) o di trattare o concludere affari in nome della società.

23 ottobre 2017 · Giorgio Valli

Altre discussioni simili nel forum

responsabilità patrimoniale dei soci

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca