Debiti in eredità

Il 25 dicembre 2014 mia madre è morta: essendo una persona molto orgogliosa non mi ha mai detto di avere molti debiti, probabilmente con banche. Sono quasi sicura che la casa di famiglia è al 100% di proprietà di mio padre (vivente) anche se è pignorata e già messa all'asta. Non mi risulta che aveva altri beni mobili o immobili.

Quali sono i miei obblighi di erede per quanto riguarda:
- la successione: (ho preso appuntamento al caf per avere informazioni in questo senso);
- i debiti: non vorrei farli ricadere su di me o sui miei figli che sono maggiorenni (Lei ci ha sempre amati e non lo verrebbe mai).

Lei ed i suoi figli dovete rinunciare espressamente all'eredità. In questo modo nessun creditore potrà rivolgersi a lei per il pagamento dei debiti ereditari.

I termini per la presentazione della rinuncia sono:

  • se si è in possesso di beni ereditari: tre mesi dal decesso
  • se non si è in possesso dei beni ereditari: fino alla prescrizione del diritto (10 anni).

La dichiarazione di rinuncia all'eredità deve essere redatta e sottoscritta presso la cancelleria del Tribunale territorialmente competente (laddove si è aperta la successione, ovvero è deceduta sua madre). Anche i figli devono essere presenti.

3 marzo 2015 · Piero Ciottoli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

rinuncia eredità

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Le norme su successioni ed eredità
Quando lo zio d'America passa a miglior vita, oltre a qualche lacrima si iniziano a fare i conti sull'ipotetica eredità che ci ha lasciato. Ma in Italia il tema delle successioni è molto complesso e legato a criteri antichi, adatti per regolare le società di un tempo. La normativa ruota ...
Debiti ereditari e beneficio di inventario
Il beneficio di inventario consente all'erede di tenere distinto il proprio patrimonio da quello del defunto. Il "beneficio di inventario" è un istituto che consente all'erede di tenere distinto il proprio patrimonio da quello del defunto (articolo 490 del Codice civile). Questo istituto è opportuno nei casi in cui l'erede ...
Debiti ed eredità - I coeredi non sono debitori solidali
La legge stabilisce che i coeredi contribuiscono fra loro al pagamento dei debiti e pesi ereditari in proporzione delle loro quote ereditarie, salvo che il testatore abbia altrimenti disposto. Pertanto fra gli eredi non esiste un vincolo di solidarietà e gli stessi sono tenuti a rispondere del debito eventuale del ...
Solo la redazione dell'inventario consente all'erede di pagare i debiti del defunto entro il limite del valore dei beni ricevuti
Com'è noto, l'effetto dell'accettazione dell'eredita con beneficio d'inventario consiste nel tenere distinto il patrimonio del defunto da quello dell'erede. L'erede conserva verso l'eredità tutti i diritti e tutti gli obblighi che aveva verso il defunto, tranne quelli estinti per effetto della morte (sanzioni amministrative, ad esempio). Inoltre, l'erede accettante con ...
Le imposte di successione, ipotecaria e catastale che bisogna pagare se si eredita un immobile
Coloro che ricevono in eredità beni immobili e diritti reali immobiliari hanno l'obbligo di presentare la dichiarazione di successione e pagare, se dovuta, l'imposta di successione. L'imposta di successione è calcolata dall'ufficio, in base alla dichiarazione presentata e previa correzione di eventuali errori materiali e di calcolo commessi dal dichiarante ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca