Gravi problemi economici

Siamo una società in nome collettivo formata da padre e tre figli tutti sposati e nell'anno 2001 abbiamo chiesto per gravi problemi economici un concordato preventivo in tribunale che i nostri fornitori hanno accettato e le banche pure, eccetto una che si riservava di procedere per il recupero della somma restante (il 50%) verso i fidejussori(le mogli dei quattro soci.

Considerato che questa banca ha ricevuto 150.000.000 di lire a fronte di un debito di 300.000.000 di lire, può richiedere la somma residua ai fidejussori anche se questi hanno firmato per un importo massimo di 200.000.000?

I fidejussori risponderanno nel limite della garanzia da loro prestata (200 milioni).

Vi consiglio di verificare che la fidejussione prestata non sia del tipo “omnibus”: la giurisprudenza recente considera questo tipo di fidejussioni come illegittime, potreste in questo caso – forse – contestare il pagamento alla banca.

15 febbraio 2012 · Marzia Ciunfrini

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?