Debiti con il fisco e mutuo casa cointestato con mia madre al pagamento del quale non sono in grado di contribuire

Argomenti correlati:

Quasi 9 anni fa ho avviato un attività nella quale ho investito tutto, ero giovanissimo, ora mi ritrovo a non riuscire a pagare più nulla, mi ritrovo con un debito complessivo di oltre 30 mila euro tra contributi e tasse, ormai tiro avanti alla giornata nella speranza di riuscire a trovare qualcosa come dipendente.

I miei non possono aiutarmi, mio padre è disoccupato dopo aver dovuto cessare la sua attività dopo tanti anni, mia madre lavora, ma non può nemmeno lei darmi una mano più di tanto perché già si occupa della casa e le spese varie.

Inoltre la cosa che più mi preme e che ho un mutuo di casa cointestato con lei con ancora molti anni davanti, che ovviamente sta pagando lei. Quindi oltre ad avere un peso psicologico di mio perché non so come fare a sistemare la mia posizione, temo pure per il mutuo in futuro. Ho solo 28 anni e sono un tipo molto ansioso. Se qualcuno può darmi qualche suggerimento per come potrei muovermi gliene sarei grato.

Purtroppo, dovrà imparare a convivere con la sua ansia: la priorità, al momento, è fare in modo di continuare a pagare le rate del mutuo e, dunque, sperare che sua madre riesca a tirare avanti con il lavoro.

La sua situazione, peraltro, è quella in cui versano tanti italiani: avrebbe ragione a sentirsi psicologicamente contrito se avesse dilapidato i 30 mila euro al gioco, in donne o champagne. Ma ha cercato solo di avviare un’attività lavorativa e questo lo Stato estorsore non lo consente più, non solo a lei, non solo ai giovani.

Non pensi ai debiti con il fisco: quasi tutti, ormai, ne abbiamo uno che non potremo mai ripagare, anche se miliardi di euro vengono posti ogni anni a bilancio statale come proventi da recupero dell’evasione fiscale. Roba da ridere, se non ci fosse da piangere.

Provi solo a cercare un’occupazione, anche in nero: se, un domani, avesse la fortuna di trovare una posto di lavoro regolare, il massimo che le potrà capitare, nella peggiore delle ipotesi, è una trattenuta del 20% dalla busta paga per rimborsare il debito per tasse e contributi non versati.

8 Gennaio 2020 · Giorgio Martini



Condividi il topic dona e vota


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!


Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti