Debiti figlio: trasferimento proprietà immobiliare da padre malato a madre.

Il caso è il seguente:
- due genitori coniugati in separazione sono cointestatari di due immobili.
- Uno dei due si trova in pessime condizioni di salute ed è lucido e capace. La sua scarsa autosufficienza ha reso necessaria la nomina del coniuge come amministratore di sostegno.
- L'unico figlio ha un debito IVA risalente a 15 anni prima e mai pagato per impossibilità economica, di valore consistente. Le cartelle equitalia sono a ruolo ma ad ora è nullatenente.

In caso di successione, se ho capito bene, il 50% di ogni immobile (quota del deceduto) viene suddiviso tra coniuge e figlio in ragione del 50% quindi il figlio erediterebbe il 25% del valore di ogni immobile.

La domanda: escludendo la donazione tra coniugi, soggetta a revocatoria (così ho capito), è praticabile ed efficace un atto di vendita tra coniugi (con relativo effettivo pagamento), in modo che tali immobili non esistano più ai fini della successione?

Ovviamente i presupposti di quanto sopra sono che 1) il trasferimento vada dal genitore anziano e malato all'altro coniuge, probabilmente sopravvivente ancora a lungo e 2) che il denaro depositato sul conto del venditore venga in un secondo momento prelevato con entrambi ancora in vita.

entrambi i coniugi sarebbero d'accordo, se fosse una soluzione anche temporanea (nessuno è eterno).

Mi è pesante parlare di genitori in termini di vita/morte eredità , ma sto cercando di evitare loro il peso di miei errori passati. Avrei certo deciso per la rinucia all'eredità al momento opportuno, ma Equitalia subentrerebbe comunque.

Grazie.

Anche la vendita endofamiliare e soggetta a revocazione come la donazione. Può anche andar bene, ma il rischio esiste.

In casi come quello che lei descrive, potrebbe valere la pena di pensare alla alienazione totale di uno dei due immobili ed alla vendita della nuda proprietà, con riserva di usufrutto dell'altro.

Questo, beninteso, se l'entità del debito IVA è rilevante.

Il ricavato potrebbe essere poi trasferito nel tempo su un conto corrente fiduciario con delega al figlio debitore.

28 aprile 2014 · Ludmilla Karadzic

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Diritto di abitazione » Alla morte del padre la madre comproprietaria può far cacciare di casa il figlio che non contribuisce alle spese
Diritto di abitazione: morto il padre, la madre comproprietaria può far cacciare di casa la figlia che non contribuisce alle spese. In questi casi scatta, infatti, l'ordine di rilascio dell'immobile: se è intollerabile la convivenza, il diritto del coniuge superstite prevale sul compossesso della figlia che ha già redditi propri. ...
Regime di comunione dei beni - Immobile costruito su un terreno di proprietà esclusiva di uno dei coniugi
Il codice civile (articolo 177, comma 1, lettera a) stabilisce che costituiscono oggetto di comunione gli acquisti compiuti dai coniugi insieme o separatamente durante il matrimonio, ad esclusione di quelli relativi a beni personali. Confluisce, dunque, immediatamente, nel patrimonio comune l'acquisto che i coniugi effettuino congiuntamente. In regime di comunione ...
Separazione e divorzio - Esenzione dalle imposte di registro ipotecaria e catastale per tutti gli atti di trasferimento della proprietà immobiliare fra coniugi o a favore dei figli
Com'è noto, la normativa vigente (articolo 19 della legge 74/1987) stabilisce che tutti gli atti, i documenti ed i provvedimenti relativi al procedimento di scioglimento del matrimonio o di cessazione degli effetti civili del matrimonio nonchè ai procedimenti anche esecutivi e cautelari diretti ad ottenere la corresponsione o la revisione ...
Diritto di abitazione riservato al coniuge superstite - Viene meno in caso di separazione personale
Il diritto reale di abitazione, riservato per legge al coniuge superstite, è condizionato all'effettiva esistenza, al momento dell'apertura della successione, di una casa adibita ad abitazione familiare, evenienza che non ricorre allorché, a seguito della separazione personale, sia cessato lo stato di convivenza tra i coniugi. Infatti, il diritto reale ...
Separazione » figlio deve abitare stabilmente l'ex casa coniugale per non far decadere l'assegnazione
In tema di separazione personale ed assegnazione della casa coniugale, è necessaria la convivenza del figlio maggiorenne con il genitore collocatario. Qualora il ragazzo abbandoni l'abitazione, è legittima la revoca. L'assegnazione della casa coniugale è una delle questioni più conflittuali tra coniugi freschi di separazione. La questione si complica quando ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca