Eredi e risarcimento azionato dopo il decesso del de cuius per danni riconducibili a responsabilità del defunto

Titolare di una ditta decede e gli eredi accettano con beneficio d’inventario: se un dipendente della ditta inizia una procedura per malattia professionale, gli eredi possono rispondere per qualcosa che è sorto dopo la morte del de cuius?

Di un eventuale risarcimento danni per malattia professionale contratta nel periodo in cui il ricorrente prestava regolare servizio alle dipendenze del de cuius e disposta dall’esito di una sentenza incardinata precedentemente al decesso del de cuius, rispondono, naturalmente, gli eredi limitatamente all’eredità beneficiata.

Ancora, nel caso di un eventuale azione di risarcimento danni per malattia professionale contratta nel periodo in cui il ricorrente prestava regolare servizio alle dipendenze del de cuius e disposta dall’esito di una sentenza incardinata successivamente al decesso del de cuius, rispondono comunque i chiamati in causa in qualità di beneficiari dell’eredità.

Insomma, l’illecito civile non si estingue con la morte del responsabile ma si trasmette agli eredi dello stesso (diversamente, invece, da quanto avviene per l’illecito amministrativo o quello penale, dove la morte del reo determina anche l’estinzione dell’illecito).

E’ importante, tuttavia, sottolineare che il diritto al risarcimento del danno derivante da fatto illecito si prescrive in un quinquennio che decorre dal giorno in cui il fatto si è verificato ovvero, nella fattispecie, dal giorno in cui il danno si è manifestato (articolo 2947 del codice civile). Naturalmente, la domanda giudiziale del danneggiato interrompe il decorrere dei termini di prescrizione.

5 Dicembre 2019 · Chiara Nicolai

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Trasmissione debito del defunto agli eredi
Per un prestito di una finanziaria non potuto restituire, chiedo se in caso di decesso del titolare debito la finanziaria creditrice possa anche rivalersi sugli eredi per il recupero; ossia in caso di qualche bene intestato al debitore e gli eredi effettuano rinuncia dell'eredità, possa anche rivalersi sui beni degli eredi? ...

Cartella esattoriale notificata in vita al defunto e da questi non pagata - Cosa devono fare gli eredi
Siamo 4 eredi e nel 2012 abbiamo accettato l'eredità con beneficio di inventario, e questo conteneva cartelle equitalia: vorrei sapere se, non avendo comunicato a Equitalia la morte del de cuius, dopo un anno dalla morte del de cuius la notifica della cartella va fatta all'erede in maniera personale. In più, vorrei sapere se, andando a stampare l'estratto di ruolo del singolo erede, risultano in esso, nel caso in cui fossero stati notificati, i debiti del de cuius anche se il singolo erede non ha comunicato il decesso del de cuius. ...

Debiti derivanti dall'eredità - Cosa fare se gli altri eredi non vogliono pagare i debiti del de cuius?
In eredità ho ricevuto una casa con altri eredi e dei debiti: tra gli eredi c'è uno in pignoramento e solo io e mia sorella siamo dipendenti rischiando il pignoramento; gli altri eredi non sono intenzionati a pagare la loro quota di debiti poiché consci di non rischiare alcun pignoramento. Abbiamo l'intenzione di vendere l'immobile. Vorrei sapere se è possibile, in seguito all'ipotetica vendita, suddividere il ricavato in due assegni: 1) il primo da intestare all'inps per coprire i debiti 2) il secondo per eventuale ricavo da spartire tra gli eredi. La mia situazione è particolare poiché ho intenzione di ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Eredi e risarcimento azionato dopo il decesso del de cuius per danni riconducibili a responsabilità del defunto