Debiti con l’inps del lavoratore dipendente e indennità di malattia

Ho dei debiti accumulati per circa 100 mila euro, sia con Inps che con INAIL per la mia partita IVA che ho tutt’ora aperta.

Sono riuscito a trovarmi un lavoro come dipendente con regolare busta paga. Mi viene versato lo stipendio su un conto corrente bancario in modo regolare.

La mia domanda è: se nel caso avessi bisogno di usufruire di giorni di mutua cosa succederebbe? L’inps non mi riconoscerà niente per la mia posizione deficitaria nei loro confronti?

La procedura di rimborso dell’indennità di malattia riguarda il titolare dell’azienda e l’INPS e coinvolge solo indirettamente, ed in maniera del tutto marginale, il lavoratore dipendente.

Pertanto, potrà ammalarsi tranquillamente nonostante i debiti che ha con l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale. Per avere diritto all’indennità economica di malattia il lavoratore deve solo preoccuparsi di farsi rilasciare il certificato di malattia dal medico curante che provvederà a trasmetterlo telematicamente all’Inps.

6 Dicembre 2018 · Tullio Solinas

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Diniego pensione di vecchiaia a chi ha maturato i requisiti da lavoratore dipendente a causa di eventuali contributi non versati alla gestione separata?
Classe 1953 e compleanno ad agosto prossimo venturo, ho i requisiti per presentare domanda per la pensione di vecchiaia (67 anni e 25 anni di contributi versati): i 25 anni di contributi erano già maturati alla fine del 2012 (con sistema calcolo MISTO). Dal 2014 ho aperto partita iva come consulente grafico e da allora non ho più pagato i contributi minimali INPS (con cartelle esattoriali già in notifica). A fronte di questi debiti INPS può non accettare la mia domanda di pensione di vecchiaia? Da simulazione l'assegno mensile sarebbe di 748,00 euro. In caso di accettazione quanto ammonterebbe la ...

Debiti con UNICREDIT e FINDOMESTIC per totali 30 mila euro - Sono un lavoratore dipendente: cosa rischio?
Ho vari debiti con Unicredit complessivi di 26 mila euro circa e con findomestic di circa 4 mila: sono lavoratore dipendente con casa cointestata e altri 28 anni di mutuo con ipoteca. Ad oggi non si fanno sentire da dicembre 2017, quando mi arrivarono le raccomandate con la richiesta di pagamento in unica soluzione. Cosa posso fare? cosa rischio? ...

Compensare debiti contributivi con false indennità corrisposte al lavoratore configura il reato di truffa
Integra il delitto di truffa la condotta del datore di lavoro che, per mezzo dell'artificio costituito dalla fittizia esposizione di somme dichiarate come corrisposte al lavoratore, induce in errore l'INPS sul diritto al conguaglio di dette somme, invero mai corrisposte, realizzando così un ingiusto profitto e non già una semplice evasione contributiva. Ne deriva che quando il datore di lavoro non si limiti ad esporre dati e notizie false in sede di denunce obbligatorie, ma dichiari falsamente di avere corrisposto ad un lavoratore dipendente un'indennità di disoccupazione, di maternità, assegni familiari o altra indennità a carico dell'ente previdenziale, così conseguendo ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Debiti con l’inps del lavoratore dipendente e indennità di malattia