Debiti e residenza presso la compagna o i genitori » Sono forse un appestato?

Ho delle cartelle di Equitalia per circa 30,000 Euro.

Al momento sono disoccupato e non possiedo nessun bene intestato.

Vivo e risiedo nellà appartamento della mia ragazza,ma in comune abbiamo dichiarato 2 nuclei familiari distinti.

La domanda è: potrebbero venire e pignorare beni mobili non miei?

Cosa fare per evitare ciò?

Sono come un appestato che può portare problemi ovunque io porti la mia residenza? Perché credo che la mia compagna nel caso si sentisse in pericolo a causa della mia situazione, pretenderebbe che io porti la residenza altrove. Ma dove? Si ripresenterebbe lo stesso problema anche dai miei?

Fino a qualche tempo fa, per risolvere il problema che l'affligge, bastava registrare presso l'Agenzia delle entrate territorialmente competente, un contratto di comodato nel quale il "padrone di casa" indicava gli arredi, gli elettrodomestici e quant'altro messo a disposizione del debitore residente presso la "propria" unità abitativa.

Con questo escamotage, una volta presentatosi l'ufficiale giudiziario e sottoposto alla sua attenzione il contratto registrato, la storia finiva lì, almeno per quel che riguarda il pignoramento presso la residenza del debitore.

Successivamente è intervenuta una sentenza della Corte di Cassazione, con la quale, in pratica, è stato chiarito che l'ufficiale giudiziario deve comunque portare a termine il pignoramento, non essendo egli tenuto ad interpretare la valenza del contratto di comodato, e le sue conseguenze, nell'ambito della procedura di escussione. Incombenza che compete solo al giudice.

A questo punto, fermo restando che la registrazione del contratto di comodato va comunque effettuata, il padrone di casa, se vuole "liberare" i beni di sua proprietà pignorati dall'ufficiale giudiziario, deve presentare in tribunale, con il supporto di un legale, opposizione del terzo all'esecuzione del debitore.

In conclusione, tuttavia, va ricordato che, abitualmente, Equitalia avvia la procedura di pignoramento presso la residenza del debitore solo quando è sicura di poter rinvenire, nell'unità abitativa visitata dall'ufficiale giudiziario, beni di valore in proprietà al debitore, che siano, cioè, facilmente collocabili sul mercato tramite vendita all'asta.

10 giugno 2014 · Simone di Saintjust

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Notifica della cartella esattoriale nelle mani del destinatario - legittima anche se effettuata in luogo diverso dal domicilio o dalla residenza
La notifica nelle mani del destinatario, anche se effettuata in luogo diverso da quello in cui lo stesso destinatario ha la normale residenza o il domicilio, è perfettamente valida, per avere raggiunto lo scopo di portare a conoscenza del soggetto l'atto notificato. Infatti il riferimento ai criteri della residenza, domicilio, ...
Agevolazioni fiscali per acquisto prima casa da parte di coniugi in comunione legale - Se uno dei coniugi non trasferisce la residenza anagrafica nell'immobile acquistato è necessario dimostrare la coabitazione
Per quanto riguarda l'imposta di registro e i relativi benefici per l'acquisto della prima casa da parte di coniugi in comunione legale, il requisito della residenza va riferito alla famiglia, per cui ove l'immobile acquistato sia adibito a tale destinazione non rileva la diversa residenza di uno dei due coniugi ...
Agevolazioni prima casa » L'inquilino che non se ne va non giustifica la mancata residenza
In merito alle agevolazioni prima casa, in caso di mancato rilascio del conduttore dell'immobile, i benefici per il nuovo padrone di casa decadono se non ha effettuato il cambio di residenza. Si può accedere alle agevolazioni prima casa solo con il cambio di residenza anche se l'immobile non viene rilasciato ...
Pignoramento presso la residenza del debitore – precauzioni
Per l'Ufficiale Giudiziario, tutto quanto presente nell'appartamento in cui risiede il debitore è pignorabile, a meno che l'effettivo proprietario non riesca a produrre fattura nominativa dell'acquisto del singolo bene. Per risolvere il problema esistono diverse soluzioni. Una soluzione potrebbe consistere nella sottoscrizione di un contratto di locazione dell'appartamento ammobiliato (con ...
Agevolazioni fiscali prima casa - In regime di comunione dei beni, per fruire del beneficio, è sufficiente che uno solo dei due coniugi trasferisca la residenza nel Comune in cui è ubicato l'immobile acquistato
In tema di agevolazioni fiscali per l'acquisto della prima casa, l'acquirente si obbliga a trasferire la propria residenza entro diciotto mesi dal rogito notarile nel Comune in cui l'immobile è ubicato. Tuttavia, come hanno ribadito i giudici della Corte di cassazione (sentenza 1494/16) il requisito della residenza, nel caso di ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca