Debiti e disoccupazione - ma possiedo un immobile

Sono titolare di due revolving e due prestiti con una banca e una finanziaria: il totale da restituire delle revolving ammonta a 6000 euro invece, il debito con la finanziaria ammonta a 21mila euro se estinto a rate o a 11 mila se estinto anticipatamente.

In questo momento, a 46 anni, sono privo di lavoro e sono comunque proprietario di un immobile dato in usufrutto ad un parente stretto. Dal mese prossimo non potrò più pagare nulla. Come mi consigliate di muovermi?

Soprattutto in riferimento al prestito con la finanziaria va rilevato che la nuda proprietà può essere ipotecata ed espropriata.

Il diritto di usufrutto di cui è titolare il parente stretto non costituisce, per il creditore, un disincentivo ad avviare una procedura esecutiva finalizzata all'iscrizione ipotecaria o, addirittura, all'espropriazione della nuda proprietà dell'immobile.

Anzi, nel contesto descritto, il debitore rischia di vedersi espropriata la nuda proprietà all'asta e restare ancora obbligato con il creditore.

Il suggerimento è pertanto quello di trovare un accordo con la finanziaria o comunque pagare le rate. L'alternativa è vendere la nuda proprietà dell'immobile prima dell'iscrizione di ipoteca o di un pignoramento.

In questo caso, tuttavia, onde evitare la possibilità, sempre incombente, di un'azione revocatoria dell'atto di trasferimento, l'acquirente non deve essere un parente del debitore, né un suo affine. Il passaggio di denaro relativo al pagamento del corrispettivo deve essere tracciabile e documentabile in modo trasparente. Il prezzo della transazione adeguato ai valori di mercato. Il terzo non deve svolgere attività di intermediazione in campo immobiliare e l'investimento, per quanto possibile deve essere destinato (ad esempio, tramite una donazione), a residenza per un figlio una volta esauritosi l'usufrutto.

1 aprile 2015 · Lilla De Angelis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

revocatoria di atti dispositivi del debitore (alienazione immobile donazione costituzione fondo patrimoniale)

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Usufrutto e pignoramento
L'usufrutto è un diritto, quantificabile in valore e come tale pignorabile in caso di insolvenza debitoria. Il calcolo avviene sulla base del valore catastale dell'immobile e su tabelle attuariali. Se parliamo di usufrutto vitalizio, il suo valore si calcola applicando un determinato coefficiente (relativo all'età dell'usufruttuario) - che tiene anche ...
Revoca assegnazione della casa coniugale - l'importo dell'assegno di mantenimento non deve essere necessariamente proporzionale al canone di mercato dell'immobile
Per giurisprudenza ampiamente consolidata, l'assegno per il coniuge, anche in sede di separazione, deve tendere al mantenimento del tenore di vita da questo goduto durante la convivenza matrimoniale, e indice di tale tenore di vita può essere l'attuale disparità di posizioni economiche tra i coniugi. E' vero che non può ...
No al beneficio fiscale prima casa per un secondo immobile acquistato dal coniuge separato di fatto
Per il godimento delle agevolazioni fiscali prima casa occorre che nell'atto di acquisto l'acquirente dichiari di non essere titolare esclusivo o in comunione con il coniuge dei diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione di altra casa di abitazione nel territorio del comune in cui è situato l'immobile da acquistare. ...
Immobile con nudo proprietario ed usufruttuario - il conduttore a chi deve pagare il canone di locazione?
Il rapporto che nasce dal contratto di locazione e che si instaura tra locatore e conduttore ha natura personale, di modo che chiunque abbia la disponibilità di fatto del bene, in base a titolo non contrario a norme di ordine pubblico, può validamente concederlo in locazione. Pertanto, la legittimazione a ...
L'assegno di mantenimento non può essere rapportato al reddito di locazione dell'immobile, gravato da mutuo ipotecario, di proprietà del coniuge obbligato
L'assegnazione della casa familiare, rispondendo all'esigenza di conservare l'habitat domestico, inteso come il centro degli affetti, degli interessi e delle consuetudini in cui si esprime e si articola la vita familiare, è consentita unicamente con riguardo a quell'immobile che abbia costituito il centro di aggregazione della famiglia durante la convivenza, ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca