Debiti con lo Stato – Possono pignorarmi gli immobili?

Ho accumulato diversi debiti con lo Stato per un attività andata male e diverse tasse non pagate: il debito ammonta a 130 mila euro circa, arrotando per eccesso. Posseggo due immobili: uno dove risiedo, nella periferia romana, per un valore stimato di 80 mila euro. L’altra mia casa è un piccolo monolocale, lasciato dai miei nonni, nella campagna abruzzese, per un valore stimato di 30 mila euro. Possono pignorare i miei immobili? Se sì, come?

Prima di rispondere alla sua domanda è necessario fare una promessa: esistono dei limiti ben definiti alle procedure esecutive immobiliari esattoriali, introdotte negli anni passati.

Le misure cautelari che si rischiano, quando si posseggono gli immobili, sono due: l’ipoteca e il pignoramento.

Per quanto riguarda l’ipoteca, va detto che è una forma di garanzia del credito vantato dagli enti che hanno affidato all’Agente della riscossione l’incarico di recuperare le somme dovute dal debitore.

L’ipoteca può essere iscritta, in presenza di debiti non inferiori a 20 mila euro, su uno o più immobili del debitore, per un importo pari al doppio del credito complessivo per cui l’Agenzia delle entrate-Riscossione procede e previa comunicazione scritta.

Il contribuente riceve, infatti, sempre un preavviso con il quale viene invitato a pagare le somme dovute entro 30 giorni.

Trascorso tale termine senza che il debitore abbia dato seguito al pagamento delle somme dovute, oppure senza che ne abbia richiesto la rateizzazione, ovvero in mancanza di provvedimenti di sgravio o sospensione, si procede con l’iscrizione dell’ipoteca alla Conservatoria competente.

La cancellazione dell’ipoteca avviene a seguito del saldo integrale del debito.

Dopo l’iscrizione di ipoteca, se il debito rimane insoluto o non rateizzato oppure non è oggetto di provvedimento di sgravio o sospensione – e se il bene rientra nelle condizioni previste dalla legge – l’Agenzia delle entrate-Riscossione potrà procedere al pignoramento e alla vendita dell’immobile.

Per quanto concerne il pignoramento immobiliare, invece, si dà corso alle procedure esecutive per la vendita all’asta dei beni in caso di debiti per i quali persiste il mancato pagamento e soltanto in presenza delle condizioni stabilite dalla legge.

In particolare il pignoramento immobiliare non può essere effettuato se l’immobile ha tutte le seguenti caratteristiche:

  • è l’unico immobile di proprietà del debitore;
  • è adibito a uso abitativo e il debitore vi risiede anagraficamente;
  • non è di lusso, (cioè non ha le caratteristiche previste dal decreto del Ministro per i lavori pubblici 2 agosto 1969, pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 218 del 27 agosto 1969) e non è comunque una villa (A/8), un castello o un palazzo di eminente pregio artistico o storico (A/9).

Negli altri casi si può procedere al pignoramento e alla vendita all’asta dell’immobile solo se:

  • l’importo complessivo del debito è superiore a 120 mila euro;
  • il valore degli immobili del debitore è superiore a 120 mila euro;
  • sono passati almeno sei mesi dall’iscrizione di ipoteca e il debitore non ha pagato.

Dunque, nel suo caso, il primo immobile, quello dove risiede, è sicuramente escluso dalla possibilità di espropriazione.

Anche il secondo appartamento è esente, per ora, dato che il valore complessivo dei due immobili arriva al valore di 110.000 euro. La situazione potrebbe cambiare, però, in caso di sopravvalutazione, nei tempi a venire.

Sicuramente, però, su entrambi gli immobili verrà iscritta ipoteca.

L’iscrizione di ipoteca sull’immobile di proprietà del debitore svolge una funzione cautelare, con la quale il creditore si tutela da un eventuale vendita a cui non segua il rimborso, parziale o integrale, del debito.

22 Settembre 2017 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Mutuo ipotecario non rimborsato - I creditori possono pignorare altri immobili, non vincolati, di proprietà del debitore?
I miei genitori sono morti da poco e hanno lasciato un immobile gravato da ipoteca, con debito residuo di 50 mila euro: l'ipoteca è su un immobile che allora, quando è stato aperto il mutuo, il perito ha valutato 120 mila euro. Volevo chiedevi se ai fini della restituzione dei 50 mila euro del mutuo devono pignorare l'immobile ipotecato oppure possono pignorare anche altri immobili non ipotecati. ...

Mutuo che non posso più pagare e la casa ipotecata andrà all'asta - Sono proprietario di altri immobili da cui ricavo quanto necessario a pagare gli alimenti a mia moglie separata » In caso di sopravvenienza di debito residuo il mio personale creditore potrà pignorare anche questi immobili?
Non posso pagare un mutuo ipotecario di primo grado costituito da rate di soli interessi il cui capitale è stato ripagato per il 54,5%: l'immobile (prima casa) il cui valore è superiore al residuo capitale andrà all'asta probabilmente. Sono separato dalla moglie con 3 figli con lei nella casa il cui più piccolo di 11 anni. Ho altri immobili che forniscono gli unici redditi con i quali pago gli alimenti. Possono essere attaccati anche questi immobili? ...

Immobile e debiti con la PA per cui agisce Agenzia delle Entrate Riscossione - Usufruttuario non debitore e proprietario debitore
Ho 57 anni e sono usufruttuario vitalizio (con scrittura registrata all'Ader) di un monolocale di proprietà di mio fratello (63 anni), il quale solo recentemente mi ha detto di essere debitore dell'Agenzia delle Entrate per 90 mila euro (cifra che supera di 30 mila euro il valore del monolocale). Premesso che il monolocale non è ancora stato ipotecato e che mio fratello vive in un casa di proprietà della moglie, io temo che il monolocale verrà presto ipotecato. Ciò detto, devo temere che dopo l'ipoteca ci sarà il pignoramento con conseguente mio sfratto? Oppure potrò godere dell'appartamento fino alla mia ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Debiti con lo Stato – Possono pignorarmi gli immobili?