Debiti e testamento

Il mio compagno è indebitato, io lo sto aiutando a pagare i debiti,

Lui dice di voler fare testamento a nome mio. Se per disgrazia succede qualche cosa, devo pagare i debiti io o è meglio fare rinuncia all'eredità se i debiti superano il valore del patrimonio. Non siamo sposati. Come faccio a sapere quanti debiti ci sono?

La legge riserva una parte dell'eredità ai parenti del defunto (i chiamati all'eredità). C'è poi una quota che può essere assegnata per testamento (a chiunque).

Ereditando beni per testamento e non essendo lei chiamata all'eredità (se non diventerà coniuge del suo compagno) non dovrà rispondere di eventuali debiti del de cuius.

L'unica cosa che potrebbe accaderle è l'impugnazione del testamento da parte dei chiamati all'eredità, nel caso in cui non fosse stata rispettata nel testamento la quota di legittima (quella riservata ai parenti del de cuius, per legge).

Lei chiede come si fa a sapere dei debiti del defunto. Non si può saperlo. Per questo esiste l'istituto della rinuncia con beneficio di inventario.

Il chiamato all'eredità (ripeto, non è il suo caso, lei sarebbe solo una legataria) attende 10 anni che corrisponde proprio all'intervallo di tempo in cui un creditore del de cuius può far valere le sue pretese, pena la prescrizione del credito.

Al compimento del decimo anno il chiamato saprà, con precisione, quali sono tutti i debiti del de cuius che egli dovrebbe pagare accettando l'eredità. Può, allora, compiere la propria scelta, accettare o rinunciare, con consapevolezza.

16 febbraio 2012 · Marzia Ciunfrini

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Debiti ereditari e beneficio di inventario
Il beneficio di inventario consente all'erede di tenere distinto il proprio patrimonio da quello del defunto. Il "beneficio di inventario" è un istituto che consente all'erede di tenere distinto il proprio patrimonio da quello del defunto (articolo 490 del Codice civile). Questo istituto è opportuno nei casi in cui l'erede ...
Rinuncia all'eredità - Si può sempre accettare successivamente
L'atto di rinuncia all'eredità deve essere rivestito di forma solenne (dichiarazione resa davanti a notaio o al cancelliere e iscrizione nel registro delle successioni). E' escluso che la rinuncia all'eredità possa essere fatta mediante scrittura privata autenticata. La rinuncia all'eredità non fa venir meno la delazione (cioè la messa a ...
Rinuncia all'eredità del debitore fallito
Com'è noto, il codice civile (articolo 524) prescrive che, se il debitore rinuncia ad una eredità con danno dei suoi creditori, questi possono farsi autorizzare ad accettare l'eredità in nome e luogo del rinunziante, al solo scopo di soddisfarsi sui beni ereditari fino alla concorrenza dei loro crediti. Il diritto ...
Rinuncia all'eredità – i creditori possono chiedere la revocatoria dell'atto di rinuncia
Salve, avrei da chiedere alcuni chiarimenti. Circa un mese fa è venuto a mancare mio padre, lasciando oltre a dei depositi bancari anche una casa con un ettaro di terreno circostante. I depositi bancari sono intestati a lui e a mia madre, mentre la casa ed il terreno sono intestati ...
Quando il pagamento di un debito del defunto configura accettazione tacita dell'eredità
In tema di successioni per causa di morte, un pagamento transattivo del debito del de cuius, ad opera del chiamato all'eredità, configura un'accettazione tacita dell'eredità, non potendosi transigere un debito ereditario se non da colui che agisce quale erede. Ma, lo stesso adempimento eseguito con denaro proprio, ed in epoca ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca