Sono indebitato con la Pubblica Amministrazione – So che posso aprire comunque partita IVA ma come funziona il recupero dei vecchi debiti?

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!



Vorrei avere un’informazione: vorrei aprire la partita iva, però ho molti debiti con agenzia delle entrate, INPS, Equitalia. So che posso aprirla comunque, però con i vecchi debiti come funziona? Me li faranno in qualche modo rateizzare o mettersi d’accordo in qualche modo?

Agenzia entrate Riscossione potrebbe subito procedere pignorando i beni strumentali necessari a condurre la nuova attività intrapresa dal debitore (anche se limitatamente al 20% del loro valore commerciale): ma, nella Pubblica Amministrazione non sono così stupidi e preferiscono non uccidere la gallina dalle uova d’oro, specie quando è ancora allo stadio di pulcino.

Pertanto, il comportamento più verosimile del concessionario, al fine di escutere i vecchi debiti, sarà quello di pignorare il conto corrente del debitore appena riuscirà, come tutti sperano, a rimpinguarlo con i proventi della nuova attività.

Oppure, pignorare i corrispettivi presso il committente, o, ancora, iscrivere fermo amministrativo sul veicolo di proprietà del debitore.

Ciò non toglie che vecchi debiti, qualora sussistano i requisiti (soprattutto se si è già beneficiato di una dilazione non portata a termine) possono essere regolati attraverso un piano di rientro fino a cinque, e in alcuni limitati casi, dieci anni.

26 Febbraio 2018 · Annapaola Ferri



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Sono indebitato con la Pubblica Amministrazione – So che posso aprire comunque partita IVA ma come funziona il recupero dei vecchi debiti?





Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!