Debiti e residenza presso la compagna o i genitori » Sono forse un appestato?

Ho delle cartelle di Equitalia per circa 30,000 Euro.

Al momento sono disoccupato e non possiedo nessun bene intestato.

Vivo e risiedo nella’appartamento della mia ragazza,ma in comune abbiamo dichiarato 2 nuclei familiari distinti.

La domanda è: potrebbero venire e pignorare beni mobili non miei?

Cosa fare per evitare ciò?

Sono come un appestato che può portare problemi ovunque io porti la mia residenza? Perché credo che la mia compagna nel caso si sentisse in pericolo a causa della mia situazione, pretenderebbe che io porti la residenza altrove. Ma dove? Si ripresenterebbe lo stesso problema anche dai miei?

Fino a qualche tempo fa, per risolvere il problema che l’affligge, bastava registrare presso l’Agenzia delle entrate territorialmente competente, un contratto di comodato nel quale il “padrone di casa” indicava gli arredi, gli elettrodomestici e quant’altro messo a disposizione del debitore residente presso la “propria” unità abitativa.

Con questo escamotage, una volta presentatosi l’ufficiale giudiziario e sottoposto alla sua attenzione il contratto registrato, la storia finiva lì, almeno per quel che riguarda il pignoramento presso la residenza del debitore.

Successivamente è intervenuta una sentenza della Corte di Cassazione, con la quale, in pratica, è stato chiarito che l’ufficiale giudiziario deve comunque portare a termine il pignoramento, non essendo egli tenuto ad interpretare la valenza del contratto di comodato, e le sue conseguenze, nell’ambito della procedura di escussione. Incombenza che compete solo al giudice.

A questo punto, fermo restando che la registrazione del contratto di comodato va comunque effettuata, il padrone di casa, se vuole “liberare” i beni di sua proprietà pignorati dall’ufficiale giudiziario, deve presentare in tribunale, con il supporto di un legale, opposizione del terzo all’esecuzione del debitore.

In conclusione, tuttavia, va ricordato che, abitualmente, Equitalia avvia la procedura di pignoramento presso la residenza del debitore solo quando è sicura di poter rinvenire, nell’unità abitativa visitata dall’ufficiale giudiziario, beni di valore in proprietà al debitore, che siano, cioè, facilmente collocabili sul mercato tramite vendita all’asta.

10 Giugno 2014 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Residenza comune figlio a carico ma senza matrimonio - Posso ottenere detrazioni fiscali per la compagna convivente?
A giugno 2019 divento papà: io e la mia compagna abbiamo la stessa residenza ma non abbiamo istituto una coppia di fatto tanto meno effettuato un matrimonio civile. Volevo capire per avere la compagna a carico basta la residenza nella stessa casa o è necessario istituire una coppia di fatto? Consigli per ottenere eventuali agevolazioni considerando che lei non lavora? ...

Possibile pignoramento presso la residenza del debitore - Come evitare lo stress ai genitori con cui il debitore convive?
Anni fa fui seguito da un avvocato d'ufficio per un procedimento penale: tutto si è concluso, questo avvocato non si è mai più fatto sentire, non mi ha mai mandato comunicazione del suo compenso, tanto che mi ero pure dimenticato della cosa, fino a che nei giorni scorsi mi è stato notificato un decreto ingiuntivo, che ho fatto leggere ad un avvocato e mi ha detto che ho 10 giorni per pagare. Ora, constatato che non ho soldi per pagare, sono disoccupato da molti anni e soprattutto che vanta un credito nei miei riguardi non vuole in nessun modo accordarsi, ...

debiti e residenza presso la propria compagna
Fino a qualche tempo fa, per risolvere il problema che l'affligge, bastava registrare presso l'Agenzia delle entrate territorialmente competente, un contratto di comodato nel quale il "padrone di casa" indicava gli arredi, gli elettrodomestici e quant'altro messo a disposizione del debitore residente presso la "propria" unità abitativa. Con questo escamotage, una volta presentatosi l'ufficiale giudiziario e sottoposto alla sua attenzione il contratto registrato, la storia finiva lì, almeno per quel che riguarda il pignoramento presso la residenza del debitore. Successivamente è intervenuta una sentenza della Corte di Cassazione, con la quale, in pratica, è stato chiarito che l'ufficiale giudiziario deve ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Debiti e residenza presso la compagna o i genitori » Sono forse un appestato?