Debiti con Equitalia superiori a 22 mila euro verso pensionato nullatenente

Equitalia mi ha notificato una ingiunzione di pagamento per 3 mila e 600 euro: sono andato presso la loro sede e, dalle stampe, risulta che ne debbono arrivare altre per un totale di 22mila e 500 euro circa.

Sono un pensionato invalido civile al 100%, nullatenente. La mia situazione debitoria è nata dal fatto che prima lavoravo bene come professionista ma la mia malattia mi ha portato a non pagare più nulla di quanto arrivava dal "passato". Ora, effettivamente, cosa debbo temere? Cosa può farmi Equitalia? Può perseguirmi penalmente? Sono libero di andare all'estero senza essere fermato alla frontiera? Non sono assolutamente in condizione di pagare niente di tutto ciò, sono assistito da mio fratello e non vorrei che fosse chiamato lui a pagare per i miei debiti. Vorrei quindi rassicurazioni in tal senso, nonché chiarimenti al riguardo. Sto in affitto, che pago con vari aiuti e prestiti. A questo punto non deve più transitare nulla sul mio conto perché ho letto che Equitalia lo sequestra senza preavviso? Anche se c'è solo la pensione?

Equitalia può pignorare la sua pensione per la parte che eccede il minimo vitale: il minimo vitale è pari alla misura massima mensile dell'assegno sociale, aumentato della metà (circa 750 euro).

Se la sua pensione non supera i 1.500 euro la percentuale di pignoramento è del 10%.

Equitalia può pignorarle il conto corrente: ma l'ultima pensione accreditata non può essere toccata.

La pensione deve comunque transitare sul conto corrente a lei esclusivamente intestato. Buona norma è quella di spostare subito e altrove gli importi accreditati dall'INPS per evitare errori nelle procedure ed essere magari successivamente costretti, con il necessario supporto di un avvocato, a ricorrere al giudice delle esecuzioni presso il Tribunale territorialmente competente.

Si può essere costretti a pagare i debiti esattoriali di un fratello solo se si accetta la sua eredità.

Non ci sono risvolti penali nel mancato pagamento delle cartelle esattoriali né fermi alla frontiera..

13 gennaio 2016 · Marzia Ciunfrini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

minimo vitale
pignoramento conto corrente e libretto di deposito
pignoramento pensione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Iscrizione di ipoteca esattoriale – istanza di cancellazione delle ipoteche per debiti inferiori ad 8 mila euro
Dal 22 febbraio 2010 blocco delle iscrizioni ipotecarie sotto gli 8 mila euro: e per chi si trova nella situazione di avere un'ipoteca per debiti inferiori agli 8 mila euro, Equitalia ha messo a disposizione la modulistica con cui presentare l'istanza di cancellazione «che sarà effettuata», spiega Marco Cuccagna, direttore ...
Equitalia » Chi ha pendenze tributarie non riceverà pagamenti dalla pubblica amministrazione per importi superiori a diecimila euro
Compensazione forzata: la Pubblica Amministrazione (PA), in debito per importi superiori a 10 mila euro, prima di pagare, deve interrogare Equitalia. I soggetti pubblici, ovvero le pubbliche Amministrazioni e società a totale partecipazione pubblica, prima di effettuare un pagamento di importo superiore a 10.000 euro, devono procedere alla verifica di ...
Ipoteca Equitalia illegittima sotto gli 8 mila euro - una sentenza tombale
Nuovo e, forse, definitivo colpo alla vessatoria pratica di Equitalia di iscrivere ipoteca per importi bagatellari è arrivato dalla Corte di Cassazione con la recentissima sentenza numero 5771/2012. Come noto, l'articolo 77, DPR 602/1973, quello che autorizza esplicitamente Equitalia a iscrivere ipoteca sui beni immobili dei contribuenti per crediti “pubblici” ...
Rateazione Equitalia - per debiti fino a 50 mila euro possibile chiederla con semplice richiesta motivata
Passa da 20 a 50 mila euro la soglia massima che permette di chiedere la rateizzazione con una semplice richiesta motivata.  E' possibile ottenere fino a 72 rate (6 anni), fermo restando che l'importo di ciascuna rata dovrà essere pari almeno a 100 euro. Per gli importi superiori resta invece ...
Eredità e debiti tributari
Il chiamato eredita i debiti tributari solo al momento dell'accettazione dell'eredità. I soggetti “chiamati” ad accettare l'eredità non rispondono dei debiti tributari del defunto. Tale obbligo sorge solamente quando il "chiamato" accetta l'eredità (in modo espresso oppure in modo tacito per facta concludentia). Solo al momento dell'accettazione, infatti, si acquista ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca