Debiti di società in cui ero ex socio, posso essere sollevato da atto manleva?

L'amministratore e legale rappresentante di una società di cui ero socio non ha pagato delle tasse relative alla società (senza comunicarlo agli altri) e di conseguenza sono arrivate delle cartelle da parte di Equitalia.

L'unica cosa che sarebbe oggi disposto a fare (il responsabile ancora attuale amministratore) sarebbe un atto di manleva.

  1. Ma Equitalia ne terrebbe conto?
  2. Potete consigliarmi se esiste un sistema di assunzione di responsabilità visto che questa persona è disposta a assumersele?
  3. E se questa persona poi non potesse onorare i pagamenti alla fine l'atto di manleva avrebbe senso?

La risposta alla domanda numero uno è negativa e il consiglio di cui alla domanda numero due è di farsi comunque sottoscrivere l'atto di manleva: le servirà sicuramente nella successiva causa civile per risarcimento danni che lei intenterà nei confronti dell'amministratore attuale della società, per farsi restituire l'importo che lei dovrà sborsare ad Equitalia.

Infine, in riferimento alla domanda numero 3, l'atto di manleva è comunque utile, anche se l'amministratore attuale della società risultasse nullatenente. Nessuno può escludere che egli possa in futuro ereditare una fortuna o vincere qualche lotteria.

21 gennaio 2012 · Loredana Pavolini

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Condominio: assegno non pagato » A chi deve essere elevato il protesto?
In caso di mancato pagamento di un assegno del condominio, a chi va elevato il protesto: all'amministratore condominiale, al condominio in se per se o ai singoli inquilini? Chiariamo la questione. Come chiarito in nostri precedenti interventi, la riforma del condominio ha obbligato l'amministratore condominiale a far transitare tutte le ...
Protesto legittimo per l'amministratore che non specifica di avere agito per il condominio
E' valido il protesto nei confronti dell'amministratore condominiale, come persona fisica, che, nell'emettere un assegno scoperto, non ha specificato di avere agito per conto del condominio. Infatti, è legittimo il protesto emesso nei confronti dell'ex amministratore che emette un assegno senza specificare la spendita della qualità di legale rappresentante del ...
L'ingerenza del socio accomandante nella gestione della sas comporta responsabilità patrimoniale illimitata e solidale
L'ingerenza del socio accomandante ovvero l'attività di gestione interna ed esterna o l'accordo tacito intercorso con il socio accomandatario sono aspetti irrilevanti qualora il terzo abbia concluso un contratto preliminare con la società in accomandita in persona del soggetto, peraltro qualificatosi socio, che essendo l'accomandante non aveva il potere di ...
Obbligo di avviso di accertamento al socio per riscuotere i debiti tributari della società
Il debito della società verso l'Amministrazione finanziaria può, naturalmente, riversarsi su coloro che hanno amministrato la società (o ne sono stati soci). Occorre però un atto che giustifichi questo passaggio. E questo atto non può che essere un avviso di accertamento indirizzato al socio o all'amministratore della società, cioè un ...
Società di persone - obblighi tributari per i soci illimitatamente responsabili e per il socio accomodante di una sas
Obblighi tributari per i soci illimitatamente responsabili di una società di persone Nella società di persone tutti i soci solidalmente e illimitatamente responsabili rispondono per le obbligazioni sociali di ogni specie, tra cui anche per le obbligazioni legali e quelle tributarie. Il regime della responsabilità illimitata dei soci di una ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca